ARTOUR-O il MUST a Firenze XXIII edizione

ARTOUR-O il MUST a Firenze XXIII edizione

 

Dal 15 Marzo 2016 al 20 Marzo 2016

Firenze

Luogo: Villa Le Rondini e altre sedi

Indirizzo: via Bolognese 224

Telefono per informazioni: +39 010 5536953

E-Mail info: ellequadrodocumenti.com


Comunicato Stampa:
Cos’è ARTOUR-O IL MUST MUSeo Temporaneo
è una piattaforma di progetti dedicata alla promozione della creatività dell’arte contemporanea, del design, del mondo dell’Impresa e delle Istituzioni. In particolar modo è attento alla tematica della Committenza, realtà strutturale alla storia dell’arte italiana. L’iniziativa, costituita da due appuntamenti annuali, il primo sempre a Firenze ed il secondo all’estero, accoglie i visitatori all’interno di una “casa”.
L’idea fondante
è quella di riportare l’arte nel suo alveo naturale, la casa, appunto perché l’arte è nata per essere vissuta nel quotidiano come ci insegnano i grandi del passato.
Dove
Perciò torna a Villa Le Rondini, sede durante tutto l’anno dei cenacoli di ARTOUR-O a tavola, e in centro Città all’Istituto d’Arte di Porta Romana e Sesto fiorentino, all’Accademia delle Arti del Disegno, e negli altri favolosi spazi per l’ormai tradizionale percorso che comprende l’Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella in via della Scala, Fani Gioielli in via Tornabuoni, l’atelier Gloria Carla Cecchi e l’Hotel Londra in via Diacceto, la veneranile Arci Confraternita della Misericordia oltre a qualche piacevolissima new entry come lo spazio dell’Accademia del Costume e la straordinaria Caserma France- sco Redi con i suoi straordinari inediti spazi ed altri luoghi che persino i fiorentini difficilmen- te conoscono.
Le tante esperienze all’estero si concretizzano poi in presenze attive a Firenze quest’anno si aggiungono quindi i partecipanti provenienti dalla Repubblica Ceca, la nostra meta più recente all’estero.
Le sezioni
Interior - A Tavola - nel Parco – gAt under 35, il Percorso in Città, Kids, Focus e B2B
La nuova edizione
predilige ancora la progettualità mirata all’ecosteniblità, ma è come sempre è attenta alla versatilità e rispecchia il variegato mondo dell’arte in maniera trasversale unendo arte, design, musica, moda e cibo.
L’evento si svolge
come al solito all’interno delle stanze e nei saloni, e le sedi sono sempre più prestigiose. I “Leaders” presentano ciascuno il proprio progetto con gli Artisti da loro sostenuti, e qui si innesca l’altro aspetto fondamentale di ARTOUR-O, l’attenzione alla Committenza che si esprime da anni poi concretamente con i MISA.
Agli ARTOUR-O D’Argento si sono aggiunti infatti i MISA i Musei Internazionali in progress di Scultura (e non solo) per le Aziende che parlano delle identità delle aziende e della “naturale tendenza al bello degli italiani” . Come asseriva convinto nel lontano ‘72 Marco Valsecchi – e grazie al cui apporto il nostro Paese è diventato il più importante scrigno d’arte del mondo.
Questa la ragione del nostro riportare attenzione all’artista come maestro di bottega. Alla page1image26736 page1image26896 page1image27056 page1image27216 page1image27376 page1image27536 voce di ARTOUR-O quindi se ne sono aggiunte altre ben più autorevoli, e comunque in sintonia con il messaggio di Leonardo da Vinci, il “nostro” manifesto, per vivere una vita senza “gabbie” mentali, e tutti coloro che partecipano a questa nuova challenge sono persone che hanno molto da dire.
Obiettivo
creare un ambiente abitativo accogliente e vivibile in modo costruttivo, grazie all’apporto di tutti ognuno nel proprio specifico. Raggiunto l’obiettivo di dimostrare che Firenze, emblematicamente per l’Italia, oggi più che mai catalizza creatività stupefacenti, ci siamo dati un altro obiettivo ambizioso: ottenere l’introduzione della storia dell’arte in tutte le scuole di ogni ordine e grado.
I Protagonisti – gli Artisti e i loro Committenti
Gli Artisti
Pablo Atchugarry, Gianni Bandinelli, Andrea Camerini, Gloria Campriani, Tommaso Cascella, Lucilla Catania, Valeria Catania, Pola Cecchi, Corrado De Ceglia, Cécile Delikouras, Enzo Esposito, Alba Folcio, Giorgio Faletti, Ignazio Fresu, Giorgio Gatto, Giua, Andrea Granchi, Giuseppe Gusinu, Hye Weon Shim, Daniele Lombardi, Carlo Lorenzetti, Susi Manzo, Gino Masciarelli, Maurizio Massini, Alfred Milot Mirashi, Pantaleo Musarò, Andrè Parodi Monti, Lorenzo Perez Vinagre, Bruno Petronzi, Gabriele Pici, Giampiero Poggiali Berlinghieri, Potsy, Emanuela Prato,
Oliviero Rainaldi, Franco Repetto, Matilde Ricciardulli, Luciano Rossi, Carla Sassaroli, Luciana Sommariva, Rudolf Svodboda, Tang Jue, Nino Ventura, Luigi Vollaro, Silvano Zanchi.
Presentati dai Committenti
Aziende, Comuni, Fondazioni, Associazioni, Università e Musei presentano la propria identità usando il lessico dell’arte e del design e precisamente:
Camec Spezia, Carton Factory Siena, Città di Mérida Spagna, Comune di Assisi Perugia, Comune di Campiglia Marittima Livorno, Duchaley Shanghai, Fondazione Atchugarry Montevideo Uruguay, Fondazione Guglielmo Giordano Torgiano Perugia, Il Bosco d’Arte Greve in Chianti Firenze, Lu-nezia Fund Ltd. Gibilterra, Made in Italy for me Taranto, MISA Autogas Centro San Donnino Firenze, Museo Luzzati Genova, National Historical Museum Tirana Albania, Plain Green – PLA Genova, Luciana Sommariva S. Salvatore Genova, Studio Aspera Genova – Roma, Studio Bianchi London, Studio Most Firenze, Università di Verona, Villa la Vedetta Firenze, Villa le Rondini Firenze, e tra gli Amici di ARTOUR-O Accademia delle Arti del Disegno Firenze, FANI Gioielli Firenze, FIAM Pesaro, Fondazione Mudima Milano, Liceo Artistico Statale di Porta Romana e Sesto Fiorentino Firenze, Palazzo della Meridiana Genova, Plastic Food Umbertide Perugia, Politecnico di Milano, Rustici del Trusco Guidonia Montecelio Roma, Symbola Roma,
Talentour Genova, Le Terrazze del Ducale Genova, Università di Genova – Facoltà di Architettura.
Concludendo un programma molto variegato composto da mostre, incontri, B2B, focus, cene e premi tra cui gli importantissimi ARTOUR-O D’Argento riconoscimenti dedicati ai committenti che condividono con la comunità la loro passione. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI