Yan Pei-Ming. L'ultimo sorriso

Yan Pei-Ming, L'ultimo sorriso, Massimo De Carlo, Milano

 

Dal 27 Settembre 2019 al 14 Dicembre 2019

Milano

Luogo: Massimo De Carlo

Indirizzo: piazza Belgioioso 2

Orari: da martedì a sabato 11-19

Sito ufficiale: http://www.massimodecarlo.com


Comunicato Stampa:
Massimo De Carlo presenta L'Ultimo Sorriso, Le Dernier Sourire, The Last Smile, una nuova mostra personale di Yan Pei-Ming.

Nato a Shanghai nel 1960 e cresciuto durante la Rivoluzione Culturale in Cina, dal 1982 vive e lavora a Digione, in Francia. La dicotomia delle esperienze culturali orientali e occidentali di Ming ha contribuito a formare lo stile espressivo dell’artista che negli oltre trent’anni della sua attività è emerso a livello internazionale come uno dei più grandi pittori figurativi del nostro tempo.

Nell'anno che celebra il 500° anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci, Yan Pei-Ming - noto per i suoi ritratti espressionistici di volti di personaggi influenti della storia - ha scelto di concentrarsi sul sorriso più iconografico della storia dell’arte: l’espressione di Monna Lisa. Per l’artista quello di Leonardo è il sorriso più iconico e ha relegato fin dalla sua prima apparizione tutti gli altri sorrisi nella penombra.

Quando Leonardo da Vinci dipinse la Gioconda creò indubbiamente la più grande celebrità della storia dell'arte. Ming, come del resto tutta la cultura moderna e contemporanea, considera la Gioconda come il volto femminile più famoso e iconico del mondo: quell’espressione misteriosa e l’identità ignota della donna ritratta lo hanno reso oggetto d’indagine e di ricerca attraverso i secoli e l’opera ha mantenuto fascino e carisma.

Yan Pei-Ming utilizza la sua pennellata densa per delineare l’immagine della Gioconda con ampie campiture e stratificazioni di colore ben visibili e dà vita a una rappresentazione figurativa che, se osservata da vicino, quasi si dissolve in un quadro astratto.

La mostra L’Ultimo Sorriso è composta da otto ritratti della Monna Lisa, due tele circolari e sei rettangolari di grandi dimensioni, tutte in doppia tonalità: Ming ha fatto sua firma i colori vivaci come il rosso cadmio e il grigio cupo, ma anche le tonalità più tenui e sorprendenti dell'azzurro, del rosa e del verde pastello. La tavolozza cromatica della mostra assume un approccio più sobrio rispetto alle opere precedenti di Ming, in un processo di riduzione che consente all’artista di accentuare la carica espressiva del soggetto.

Nella piccola sala una volta utilizzata come studiolo per la lettura si trova l'interpretazione di Yan Pei-Ming di un altro capolavoro celebre di Leonardo da Vinci: l'Ultima Cena, realizzata per il refettorio del Convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. Questa rappresentazione ad affresco dell’iconografia classica dell'ultima cena ha stimolato nei secoli l'interesse di molti storici, scrittori e ricercatori che hanno cercato di risolvere i presunti misteri che aleggiano intorno a quest'opera. Negli ultimi trent'anni, anche a causa di fantasiose teorie cospirazioniste alimentate dalla diffusione di massa attraverso i media sociali, l'Ultima Cena è diventata un caposaldo dell'iconografia della cultura pop, reinterpretata nelle forme più disparate come calamita da frigorifero, cartone animato e addirittura materiale per meme, senza mai perdere il suo fascino misterioso.

Rendendo omaggio al genio di Leonardo da Vinci, Ming sottolinea la loro comune anima di artisti ritrattisti. Come afferma Ming: "Il ritratto è una riflessione sul passare del tempo. In questo caso, la Monna Lisa rappresenta una metafora del tempo nel suo infinito". Carlo Pedretti, esperto della vita e dell'opera di Leonardo da Vinci, suggerisce: "Ciò che lega il paesaggio caotico e il sorriso sospeso, enigmatico, effimero, ambiguo, è lo scorrere del tempo". Per la mostra L'Ultimo Sorriso la dimensione del tempo è centrale e Yan Pei-Ming si interroga con questo nuovo corpo di opere sulla potenza delle immagini e sulla loro capacità di resistere e sopravvivere nel tempo.

Yan Pei-Ming è nato a Shanghai nel 1960. Vive e lavora a Digione (Francia). Nelle prossime settimane Yan PeiMing inaugurerà due mostre personali in due diversi musei di Parigi: Yan Pei-Ming - Courbet, corps-à-corps, Petit Palais- Musée des Beaux-Arts de la ville de Paris, Paris, France e Un Enterrement à Shanghai, Musée d'Orsay, Paris, France. Altre recenti mostre personali sono state allestite in importanti istituzioni come: il Musée des Beaux-Arts de Dijon, Dijon, Francia, a Villa Medici, Roma; il CAC Malaga, Malaga; Ullens Center for Contemporary Art, Pechino; la Fondazione Vincent Van Gogh, Arles; il San Francisco Art Institute e il Musée du Louvre - The Funeral of Mona Lisa by Ming è stato esposto nella sala accanto all'originale. Le mostre collettive comprendono la Biennale di Venezia nel 1995 e 2003; la Biennale di Siviglia nel 2006; la Biennale di Istanbul nel 2007, tra le altre. Yan Pei-Ming è esposto in numerosi musei prestigiosi, tra cui il Centre Georges Pompidou di Parigi, il National Museum of Modern Art di Tokyo, il Museum Ludwig di Colonia, l'Honolulu Museum of Art di Honolulu, la National Gallery of Australia di Canberra e lo Shanghai Art Museum di Shanghai.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI