Giovanni da Pisa in mostra al Diocesano

Giovanni da Pisa in mostra al Diocesano, Genova

 

Dal 16 Novembre 2018 al 22 Gennaio 2019

Genova

Luogo: Museo Diocesano

Indirizzo: via Tommaso Reggio 20r

Telefono per informazioni: +39 010 2475127

E-Mail info: info@museodiocesanogenova.it

Sito ufficiale: http://www.museodiocesanogenova.it


Comunicato Stampa:
Al Museo Diocesano di Genova saranno esposte fino al 22 gennaio 2019 quattro tavole attribuite al pittore ligure d'inizio quattrocento Giovanni da Pisa. Le opere, San Leonardo e Santa Chiara, Sant'Agata e la Madonna con il Bambino provengono rispettivamente dal Museo di Palazzo Madama, dalla Pinacoteca Malaspina di Pavia e dalla chiesa di Maria SS. della Misericordia e Santa Fede.
La mostra nasce al termine del progetto di restauro e valorizzazione nato dalla collaborazione di tre istituzioni museali: Palazzo Madama, il Museo Civico d'Arte Antica di Torino, Museo Diocesano di Genova e Musei Civici di Pavia, e la Pinacoteca Malaspina, in collaborazione con il Centro Conservazione e Restauro "La Venaria Reale", detto CCR.
La particolarità del progetto è che si è riusciti a riunire le quattro tavole che originariamente si pensa facessero parte di un unico polittico, proveniente da una chiesa genovese ma smembrato e disperso nel XIX secolo. La ricomposizione di questo polittico viene proposta per la prima volta in questa piccola mostra itinerante che ha preso avvio da Palazzo Madama il 25 ottobre 2017, quindi si è spostata a Pavia presso la Pinacoteca Malaspina e ora si trova a Genova.

Il restauro effettuato nei Laboratori del CCR di Venaria, sotto la supervisione della Direzione dei Musei e della Soprintendenza e le analisi comparative svolte anche sulla tavola proveniente da Genova hanno consentito un sostanziale avanzamento delle conoscenze sulle opere, non soltanto dal punto di vista materiale ma anche da quello dell’inquadramento storico-critico.

Gli studi hanno inoltre consentito di ipotizzare che a completare il polittico ci fosse un quinto pannello: un frammentario San Lorenzo di cui si ignora la attuale ubicazione.    

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI