Il Gandolfi dimezzato

Ubaldo Gandolfi, San Camillo de Lellis in adorazione del Sacro Cuore di Gesù con la Vergine e un angelo (part.)

 

Dal 25 Ottobre 2018 al 19 Gennaio 2019

Bologna

Luogo: Quadreria di Palazzo Magnani

Curatori: Marco Riccòmini

Enti promotori:

  • UniCredit
  • Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 051.2962508

E-Mail info: prenotazioni@quadreriapalazzomagnani.it

Sito ufficiale: http://quadreriapalazzomagnani.it


Comunicato Stampa:
Divisa in due pezzi alla fine del Settecento, torna opera unica a Palazzo Magnani. È la grande pala d’altare con San Camillo de Lellis in adorazione del Sacro Cuore di Gesù con la Vergine e un angelo a firma di Ubaldo Gandolfi, in mostra dal 25 ottobre 2018 al 19 gennaio 2019 in Quadreria, nell’ambito delle iniziative promosse da UniCreditFondazione del Monte di Bologna e Ravenna per valorizzare il patrimonio artistico di Palazzo Magnani.
 
Marco Riccòmini, storico dell’arte e art advisor per grandi collezionisti europei, è il curatore della mostra “Il Gandolfi dimezzato”. Attraverso le sue ricerche ha permesso di ricostruire il dipinto che venne scomposto oltre due secoli fa. “Tra i tanti tagli che opere anche famose hanno subìto nel corso dei secoli – spiega –, da quanto mi risulta, quello relativo alla pala del Gandolfi è l’unico caso al mondo di cui siano stati individuati gli elementi principali. Quello che non sappiamo è quando con precisione il taglio sia accaduto, anche se possiamo immaginarne il motivo: vendere la pala come due dipinti distinti”.
 
L’indagine di Riccòmini sulle tracce della pala inizia nel 2017, quando – ricevuto l’incarico di curatore della collezione antica della Quadreria di Palazzo Magnani – ammira tra i dipinti della Collezione UniCredit il San Camillo de Lellis di Ubaldo Gandolfi. È un’opera che gliene ricorda un’altra, vista trent'anni prima presso un mercante a Londra, poi finita a un collezionista francese. Le due tele apparvero allo storico dell’arte non soltanto simili nella forma, ma quasi un’unica opera. 
 
Passando per archivi e contatti londinesi, Riccòmini rintraccia a Parigi la parte inferiore della tela. “L’idea di ricongiungerle – spiega Riccòmini – nasce spontanea e l’emozione della reunioncoinvolge tanto il collezionista francese quanto UniCredit e la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna”, che decidono di inserire la mostra tra le iniziative del progetto artistico condotto in sinergia per promuovere il patrimonio dello storico edificio bolognese.
 
La mostra saràinaugurata giovedì 25 ottobre alle 19; edal 26 ottobre 2018 al 19 gennaio 2019 - tutti i mercoledì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 20, e ogni secondo sabato del mese dalle 10 alle 13 - sarà possibile ammirare il“Gandolfi dimezzato”, presentato per la prima volta al pubblico nella sua integrità, in un allestimento particolare che ricompone l’opera all’interno della Quadreria e ricrea virtualmente l’idea della sua possibile collocazione originaria come pala d’altare.
 
La mostra è accompagnata da un breve catalogo, sempre a cura di Marco Riccòmini, che suggerisce, in forma narrativa, una tra le possibili maniere in cui si svolsero i fatti in merito alla tela del Gandolfi, ripercorrendo anche le vicende di altri quadri divisi, in una sorta di raccolta di “storie di separazione”.  

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: