Ivano Troisi. Prima

Particolare opera di Ivano Troisi

 

Dal 07 Aprile 2018 al 20 Maggio 2018

Caserta

Luogo: Galleria Nicola Pedana

Curatori: Testi in catalogo di Luca Beatrice e Alessandra Troncone

E-Mail info: gallerianicolapedana@gmail.com

Sito ufficiale: http://nicolapedana.com


Comunicato Stampa:
Prima c’era la terra, l’albero, la polvere, le foglie secche cadute. 
Per Ivano Troisi il fare artistico è ricerca del sé attraverso quelle cose rilasciate come frammenti, alle quali difficilmente prestiamo attenzione. Sono resti non trovati, ma cercati, esatto contrario del paradigma picassiano.
Le matrici ispiratrici sono chiare ed evidenti: Arte Povera e Land Art. Entrambe però svuotate dal monumentalismo e dall’inseguimento dell’impresa titanica, frutto di quella tensione utopistica che il nostro tempo ha lasciato per strada. Non ci sono tronchi giganteschi da trasportare né paesaggi da modificare, non è necessario attraversare un lago salato e neppure affrontare un deserto di rocce. Basta guardarsi intorno, fiutare quelle tracce minime che compongono il nostro universo quotidiano, dove semplice non vuol dire affatto banale. 
E c’è poi un’altra questione legata all’anagrafe. Troisi ha trentaquattro anni e quando ha cominciato a lavorare attivamente nel mondo dell’arte, l’economia mondiale era già entrata nella più aspra crisi del dopoguerra, trasformatasi in lunga recessione. Ciò ha avuto un effetto non indifferente nel modus operandi di questa microgenerazione nata tra fine anni Settanta e metà Ottanta. Un tempo si sarebbe detto “fare della precarietà un’estetica”, oggi possiamo certamente mettere a fuoco la mutazione poetica di artisti che, consapevoli di ciò che stava accadendo loro intorno, hanno eliminato dal linguaggio alcune parole sostituendole con altre. Al posto di impantanarsi sul costo di produzione si è dato maggior spazio alle tecniche del riuso. I materiali aulici sono stati sostituiti da altri più poveri eppure più ricchi, se si riflette quanta storia si porta con sé un oggetto abbandonato, eroso e consumato dal tempo. La fragilità si è trasformata in forza. Arte di racconti brevi, frammentari, short stories ben più convincenti dell’ambizione al Grande Romanzo che poi non arriva quasi mai. E, non ultimo, un nuovo concetto di spazio; non più il trionfalismo dell’installazione sovradimensionata al centro della sala museale, ma brevi interstizi decentrati, al limite dell’impercettibilità, poggiati con discrezione, sculture senza piedestallo, fogli di carta smarginata, tranches che sfuggono dall’idea di completezza a sottolineare che è l’esperienza del vissuto la traccia più autentica a muovere il lavoro dell’artista.
Belli i titoli delle opere di Ivano Troisi (diffido dei senza titolo perché le persone e le cose care hanno sempre un nome). Nel vento, ispirato al movimento delle foglie secche sugli alberi nel giardino della Reggia di Caserta; Ricordo, la memoria che va a una camminata, una passeggiata dove annusare e raccogliere le tracce; Prima, il lavoro più importante, una colonna di castagno scolpita in dieci sezioni e poi ricomposta, tentando così di restituirla alla condizione iniziale. Mi scrive Ivano, “Prima racconta di questo castagno che ormai solo, strappato dalla natura, ricorda i suoi simili che ancora vivono nel bosco e ogni sezione è scavata su di un lato come un ricordo impresso, una cicatrice”.
Nato a Salerno nel 1984, Troisi non ha dovuto affrontare lunghi viaggi per riportare tutto a casa. Imparare a guardarsi intorno, mappare l’esistente, conoscere il proprio giardino, scoprirne le sfumature e i segreti, significa avere l’occhio vigile e allenato al mondo. Un mondo che c’è sempre stato. Ci siamo noi, ma lui c’era anche prima. 

Testo di Luca Beatrice

Inaugurazione: Sabato 7 aprile ore 18:30 - 21 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: