Franco Fontana. Post Pop Dada

Franco Fontana, Post Pop Dada, @Still, Milano

 

Dal 28 Novembre 2018 al 15 Gennaio 2019

Milano

Luogo: @Still

Indirizzo: via Balilla 36

Orari: Lun - ven 9.30-13 / 14-18. Sabato su appuntamento

Curatori: Denis Curti, Italo Zannier

Telefono per informazioni: +39 02 36744528

E-Mail info: info@stilllove.it

Sito ufficiale: http://www.stillfotografia.it


Comunicato Stampa:
I rapporti sono spesso profondi, ma nessuno eguaglia quelli che attraversano le linee sottili dell’ironia e dello scherzo. Ne è un chiaro esempio il rapporto epistolare nato dall’amicizia di Franco Fontana e Italo Zannier, che ha dato vita a dei veri e propri frammenti d’arte, pur avendo solo cominciato, come dice l’artista stesso, per gioco.
 
Un nome, quello di Franco Fontana, che allude a una rottura degli schemi, avvolta sempre da una ricerca del colore e dell’originalità.  
Franco Fontana, grande maestro della fotografia italiana, ha realizzato con grande cura e meticolosità artigianale,delle insolite e originali cartoline, composte per lo più da scarti d’immagini, fotocopiate, ritagliate e montante su un fondo giallo acceso, formando delle originali composizioni neofuturistiche, con riferimenti Dada e vivaci incursioni Pop.
Le opere, inizialmente destinate allo storico della fotografia Italiana e amico di una vita, Italo Zannier, rappresentano il mondo visionario di Fontana, 
un cammino tra ferventi colori e viaggi privati diventati pubblici.

L’autore con questo lavoro sembra ritagliarsi uno spazio entro i cui confini sentirsi finalmente libero di accostare parole, immagini, foto, pubblicità, francobolli, con la libertà che solo all’originale creatore viene, sia pur raramente, concessa. 

«Ho cominciato come gioco - racconta Franco Fontana - mandandole agli amici. Come divertimento, niente di più. Al tempo di Internet, delle email, dei social, nessuno invia più lettere. Viviamo solo in un gran disordine. Ma è proprio il disordine che ti fa alzare le ali e t’impone di guardare dall’alto, con distacco e ironia.
Io non ho fatto che questo.»  

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI