Elia Cantori

Elia Cantori, Untitled (1:1 Map), 2016. Alluminio, 55x90 cm.

 

Dal 02 Febbraio 2018 al 04 Marzo 2018

Bologna

Luogo: Direzione generale Banca di Bologna

Indirizzo: piazza Galvani 4

Orari: Durante il weekend di ART CITY Bologna: 2 febbraio 10 - 22; 3 febbraio 10 - 24; 4 febbraio 10 - 20. Dall’8 febbraio al 4 marzo 2018: da lunedì a venerdì 10 - 13 e 15 - 17.30. Chiuso sabato e domenica

Curatori: Simone Menegoi

Enti promotori:

  • Banca di Bologna
  • Palazzo De' Toschi

Costo del biglietto: Ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 051 6571431

E-Mail info: info@bancadibologna.it

Sito ufficiale: http://eventi.bancadibologna.it/elia-cantori/


Comunicato Stampa:
In occasione di ArteFiera 2018, Banca di Bologna è lieta di presentare nella sede della sua Direzione generale un progetto dell’artista Elia Cantori (Ancona, 1984). In Piazza Galvani 4, Cantori esporrà alcuni nuovi fotogrammi - ovvero impressioni fotografiche dirette, senza la mediazione dell’obiettivo - della serie Dead Constellation, e alcune sculture in alluminio della serie Untitled (1:1 Map) (2016).

Elia Cantori ha come disciplina di riferimento la scultura, ma è eclettico nella scelta delle tecniche: oltre a sculture vere e proprie, realizza opere fotografiche, installazioni, video. Nel suo lavoro mette in scena il legame fra energia e materia; si rivolge ai fenomeni celesti, e al tempo stesso coltiva la dimensione chiusa dello studio, inteso come luogo di indagini e verifiche. La sua attitudine speri- mentale, e il ricorso costante a processi fisici e chimici, sollecitano paragoni fra il suo operare e quello di uno scienziato. Fra le opere che hanno segnalato Cantori alla critica, ricordiamo Stanza (2008), una sfera di circa un metro di diametro in cui l’artista ha compattato le macerie della demo- lizione del suo studio a Londra, e Untitled (Explosion) (2009-10), serie di fotogrammi di piccole esplosioni, in cui l’immagine coincide con la fonte luminosa che ne ha permesso l’impressione sul- la carta. Untitled (Black Hole), una grande scultura in resina sulla cui superficie Cantori ha registra- to, con la tecnica della camera stenopeica, l’immagine del suo studio, è stata esposta nel 2016 nella collettiva LA CAMERA, Sulla materialità della fotografia, curata da Simone Menegoi nel Salone Banca di Bologna di Palazzo De’ Toschi. Al piano terra della Direzione generale di Banca di Bologna - una stanza la cui vetrina si affaccia su Piazza Galvani - Cantori espone alcuni nuovi esemplari della serie Dead Constellation [Costel- lazione morta], iniziata nel 2011. In apparenza, sono fotografie del cielo stellato. Di fatto, si tratta di impressioni dirette di una manciata di polvere di meteorite disposta sulla carta fotografica.
Esposta alla luce, la carta si impressiona; restano esclusi i punti coperti dai corpuscoli di meteorite, che, una volta sviluppato il fotogramma, appaiono come luminosi punti bianchi sul nero.
La polvere di meteorite - eco di una “costellazione morta”, disintegrata miliardi di anni fa - dà vita sulla carta a una nuova costellazione, immaginaria. Le opere stabiliscono un felice dialogo con il nuovo video di Erin Shirreff, Son, esposto in contemporanea nel Salone Banca di Bologna di Palazzo De’ Toschi: come Cantori crea un’immagine astronomica in camera oscura, così l’artista di origine canadese, nel suo filmato di animazione, mette in scena un’eclissi totale di sole nello studio.

Le sculture della serie Untitled (1:1 Map) [Senza titolo (Mappa in scala 1:1)] sono calchi in allumi- nio, realizzati con la tecnica tradizionale della fusione in stampo di sabbia, di alcune mappe che l’artista conservava in studio. Del contenuto delle mappe - la regione a cui si riferiscono, la scala, eccetera - la superficie in alluminio non rivela nulla; ritiene invece, ed enfatizza, le linee i piegatura, le tracce dell’uso e dell’usura. Le sculture sono dunque mappe (in scala 1:1, quella del calco) di mappe; non parlano del mondo, ma degli strumenti con cui lo raffiguriamo. Insieme, i fotogrammi e le sculture imbastiscono un discorso sui limiti (e il fascino) della rappresentazione cartografica. 

Inaugurazione: 2 febbraio 2018 ore 18   

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI