Andy Warhol sul comò. Opere dalla collezione di Rosetta Barabino

Andy Warhol sul comò. Opere dalla collezione di Rosetta Barabino, Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce, Genova

 

Dal 02 Aprile 2015 al 05 Luglio 2015

Genova

Luogo: Museo d’Arte Contemporanea Villa Croce

Indirizzo: via Ruffini 3

Orari: da martedì a domenica 11-19

Enti promotori:

  • Comune di Genova
  • Genova Palazzo Ducale - Fondazione per la Cultura
  • Civita

Costo del biglietto: intero € 8, ridotto € 6 per giovani da 18 a 25 anni, gruppi di almeno 15 visitatori convenzioni appositamente attivate, ridotto speciale € 3 per scuole e minori di 18 anni

Telefono per informazioni: +39 010 580069 / 585772

E-Mail info: staffmostre@comune.genova.it

Sito ufficiale: http://www.villacroce.org


Comunicato Stampa: Villa Croce ritorna a essere una dimora privata arredata con mobili di design per ospitare quasi cento opere da una straordinaria collezione genovese mai prima presentata in pubblico.
Le opere, scelte con cura e visionaria lungimiranza da Rosetta Barabino, sono il frutto di una passione condivisa con il figlio minore che per più di trent’anni li ha portati per gallerie e mostre d’arte contemporanea.
La mostra riunisce settanta artisti italiani e internazionali, da Andy Warhol a Carl Andre, da Donald Judd a Cy Twombly, da Dan Flavin a Robert Morris, oltre a Joseph Beuys, Olafur Eliasson, Cindy Sherman, Gordon Matta-Clark, Takashi Murakami, Ettore Spalletti, Ai Wei Wei, Fischli & Weiss e Yang Fudong per raccontare la storia dell’arte contemporanea attraverso lavori eccezionali che, installati in un ambiente domestico moderno e sofisticato, (arredato con mobili Vitra, Molteni e Schiffini) dimostrano come l’arte contemporanea possa diventare ispirazione quotidiana per immaginare il futuro.
L’esposizione vuole anche evidenziare come già negli anni ‘60 e ‘70 la città fosse il centro di un collezionismo illuminato e d’avanguardia che trovava nelle ricerche del Minimalismo americano il fulcro della contemporaneità. Nelle parole di Gian Enzo Sperone, storico gallerista internazionale, e mentore della collezione: “La Signora Barabino, appartiene a quella ristretta élite di visionari che nell’ambito del collezionismo d’avanguardia, dava a noi giovani mercanti l’attenzione che era in tutti i sensi, l’ossigeno per stare in vita.”
La mostra, promossa dal Comune di Genova e da Genova Palazzo Ducale - Fondazione per la Cultura
in collaborazione con Civita, sarà accompagnata da un catalogo edito da Marsilio, che offre la storia della collezione, immagini della mostra e testi critici di Ilaria Bonacossa, Francesco Bonami, Luca Cerizza oltre alle schede
di tutte le opere in collezione. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI