Caravaggio Napoli

Michelangelo Merisi detto Caravaggio (Milano, 1571 - Porto Ercole, 1610), Flagellazione, 1607 Olio su tela, 175.5 x 134.5 cm, Rouen, Musée des Beaux-Arts | © C. Lancien, C. Loisel / Réunion des Musées Métropolitains Rouen Normandie

 

Dal 12 Aprile 2019 al 14 Luglio 2019

Napoli

Luogo: Museo e Real Bosco di Capodimonte

Indirizzo: Via Miano 2

Curatori: Cristina Terzaghi, Sylvain Bellenger

Costo del biglietto: da € 14


Comunicato Stampa:
Napoli rappresenta una tappa fondamentale per la vita e per le opere di Caravaggio. L’intensa resa della passione e dell’istinto nei dipinti più iconici realizzati dal maestro durante il periodo napoletano identifica, nella visione dei nostri contemporanei, lo stile e la personalità dell’artista lombardo, divenuto maggiormente drammatico in seguito all'episodio dell’assassinio romano.

La mostra approfondisce il periodo napoletano del pittore e l’eredità lasciata nella città partenopea, fondamentale alla costituzione della poetica barocca e alla diffusione del naturalismo caravaggesco nella pittura del XVII secolo in Europa. 
 FOTO – Caravaggio e l'incantesimo napoletano
Caravaggio visse a Napoli per complessivi 18 mesi tra il 1606 e il 1610. Un soggiorno fondamentale per la sua vita e le sue opere, tuttavia meno noto del periodo trascorso a Roma.

Dopo 15 anni dall'ultima esposizione che Capodimonte ha dedicato al maestro lombardo (Caravaggio. L’ultimo tempo, 2004) nuove scoperte e recenti dibattiti internazionali saranno presentati in mostra insieme alla ricostruzione di una dettagliata crono-biografia che riorganizzerà le conoscenze letterarie e documentarie (edite e inedite) del periodo.

Attraverso un rigoroso approccio scientifico saranno messe a confronto le opere del Merisi eseguite a Napoli, provenienti dai Musei italiani e stranieri, tra cui prestiti straordinari quale La Flagellazione del Musée des Beaux-Arts di Rouen.

L’esposizione costituisce dunque un’occasione unica nel panorama delle molteplici iniziative espositive sull'opera di Caravaggio, per ragionare sullo scorcio, estremo ed affascinante, dell’esistenza dell’artista, consentendo una maggior comprensione dei suoi anni a Napoli e della loro importanza per lo sviluppo della pittura in Italia e in Europa.

Leggi anche:
• Caravaggio e l'incantesimo napoletano

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI