Michelangelo Pistoletto. Arte dello Squallore, 1985-1986

Michelangelo Pistoletto. Arte dello Squallore, 1985-1986

 

Dal 28 Ottobre 2012 al 21 Dicembre 2012

Roma

Luogo: RAM radioartemobile

Indirizzo: via Conte Verde 15

Orari: da martedì a sabato 16.30-19.30 e su appuntamento

Telefono per informazioni: +39 06 44704249

E-Mail info: info@radioartemobile.it

Sito ufficiale: http://www.radioartemobile.it


Comunicato Stampa: PROMEMORIA nasce dalla volontà di mostrare oggi opere realizzate in occasioni espositive specifiche e distanti nel tempo: il modulo delle Camere ne amplifica le potenzialità. Il presente allestimento, in dialogo con l’artista, è l’occasione per una rinnovata visione. Se una lunga nottata si frantumasse, i suoi frammenti, probabilmente, sarebbero visibili nei volumi “scuri” di Michelangelo Pistoletto negli spazi di RAM radioartemobile. Il nuovo ciclo espositivo PROMEMORIA II ospita le prime tre opere dell’Arte dello Squallore -create per la mostra nella Galleria Pieroni nel marzo 1986- momento in cui l’artista abbandona la sua fase di sonno leggero (1981-1984) per abbandonarsi a un “sonno profondo”(1985-1988), in cui la materia è volume che assorbe energia. […] quando osservi il cielo di notte guardando dalla finestra ti accorgi che è un grande nero che contiene la luce delle stelle, cioè tutti i corpi luminosi. Nel caso dei volumi presenti in questa mostra il buio è interno alla luce. […] (estratto dall’intervista di Flavio Alivernini a Michelangelo Pistoletto) Nello stesso giorno, domenica 28 Ottobre alle ore 12:00, nel prestigioso sito delle Terme di Caracalla si presenta il Terzo Paradiso di Michelangelo Pistoletto a cura di Achille Bonito Oliva, in collaborazione con Cittadellarte e RAM radioartemobile. L’evento si veste di eccezionalità: i reperti archeologici disegnano il Nuovo Segno d’Infinito e rappresentano quella congiunzione millenaria tra ciò che siamo stati, ciò che siamo e ciò che saremo. Nell’occasione s’inaugura anche il Mitreo, per lungo tempo rimasto chiuso al pubblico.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI