Start in the Middle (performance)

Start in the Middle, Performance

 

Dal 27 Aprile 2017 al 27 Aprile 2017

Roma

Luogo: AlbumArte

Indirizzo: via Flaminia 122

Orari: L'orario verrà comunicato ai partecipanti previa prenotazione

Enti promotori:

  • Patrocinio di Roma Capitale - Municipio II - Assessorato alle Attività produttive Cultura e Sport

Telefono per prevendita: +39 063243882

E-Mail info: info@albumarte.org

Sito ufficiale: http://www.albumarte.org


Comunicato Stampa:
A conclusione del progetto espositivo Campo Grossi Maglioni, che racconta il percorso artistico di dieci anni di attività del duo Grossi Maglioni, Per Hüttner e Carima Neusser presenteranno la performance Start in the Middle con musica di Siri Jennefelt.

A seguire dalle ore 20 alle 21 si potrà visitare il nuovo allestimento della mostra con la sua ultima mutazione (ingresso libero).
 

Start in the Middle
 è un evento partecipativo che mescola, senza soluzione di continuità, i modelli della lezione e della meditazione. I performer utilizzano suoni, luci, immagini ed esercizi di contemplazione, invitando il pubblico a prendere parte a un viaggio collettivo. La loro partecipazione diretta consente il coinvolgimento in attività fisiche ed immaginative che aprono a percorsi di relazione con i propri desideri e speranze.

Nessuno conosce i limiti del corpo umano. Ogni settimana un atleta raggiunge un nuovo record; chi pratica yoga riesce a superare i confini della propria mente; un gruppo di ricercatori sintetizza una nuova droga in grado di modificare la chimica del nostro organismo. Il corpo umano è capace di compiere rivoluzioni e di vivere esperienze inedite. In altre parole, la mente umana e il corpo umano possono interagire in molteplici modi e creare alleanze, alla ricerca di nuove espressioni di energia.
Start in the Middle sfida le nozioni di limite, inteso come coercizione, e libertà. Cosa siamo disposti a fare per abbattere i confini, superare noi stessi e vincere le nostre restrizioni? Siamo prigionieri della nostra visione del mondo, delle nostre paure e del pragmatismo, oppure l’immaginazione può aprire altre strade verso nuove soluzioni ad antichi problemi? Possiamo ottenere qualcosa perdendo il controllo e andando incontro all’ignoto? L’atmosfera immersiva della meditazione, insieme alla musica e alla prospettiva critica della lezione, offrono la possibilità di sviluppare una nuova interazione tra riflessione e consapevolezza del proprio corpo. Il ruolo dell’immaginazione all’interno della performance si individua nella presenza di riflessioni sul processo artistico e su come il senso di sé venga messo alla prova attraverso il lavoro artistico. In altre parole, si osserva con particolare attenzione come la creatività possa essere incoraggiata a diventare parte integrante della vita quotidiana degli artisti e del pubblico, attraverso continui cambiamenti.

Gli artisti traggono ispirazione da registi come Luis Buñuel e Liliana Cavani, dal fotografo Nabuyoshi Araki così come dalle ricerche dell’antropologo Eduardo Viveiros de Castro.

Start in the Middle
 è un progetto di Vision Forum, una piattaforma internazionale con base in Svezia che svolge un’attività multidisciplinare di ricerca, incontri e produzione di arti visive attraverso i confini geografici. Hanno inoltre sviluppato moduli educativi e di ricerca in collaborazione con l’organizzazione Curatorial Mutiny. Vision Forum è anche un network di artisti visivi e curatori provenienti dall’Europa che lavorano insieme a ricercatori provenienti da altri campi artistici, studi umanistici e ambiti scientifici. Attualmente, Vision Forum è impegnato nello sviluppo di nuove e ibride forme di pratiche performative; in progetti che offrono piattaforme di incontro tra arte visiva, danza, letteratura, musica, teatro e altre espressioni culturali; in progetti che offrono piattaforme di incontro tra arte e ricerca nel campo degli studi umanistici e scientifici. Vision Forum ha recentemente lavorato con importanti istituzioni come IASPIS, Moderna Museet e Bonniers Konsthall (Stoccolma); Tate Britain, Tate Modern, David Roberts Art Foundation e ICA (Londra); Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris e Palais de Tokyo (Parigi); UCCA (Pechino); Rockbund Museum e Mingshen Museum (Shanghai); Mori Art Museum e Spiral (Tokyo); Museo Serralves e la Casa da Musica (Porto); MAM e Pinacoteca (San Paolo); Museo Jumex (Città del Messico); Documenta 14 (Atene); De Appel e Stedelijk Museum (Amsterdam).

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI