Cimabue

Cenni di Pepo

Firenze 1240 ca - Pisa 1302

PITTORE

Biografia

Secondo Vasari fu Cimabue ad aprire la strada alla rinascenza delle arti a Firenze, allontanandosi dalla maniera bizantina, secca e astratta, a favore di una resa più naturalistica ed emotiva dei soggetti. Scarse sono le notizie biografiche: la prima opera attribuitagli è il Crocifisso in San Domenico ad Arezzo (1270 ca.) mentre nel 1272 è documentato a Roma. A Firenze eseguì il Crocifisso per Santa Croce (1280 circa) in cui adottò una tecnica più sfumata e una resa più realistica dei volumi e del panneggio. Allo stesso periodo risale la Madonna col Bambino in trono per la chiesa di San Francesco a Pisa (Louvre). Si ricordano poi i cartoni per i mosaici del Battistero fiorentino e la Maestà di Santa Maria dei Servi a Bologna. La commissione più prestigiosa è quella per San Francesco ad Assisi (1288-1292) dove affrescò l'abside e il transetto della basilica superiore. All’ultimo decennio del secolo risale la Maestà agli Uffizi; dal  1301 al  febbraio 1302, anno della morte, fu a Pisa dove, insieme alla bottega, realizzò il mosaico absidale del duomo di cui rimane solo la figura di San Giovanni Battista.

COMMENTI:

Biografie di: Cimabue

  • Biografia: Cimabue

    Il Cimabue (Cenni di Pepo, 1240-1302?), ha certamente una formazione bizantina. Tanto alta è la sua fama che verrà ricordato anche dal Sommo Poeta.L'influsso bizantino è visibile nella Croce custodita nella Chiesa di San Domenico ad Arezzo, dove il Cristo è raffigurato con ...

Notizie dal Web

Vedi Anche


Opere in Italia
 
Opere nel Mondo