Paratissima Art & Design Fair

Perry Colante, Le ingorde, stampa lambda + plexiglass, cm. 40x40. Where Art meets Design

 

Dal 09 Aprile 2019 al 14 Aprile 2019

Milano

Luogo: Fabbrica del Vapore

Indirizzo: via Procaccini 4

Orari: 9 aprile: 14:00 - 20:00 10 aprile: 10:00 - 20:00 11 aprile: 10:00 - 20:00 12 aprile: 10:00 - 20:00 13 aprile: 10:00 - 00:00 14 aprile: 10:00 - 20:00

Enti promotori:

  • Con il Patrocinio del Comune di Milano e in collaborazione con IAAD - Istituto d'Arte Applicata e Design

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 011 2073075

E-Mail info: info@paratissima.it

Sito ufficiale: http://www.paratissima.it


Comunicato Stampa:
La Cattedrale della Fabbrica del Vapore ospita la seconda edizione di Paratissima Milano, in programma dal 9 al 14 aprile, in concomitanza con la Design Week. 

Sei giorni di mostre, incontri e progetti artistici che ruotano attorno alle tre esposizioni curate dalla direzione artistica che indagano le contaminazioni tra arte e design e gli sviluppi futuri e futuribili della tecnologia nella quotidianità. Where Art meets Design mette in mostra le visioni alternative di comuni oggetti di uso quotidiano. Natural Flavours contrappone alla macchina della civiltà, l'ascolto e la cura della propria dimensione interiore, attraverso una ritrovata comunione con la natura. Digital Humanity oppone al macchinismo digitale un nuovo concetto di umanità. 

Più di novanta gli artisti, i creativi, i designer e le gallerie d'arte presenti e venti gli studenti IAAD iscritti al workshop di esplorazione creativa sulla Digital Humanity - proposto dal Dipartimento IAAD di Innovation Design - attraverso strumenti digitali di ultima generazione: telecamera 360 gradi e stazione editing video 360 gradi in realtà virtuale.       

WHERE ART MEETS DESIGN 
Cosa potrebbe accadere se l'arte invadesse il design dando la propria libera interpretazione a oggetti di uso comune e quotidiano e annullandone o sovvertendone la funzione? Ecco dunque materializzarsi inattese apparizioni di oggetti comuni rielaborati e rivisti da un punto di vista completamente inedito ed inaspettato rispetto alle abitudini consolidate. O ancora palesarsi oggetti preposti a soddisfare esigenze impensabili, entrando a pieno titolo in una dimensione tanto fantasiosa quanto utopica. Le regole vengono così disattese e ribaltate, modificate in base al capriccio del libero arbitrio della creatività che prende il sopravvento concependo visioni surreali, in cui il sogno e l'imponderabile danno libero sfogo a ciò che la norma e il buon senso normalmente non permettono. È la sfida che l'arte lancia alla vita quotidiana, dimensione deputata all'uso e al consumo, in cui si perde di vista la potenzialità creativa degli oggetti, liberi finalmente di esprimere la propria autonomia e di sognare un'altra vita, svincolandosi dal secolare asservimento all'uomo. 

NATURAL FLAVOURS 
Equilibrio interiore, semplicità e armonia sembrano ormai chimere per la civiltà contemporanea, dominata dal progresso tecnologico, dalla connessione perenne e dall'artificio, nonché sempre più lontana dallo stato di Natura. J.J. Rousseau nel "Discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini", considera infatti come benigna la Natura, concepita come stato originario dell'uomo selvaggio, e felice la vita solo se vissuta a diretto contatto con essa, mentre «i nostri mali sono per la maggior parte opera nostra e li avremmo evitati quasi tutti mantenendo la maniera di vivere semplice, uniforme e solitaria che ci era prescritta dalla natura». Il banale quanto incontrollato proliferare del prefisso bio accanto ad ogni tipo di alimento, oppure il moltiplicarsi di cosmetici e medicinali di derivazione naturale, rendono sempre più evidente la necessità e l'anelito di un ritorno alle origini come antidoto a un presente iper-tecnologizzato e sempre più adulterato da sostanze chimiche e manipolazioni genetiche. Natural Flavours, letteralmente aromi naturali, è la misteriosa quanto contraddittoria dicitura riportata tra gli ingredienti della stragrande maggioranza dei prodotti alimentari in commercio. Il gusto e la ricerca per la genuinità del prodotto risultano quasi depistati da questa fantomatica formula che, se da un lato evoca la natura, dall'altro si trincera dietro a una definizione misteriosa e segreta, dando luogo a legittimi interrogativi. Al di là dell'ovvio sfruttamento commerciale di questa recente tendenza, è finalmente tangibile la crescita di una maggior sensibilità ecologica: una rinnovata attenzione tanto per la salute e per la purezza dell'ambiente quanto per tipologia di consumo, va di pari passo con il tentativo di recuperare valori tradizionali e culture locali, con la riscoperta e la difesa dell'ambiente e del paesaggio. Tra i tanti filosofi e letterati suggestionati dal mito del primitivismo, lo scrittore americano Henry Thoreau, grazie al libro "Walden, ovvero La vita nei boschi" (1854), è considerato il riferimento ideale di generazioni di ecologisti, pacifisti ed anticonformisti. Opera a metà strada tra il saggio filosofico e il diario in cui viene rappresentata la semplicità della vita fra i boschi, è stata fonte d'ispirazione per Gandhi e le controculture contemporanee da cui verrà riletta e rielaborata. 

DIGITAL HUMANITY
Tecnologia e computer influenzano oggi in modo esponenziale pensiero e azione, la maniera in cui percepiamo noi stessi e le nostre relazioni con gli altri. Il computer, da mero strumento è diventato, infatti, parte della nostra vita quotidiana, personale e psicologica. Le possibilità che i mondi virtuali e l'intelligenza artificiale aprono, rendono il confine tra uomo e computer, tra mente umana e macchine, sempre più labile sollevando impellenti interrogativi su questioni etiche, generando nuove forme di creatività ed alimentando ideali di bellezza inediti. In questa tanto delicata quanto inarrestabile fase di transizione, a causa della continua e rapidissima evoluzione della tecnologia, è però necessario stabilire una direzione e definire degli orizzonti di senso. La tecnologia digitale deve essere interpretata come una nuova cultura, il cui obiettivo non deve essere la totale automazione e l'esclusione dell'utente, sostituito progressivamente da surrogati tecnologici. Al “macchinismo digitale” bisogna opporre invece un nuovo concetto di "umanità digitale", che rappresenta la preoccupazione e l'intenzione di mettere al centro della ricerca e dell'innovazione l'umanità in tutti i suoi aspetti, per facilitare ulteriormente l'interazione tra uomo e macchina. I topic su cui riflettere per tracciare un comune futuro sostenibile e a misura d'uomo sono innumerevoli: relazioni affettive e relazioni sociali, ubiquità e iper-connessione, identità reale e virtuale, ultra-menti e habitat intelligenti ed evolutivi. 
 
È IL FUTURO BELLEZZA!
CONTAMINAZIONE TRA ARTE, DESIGN E TECNOLOGIA: L'ESTETICA DELLA DIGITAL HUMANITY
Workshop di esplorazione creativa sulla Digital Humanity attraverso quattro prospettive: Mondi, Corpi, Emozioni, Menti. Venti studenti IAAD avranno l'opportunità di lavorare ogni giorno su uno dei 4 temi attraverso strumenti digitali di ultima generazione, sperimentando processi creativi che guardano verso il futuro e svincolando idee e possibilità sempre nuove. Concept, visual e proposte saranno condivisi con artisti, designer e visitatori di Paratissima. I progetti saranno ideati utilizzando esclusivamente mezzi digitali. I 4 temi saranno interpretati, oltre che attraverso rappresentazione digitale e modellazione 3D anche tramite alcuni degli strumenti innovativi parte del futuro laboratorio del Dipartimento di Design dell'Innovazione, tra cui telecamera 360 gradi e stazione editing video 360 gradi in realtà virtuale.    
Il workshop condotto da Matteo Doro, è in programma dal 9 al 14 aprile, dalle 10 alle 18. Una delle giornate sarà guidata da Oluwaseyi Sosanya - CEO e co-founder Gravity Sketch - che mostrerà le potenzialità del co-design in realtà virtuale attraverso il software Gravity Sketch. 



SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI