Yorgos Stamkopoulos. Trajectory

Yorgos Stamkopoulos. Trajectory, Galleria Mario Iannelli, Roma

 

Dal 26 Gennaio 2017 al 31 Marzo 2017

Roma

Luogo: Galleria Mario Iannelli

Curatori: Lorenzo Bruni

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 06 89026885

E-Mail info: info@marioiannelli.it

Sito ufficiale: http://www.marioiannelli.it


Comunicato Stampa:
Galleria Mario Iannelli ha il piacere di presentare Trajectory personale del pittore di origine greca Yorgos Stamkopoulos, a cura di Lorenzo Bruni, costituita da un'installazione site specific composta da un wall painting e da sculture in acciaio, parallelamente sarà presentata la sua prima serie di disegni su carta. Opening mercoledì 25 gennaio 2017.

Trajector
y è il titolo che lo stesso Yorgos Stamkopoulos ha ideato appositamente per la mostra presso Galleria Mario Iannelli, un'unica opera ambientale che nasce dalla speciale convivenza tra l'intervento pittorico sulle pareti dello spazio architettonico – frammenti di colori monocromi liberamente associati tra loro che creano una composizione che dinamizza e/o uniforma l'ambiente – e una serie di sculture che ne scansionano e ne caratterizzano la scoperta. Il particolare meccanismo dialogico che l'artista instaura tra il wall painting e le presenze tridimensionali, linee di acciaio che da terra si librano verso l'alto come per effetto di una tensione autonoma ma straniante, modifica non solo la percezione spaziale dello spettatore, ma anche il suo modo di abitare e misurare quello specifico contesto fisico in cui si inserisce. Come precisa l'artista stesso: Lidea di pittura murale era nella mia testa da tempo! Le sculture sono delle barre di acciaio di 14 mm di spessore che ho piegato direttamente io e che per me rappresentano delle linee nello spazio. Corrispondono alle linee che si vedono nei miei quadri e che realizzo nel processo pittorico prima di stendere il colore. Ho voluto, in questo caso, rompere la piattezza della telatraducendoli nella terza dimensione. La pittura dialoga sorprendentemente con le sculture divenendo un'unica cosa: un wall paniting. Da questo punto di vista la riflessione inedita che l'artista attiva non riguarda tanto il forzare i limiti dell’oggetto-quadro o l'essenza della pittura, bensì i parametri estetici e qualitativi con cui viene osservata e/o esperita. Inoltre, l'effetto matryoshka tra i “segni” che si dispongono in mostra permette di osservare come le categorie opposte di immagine astratta e figurativa, di gesto automatico e progettato, di storia dell’arte e memoria visuale siano da ri-pensare al tempo dei touch-screen e del mondo digitale e globale.

L'obbiettivo dell'artista con il progetto Trajectory è quello di esporre non tanto delle opere pittoriche di matrice astratta a confronto con il concetto di site specific, ma direttamente il tempo del “fare” della pittura e del suo “fruirla”.

Come scrive il curatore Lorenzo Bruni nella conversazione che sarà presentata assieme ad una edizione/manifesto concepita appositamente dall’artista: La sfida a cui si sottopone Stamkopoulos non è quella di applicare il suo particolare metodo pittorico dello strappo parziale della superficie del colore - che effettua normalmente sulla tela –  ad un'opera ambientale. Consiste, invece, nel portare al centro dell'opera il tempo del processo artistico e porlo in dialogo con il mondo che lo circonda e non indipendentemente da esso. E' da questa esigenza che nasce la scelta di utilizzare per il wall painting gli stessi timbri di colore che caratterizzano il paesaggio urbano che esiste al di là delle finestre della galleria, sebbene liberati dalla funzione di “indicare”forme e cose.Questa permeabilità percettiva tra interno ed esterno, come tra spazio dell'arte e della vita, assieme al contesto “Roma” in cui avviene tutto ciò, mette in evidenza aspetti che non sarebbero apparsi così puntuali in altre occasioni: 1) il fatto che la composizione di macchie di colore monocrome possano rimandare ai frammenti degli affreschi antichi e alle procedure per farli sopravvivere; 2) il gesto della pittura a spray delle Tag dei graffitisti metropolitani collocato nel contesto dell'astrazione pittorica; 3) il rispondere alla dimensione di pura decorazione a cui possono essere associate oggi le opere di ascendenza gestaltica; 4) l'indagine sullidea di opera totale così come la concepiva Theo van Doesburg, uno dei fondatori del De Stijl, che ha introdotto il concetto di quarta dimensione facendo emergere il fattore tempo nella fruizione dellopera astratta; 5) la ri-attivazione della questione novecentesca sull'equilibrio tra sfondo e oggetto in primo piano; 6) la riflessione su quello che per Leon Battista Alberti e il Rinascimento fiorentino era un quadro: una finestra che incornicia al meglio il paesaggio. […] E' come se l'artista avesse reagito a questi punti, prima ancora che si sollevassero, per mezzo della sua strategia di esplorare il gesto pittorico trasformandolo in particelle scultoree, e viceversa.
 
Il progetto Trajectory è stato concepito da Stamkopoulos come una riflessione condivisibile sul suo modo di lavorare attorno alla pittura astratta con l’intento, tuttavia, di dare maggiore importanza al processo piuttosto che all’immagine finale. L’artista, pur assumendo la responsabilità di riflettere sull’eredità della tradizione modernista del monocromo e quella politica/concettuale della pittura analitica, punta al confronto non con la decodificazione della realtà sulla tela, bensì sul far rendere cosciente lo spettatore dei propri processi cognitivi, inducendo una riflessione sul ruolo e la comunicabilità della pittura oggi rispetto alla sua storia millenaria.
 
YORGOS STAMKOPOULOS - 1983, Grecia. Vive e lavora a Berlino
Mostre personali: “Soul Remains” Nathalie Halgand gallery, Vienna, (2016); Lepsien Art Foundation, Dusseldorf (2016); “Beyond Ancient Space” CAN Christina Androulidaki gallery, Athens (2014); “New Dawn” CAN Christina Androulidaki gallery, Athens (2012); “Positive Pollution” Fabio Tiboni/Sponda, Bologna
Mostre collettive: “Anatomy of restlessness” Galleria Mario Iannelli, Roma (2016); “The Same Sky” Lepsien Art Foundation, Dusseldorf (2016); “No Superior Side” COSAR HTM, Dusseldorf (2016); “If it can’t burn us, can it still warm our hearts?” Mindscape Universe, Berlin (2015); “Arcadia Unbound” Funkhaus / Berlin (2015); “The Mists” CAN Christina Androulidaki gallery, Athens (2015); “Forth Under Skip Down” Frontviews Temporary, Berlin (2015); “About Sculpture #3: Off Limits” at Lady Fitness, Berlin (2014); “Reflections on Psychedelia” CAN Christina Androulidaki gallery, Athens (2014); “Painting Today” Vogiatzoglou Foundation, Athens (2014); “Der Grund ist nicht Licht, sondern Nacht” Christian Ehrentraut Galerie, Berlin (2014); “Present” Kunstlerhaus Bethanien / Berlin (2014); “Pitch 2” Internationales Handelszentrum / Berlin (2014), “Thrills and Chills” CAN Christina Androulidaki gallery, Athens (2013); “In The Studio” Kunsthalle Athena part of ReMap 4, Athens (2013);“The Cabinet (From Darkness to Light)” ReMap 4 / Athens (2013); “What Lies Hidden Remains Unfamiliar” CAN Christina Androulidaki gallery part of ReMap 4, Athens (2013); “LUSTLANDS, vol.II – On The Great Eastern” Argolida, GR (2013); “Thrills and Chills” Art Athina, Athens, GR (2013); “REITS”, Schaufenster, Berlin (2013)
 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: