Fotografia Zero Pixel

Fotografia zero pixel, Biblioteca statale Isontina, Gorizia

 

Dal 13 Febbraio 2016 al 23 Febbraio 2016

Gorizia

Luogo: Biblioteca statale Isontina

Curatori: Annamaria Castellan, Massimiliano Muner, Michela Scagnetti

Enti promotori:

  • Acquamarina
  • Biblioteca Statale Isontina
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Centrale Cultura

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 0481 580225

E-Mail info: bs-ison@beniculturali.it

Sito ufficiale: http://www.fotogafiazeropixel.it.


Comunicato Stampa:
Dopo le tappe di Trieste e Capodistria, s'apre sabato 13 febbraio alla Biblioteca Statale Isontina di Gorizia la mostra “Fotografia Zero Pixel”, con opere di  16 artisti noti a livello internazionale ed emergenti. Attraverso la fotografia creativa su pellicola gli autori interpretano con varie tecniche i temi dell’alimentazione e del cibo. 
Inaugurazione alle ore 11 di sabato 13 alla Galleria d'arte “Mario Di Iorio” della Biblioteca Statale, in via Mameli 12. Introdurranno gli organizzatori e fotografi Annamaria Castellan, Massimiliano Muner e Michela Scagnetti, il maestro fotografo e direttore artistico Ennio Demarin, e Marco Menato direttore della Biblioteca Statale Isontina. La mostra sarà visitabile fino al 23 febbraio, a ingresso libero, con orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 18.30, e il sabato dalle 10.30 alle 13. 
Finissage martedì 23 febbraio alle 17.30 con la critica d'arte Emanuela Uccello, che proporrà una lettura critica delle opere esposte, e l'intervento di Antonella Gallarotti, in rappresentanza della direzione della Biblioteca Statale. Verranno anche presentate le prossime tappe del progetto, che prevedono tra l'altro dal 28 febbraio al 2 aprile l'allestimento della mostra con altre iniziative al Museo dell'Occhiale di Pieve di Cadore. 
  page1image37952 page1image9544
Le iniziative fanno parte della rassegna “Fotografia Zero Pixel”, promossa dalle associazioni Acquamarina e Officina Istantanea di Trieste per riavvicinare all'arte e 16 artisti noti a livello internazionale ed emergenti. Attraverso la fotografia creativa su pellicola gli autori interpretano con varie tecniche i temi dell’alimentazione e del cibo.  Inaugurazione alle ore 11 di sabato 13 alla Galleria d'arte “Mario Di Iorio” della Biblioteca Statale, in via Mameli 12. Introdurranno gli organizzatori e fotografi Annamaria Castellan, Massimiliano Muner e Michela Scagnetti, il maestro fotografo e direttore artistico Ennio Demarin, e Marco Menato direttore della Biblioteca Statale Isontina. La mostra sarà visitabile fino al 23 febbraio, a ingresso libero, con orari: dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 18.30, e il sabato dalle 10.30 alle 13.
Finissage martedì 23 febbraio alle 17.30 con la critica d'arte Emanuela Uccello, che proporrà una lettura critica delle opere esposte, e l'intervento di Antonella Gallarotti, in rappresentanza della direzione della Biblioteca Statale. Verranno anche presentate le prossime tappe del progetto, che prevedono tra l'altro dal 28 febbraio al 2 aprile l'allestimento della mostra con altre iniziative al Museo dell'Occhiale di Pieve di Cadore. page1image37952
alle antiche tecniche della fotografia tradizionale, che permettono una grande varietà di sfumature cromatiche e di possibilità creative. Iniziata in novembre a Trieste con mostre, incontri, presentazioni di libri e workshop, e poi in dicembre a Capodistria, prosegue ora con gli appuntamenti in programma a Gorizia e Pieve di Cadore. La mostra a Gorizia è promossa in collaborazione con la Biblioteca Statale Isontina. 
Nella Galleria d'arte “Mario Di Iorio” della Biblioteca Statale vengono esposte una settantina di foto, dalle piccole alle grandi dimensioni, realizzate dai 16 autori con tecniche a collodio umido, off camera, stampa ai sali d'argento e tecnica Beer, fino ad esempi creativi di sviluppo istantaneo Polaroid.

Vi appaiono opere di maestri ed esordienti, quali: Alberto Bastia, Daniele Berdon, Serena Bobbo, Ugo Borsatti, Annamaria Castellan, Ennio Demarin, Giacomo Frullani, Marcus Gabriel, Nello Gonzini, Massimiliano Muner, Michela Scagnetti, Tullio Stravisi, Luigi Tolotti, Paolo Toniati, Ezio Turus, Vito Vecellio. Il tema interpretato è il cibo, anche in riferimento a quello dell'Expo internazionale 2015 di Milano. 
Direttore artistico è il Maestro fotografo Ennio Demarin, noto a livello internazionale per le sue sperimentazioni con Polaroid e per i suoi lavori fotografici nei più svariati campi: dalla moda, alla pubblicità, al ritratto, al reportage. 
La rassegna “Fotografia Zero Pixel” è alla seconda edizione, e punta a dar vita a un appuntamento annuale internazionale, coinvolgendo il Nordest italiano, Slovenia, Croazia ed Austria. 
Fotografia Zero Pixel, che nel 2014 ha totalizzato 6.000 presenze, anche di comitive scolastiche, ha il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Direzione Centrale Cultura e la collaborazione di: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Biblioteca Statale Stelio Crise di Trieste, Comunità degli Italiani di Capodistria, Biblioteca Statale Isontina, Libreria e Antico Caffè San Marco, CRAF (Centro Ricerca Archiviazione di Fotografia) di Spilimbergo, Magnifico Comune di Pieve di Cadore, Museo dell’Occhiale, ZKB - Banca di Credito Cooperativo del Carso, Spaziowhite, Attualfoto.

La mostra resterà aperta fino al 23 febbraio dalle 10.30 alle 18.30, da lunedì a venerdì, il sabato fino alle 13.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: