La pelle del colore. Giovanni Lombardini e Edward Evans

Opere di Giovanni Lombardini, Avgeo Art Space, Rimini

 

Dal 17 Febbraio 2018 al 07 Aprile 2018

Rimini

Luogo: Avgeo Art Space

Indirizzo: corso d’Augusto 217

Curatori: Matteo Sormani, Gianluca Zamagni

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 0541 53720

Sito ufficiale: http://www.augeoartspace.it


Comunicato Stampa:
La pelle del colore è la mostra allestita negli spazi di Augeo Art Space nella dimora storica di palazzo Spina dal 17 febbraio al 7 aprile.

Affascinanti cromatismi irradiano le opere di Giovanni Lombardini e Edward Evans, due artisti dallo stile inconfondibile in un dialogo universale tra Rimini e gli Stati Uniti, tra luce e ombra, emozione e passione.

La pelle del colore, titolo dell’esposizione, lo dedico all’uso sapiente dei pigmenti che ne sanno fare i due protagonisti di questa mostra alla Galleria Augeo, la prima assoluta con Giovanni Lombardini e Edward Evans insieme. La pelle è un rivestimento, un filtro che cela un nascosto, che avvolge un “non visibile” che però esiste e pulsa sotto di essa. Ugualmente il colore è puro rivestimento della tela, che se osservato più in profondità permette di addentrarci in un universo tutto nostro, fino a creare “l’esperienza del viaggio”. Scrive la critica e curatrice della mostra dottoressa Sabrina Marin.

L’arte di Lombardini
è un racconto emozionante attraverso il colore che sfugge, catturato “nel momento” in quell’attimo in cui è al massimo dell’impatto visivo. Sono opere di un’eleganza senza confine, che seducono, che nascono dalla scoperta e dall'uso sperimentale di materiali inconsueti (colori mordenti e poliestere lucido applicati su superfici di formica o su tavola) e si caratterizzano per la performance singolare della luce dominatrice assoluta, poesia, energia pura. Lombardini impugna l’arte della pittura utilizzando spatole e strumenti inediti che catturano la tinta versata sul supporto e condotta dalla manualità per raggiungere il momento di fusione dato dalla gravità del colore; così un errore, un percorso inaspettato può diventare espressione di un’arte emozionante. Nascono forme caleidoscopiche che abbagliano lo spettatore attraverso suggestioni cromatiche che s’inseguono…che si abbracciano…che si ritrovano protette da una vernice specchiante che aumenta la raffinatezza e l’eleganza dell’opera. Lo spettatore potrà ammirare opere di forme e sfumature diverse. Stupefacente la grande installazione a parete, un racconto dei cicli artistici di Lombardini che suscita sentimento e riflessione.

La luce accomuna i due artisti in mostra in un esperanto senza confini. Edward Evans, protagonista dell’arte contemporanea americana, amato dal pubblico e dalla critica internazionale, espone dipinti che sembrano essere illuminati da una luce abbagliante, della stessa materia della tela che racconta intriganti giochi d’increspature: emozionanti, vibranti, fluide. L’artista propone una tecnica raffinatissima che evoca superfici mosse, sbalzate, timbrate, drappeggiate. E’ un meraviglioso gioco illusionistico di confine: le forme si allungano in pieghe, si roteano in spire e si fondono in ombre creando opere d’arte di forte carattere, di grande impatto visivo. Evans trasmette la sua attrazione verso l’illusione che diventa sfida nel coniugare quest’aspetto nei suoi dipinti.

“La pelle del colore” in mostra negli spazi di Augeo Art Space fino al 7 aprile è patrocinata dal Comune di Rimini e fa parte del progetto Cartello Rimini (promosso da Augeo Art Space e Angolo della Cornice) curato da Matteo Sormani e Gianluca Zamagni che mira alla promozione degli artisti del territorio non solo a Rimini ma anche oltre confine. Questa mostra unisce due correnti a confronto, quella italiana e quella americana. Il dialogo artistico Lombardini-Evans racchiude un linguaggio globale di due autori distanti materialmente ma uniti dal colore e dall’arte che abbatte ogni distanza.

Orario: lunedì dalle 16 alle 19. Dal martedì al sabato dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Domenica chiuso

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI