Paolo Ventura. Racconti di guerra 2014-2018

Paolo Ventura, Morte e Resurrezione 2 #07, 2018, fotografia, 42x60 cm.

 

Dal 15 Giugno 2018 al 06 Gennaio 2019

Riva del Garda | Trento

Luogo: Museo di Riva del Garda

Indirizzo: piazza Cesare Battisti 3/A

Curatori: Giovanna Calvenzi


Comunicato Stampa:
In continuità con i progetti del MAG dedicati alle visioni di artisti e fotografi contemporanei sul paesaggio dell’Alto Garda, per la ricorrenza del centenario della fine della Prima guerra mondiale si è scelto di proseguire l’esplorazione di questo territorio coniugandola con ricordi e interpretazioni che si intrecciano con la Storia, affidando al fotografo e artista Paolo Venturala creazione di un ciclo di opere ispirate alla Grande Guerra e ambientate nella zona di quello che fu il fronte tra Italia e Impero Austro-Ungarico.
Il singolare incontro tra immaginazione, conoscenza storica e pratica artistica che caratterizzano il percorso creativo di Paolo Ventura, ha originato una personale narrazione e allo stesso tempo uno sguardo d’autore su un paesaggio, quello trentino di cent'anni fa così come di oggi, fortemente intriso di Storia e umane memorie.
Questa narrazione costituita da inediti racconti per immagini, raccolti sotto il titolo Morte e resurrezione 2, sarà svelata il prossimo 15 giugno nella mostra Racconti di guerra 2014-2018 insieme ai più recenti progetti dell’artista sul tema, quali I Gemelli Un reggimento che va sottoterra del 2014, Morte e resurrezione 1 Il pittore futurista del 2015, Ex Votodel 2017. 
 
La mostra, curata dalla storica della fotografia e photo-editor Giovanna Calvenzi, verrà inaugurata venerdì 15 giugno 2018 alle ore 18.00 al Museo di Riva del Garda e rimarrà visitabile fino al 4 novembre (prorogata al 6 gennaio 2019). Contestualmente al percorso espositivo, sarà presentato il 15 giugno anche il libro d'autore pubblicato da Danilo Montanari che raggruppa per la prima volta i “racconti di guerra” realizzati da Paolo Ventura tra il 2014 e il 2018, compreso l'inedito gardesano.
 
«Da diversi anni Paolo Ventura sperimenta tecniche di narrazione che mescolano l’autoritratto, la fotografia, la pittura, il modellismo. Con una cura maniacale per gli abiti, per i dettagli e per i decori. Con una conoscenza profonda di ogni argomento che affronta. Dal 2014 si dedica alla realizzazione di brevi racconti per immagini dedicati alla Prima guerra mondiale. Per Ventura la fotografia è contemporaneamente un pretesto e uno strumento capace di dare forma al suo immaginario, al suo bisogno di raccontare, alla sua voglia di ripercorrere la Storia diventandone un volontario interprete. Per l’appuntamento con i Nuovi Sguardi Gardesani– che riprende una tradizione del MAG che risale al 1997 – Ventura ha recuperato progetti precedenti e messo in scena se stesso come duplice protagonista di un nuovo inedito racconto: Morte e resurrezione 2».
Giovanna Calvenzi, curatrice della mostra e del volume
 
Paolo Ventura è nato a Milano nel 1968. Nei primi anni ’90 frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera che lascia quasi subito per interessarsi di fotografia. Nei successivi dieci anni, è fotografo di moda, di design e di paesaggio senza però avere grandi soddisfazioni personali. Decide quindi di abbandonare la fotografia commerciale e di trasferirsi a New York. In un piccolissimo studio a Brooklyn, quasi uno sgabuzzino, inizia a ricostruire dei diorami relativi alla Seconda Guerra Mondiale in Italia, basandosi sui ricordi e le storie raccontate dalla nonna materna. Nel 2006 pubblica War Souvenir: il lavoro è un enorme successo al quale seguono numerose mostre in tutto il mondo. Negli anni successivi continua la sua ricerca artistica creando molti altri lavori tra cui Winter StoriesThe AutomatonShort Stories. Il suo lavoro è stato inoltre d’ispirazione per la realizzazione di scenografie e costumi per diverse opere del Lyric Opera of Chicago e del Teatro Regio di Torino.
 
Il progetto espositivo ed editoriale di Paolo Ventura Racconti di guerra 2014-2018 rientra nel progetto Guerre e Pace. 1918-2018 che il MAG nel 2018 dedica al centenario della fine della Prima guerra mondiale.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI