1927. Il ritorno in Italia. Salvatore Ferragamo e la cultura visiva del Novecento

© 800/900 ARTSTUDIO, LIVORNO–LUCCA | GIUSEPPE PIOMBANTI AMMANNATI, PONTE SANTA TRINITA, 1925, TEMPERA SU CARTONE

 

Dal 19 Maggio 2017 al 02 Maggio 2018

Firenze

Luogo: Museo Salvatore Ferragamo

Curatori: Carlo Sisi

Telefono per informazioni: +39 055 3562466

E-Mail info: museoferrragamo@ferragamo.com

Sito ufficiale: http://https://www.ferragamo.com/museo/it/ita


Comunicato Stampa:
Nel 2017 ricorrono novant’anni dal ritorno di Salvatore Ferragamo in Italia, nel 1927, dopo dodici anni trascorsi negli Stati Uniti. In occasione di questo anniversario, il Museo Salvatore Ferragamo ha ideato un progetto espositivo che si apre a una panoramica sull’Italia degli anni venti, decennio al quale oggi guardiamo come una vera fucina di idee e di sperimentazioni condotte con mente aperta e scevra da pregiudizi o condizionamenti ideologici.

Ferragamo scelse di stabilirsi a Firenze in virtù della sua riconosciuta centralità nella geografia del gusto e dello stile nazionali in un momento storico scandito da molti ritorni: ritorno all’ordine, al mestiere, alla grande tradizione nazionale. La mostra narra proprio di questo attraversamento nella cultura del tempo, sviluppandolo per capitoli come un romanzo di formazione.

Fil rouge del percorso espositivo curato da Carlo Sisi è il viaggio in transatlantico che Ferragamo compie per tornare in Italia, inteso come metafora del suo itinerario mentale attraverso la cultura visiva dell’Italia degli anni venti, da cui estrae le tematiche e le opere che influenzarono, in maniera diretta o indiretta, la sua officina poetica; senza trascurare nessuno degli aspetti culturali e sociali che contraddistinsero la rinascita civile del primo dopoguerra, alla vigilia dell’autoritaria affermazione del regime fascista.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: