Michelangelo Bastiani. Diorama

© Michelangelo Bastiani

 

Dal 13 Dicembre 2016 al 31 Gennaio 2017

Roma

Luogo: Galleria Emmeotto - Palazzo Taverna

Indirizzo: via di Monte Giordano 36

Orari: dal lunedì al venerdì 10.30-13.30 / 14:30-19:30. Sabato su appuntamento. Chiuso domenica e festivi

Curatori: Alessia Carlino

E-Mail info: info@emmeotto.net

Sito ufficiale: http://www.emmeotto.net


Comunicato Stampa:
La galleria Emmeotto è lieta di presentare il progetto espositivo dell’artista fiorentino Michelangelo Bastiani, intitolato Diorama.

Durante il XIX secolo nacquero diversi congegni artistici la cui funzione illusoria era costruita attraverso un sapiente utilizzo della luce. Il panorama, il diorama, la lanterna magica, le dissolving views, si misero in concorrenza con le moderne tecniche scenografiche utilizzate nel teatro, ma con la sostanziale differenza di ottenere possibili sistemi illusionistici nel mondo figurativo delle immagini bidimensionali.

Nel 1822 Daguerre e Buton esibirono per la prima volta al pubblico il diorama che divenne immediatamente un successo internazionale. A differenza del suo precedente, il Panorama, questo inedito e eccezionale congegno si reggeva su un principio illusionistico da scatola ottica. L’illusione non nasceva dalla infinitezza dell’immagine, bensì dalle sue trasformazioni prodotte dalle variazioni di luce.

Michelangelo Bastiani, attraverso l’utilizzo del contemporaneo ologramma, ripercorre le orme dell’impresa di Daguerre e Buton. Il suo lavoro consiste nel mettere a confronto lo spettatore con immagini cinetiche, forme di esposizione interattiva ed illusione e spettacolarizzazione di un nuovo e sorprendente uso delle tecnologie più avanzate.
Bastiani pone al centro del suo confronto la natura, spesso la sua indagine lo porta a ricreare l’effetto dell’acqua, nelle sue derive più effimere, come quando nella ri – creazione di una cascata cerca di imprimere attraverso sensori di movimento il passaggio dell’uomo.

L’artificio consente di sondare con maggiore forza i fenomeni naturali: nella serie degli ologrammi l’artista racchiude, in barattoli di vetro, differenti elementi climatici che catturano lo spettatore nella visione di una scenografia realistica e coerente.
Altro elemento fondamentale del lavoro di Bastiani è la realizzazione di installazioni site specific. Anche in questo caso l’artista sperimenta gli effetti dell’interattività digitale, ancora una volta l’acqua è il campo privilegiato d’indagine: un lago artificiale prende vita in una stanza e grazie alle tecniche messe in campo dall’artista, lo spettatore diviene parte integrante dell’opera attraverso la manipolazione delle immagini che consente un’interazione attiva e partecipe.

Il confronto tra artificio e natura è un nodo centrale nella storia dell’arte: pittori, scultori, architetti nei secoli hanno ricreato il mondo attraverso la lente delle loro opere, Michelangelo Bastiani accetta questa sfida rigenerando l’universo naturale nei meccanismi digitali di ultima generazione, i suoi lavori parlano di un processo futuribile dell’arte, laddove “con l’avvento del multimediale, il museo del XXI secolo diverrà un luogo di animazione culturale permanente e collettivo”, un sogno condiviso che definirà il rapporto interpersonale tra la società e la produzione artistica contemporanea.
 
Michelangelo Bastiani nasce a Bibbiena (AR) nel 1979. Dopo il diploma all’Istituto d’Arte di Firenze, si laurea all’Accademia di Belle Arti nella sezione di Pittura e Fotografia del Maestro Gustavo Giulietti. Ha vissuto per un periodo negli Stati Uniti, prima in California e poi a New York, attualmente vive e lavora in Toscana. Nella sua carriera può vantare mostre sia in Italia che all’estero. In Europa ha esposto a Parigi, Londra, Francoforte, Oslo e Kiev. Negli Stati Uniti ha presentato i suoi lavori presso il Mana Contemporary Museum di Jersey City, Houston Art Fair, Jim Kempner Gallery, C24 Gallery a Chelsea, nelle fiere di Context New York e Art Miami. Le opere di Michelangelo Bastiani sono video installazioni su grandi schermi, video proiezioni interattive o ologrammi, incentrati in particolare sul tema dell’acqua. L’acqua è stata il nodo dell’indagine dell’artista fin dagli inizi della sua carriera, nella volontà di rappresentare un’arte sempre mutevole e mai uguale a se stessa, caratteristiche che l’elemento porta con sé intrinsecamente. Proprio per la sua natura dinamica, l’acqua ha sempre mantenuto una problematicità rappresentativa, che vuole essere ovviata col tramite della tecnologia d’interazione tangibile, che si interfaccia direttamente con lo spettatore: una cascata non manterrà mai un flusso constante, ma cambierà a seconda del passaggio del pubblico, che entra ad ogni effetto a far parte del processo cinetico dell’opera. Il naturale va, quindi, a confrontarsi con l’artificiale, la forza degli elementi trova rappresentazione in un connubio antitetico, di prigionia della natura per mano dell’uomo ma anche di esaltazione e imprescindibilità dell’uno nei confronti dell’altra. 

Opening 13 dicembre ore 18.30


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI