Magazzini, gli atti di un "padre" di Aquileia

Guida Aquileia

Magazzini, gli atti di un "padre" di Aquileia
Nel 1995, nella parte occidentale del Foro, all'epoca da poco riportata in luce, è avvenuta una scoperta importantissima, quella della base di una statua che celebrava l'operato e l'immagine di Tito Annio Lusco, uno dei triumviri che nel 169 a.C. portarono ad Aquileia, per rinforzare la nuova città in lotta con un ambiente ostile, altre 1500 famiglie.
Visibile nei Magazzini del Museo Archeologico Nazionale, sale della via Annia, la base, fatta verso il 130 a.C., reca un testo inciso con cura, che bisogna immaginare dipinto in un vivace colore rosso: Tito Anno Lusco viene soprattutto ricordato come colui che preparò e seguì la costruzione del principale tempio di Aquileia, il cosiddetto Campidoglio, che in ogni città romana onorava le tre divinità più importanti, Giove, padre degli dei (simbolo di potenza), Giunone sua sposa, signora delle famiglie (la vera base di uno Stato), Minerva, dea della sapienza (immagine del progredire).