Vasily Klyukin. In Dante Veritas

Vasily Klyukin, Sovrapopolazione (Overpopulation), Serie I Cavalieri dell'Apocalisse, 2018 | Courtesy of Vasily Klyukin

 

Dal 08 Maggio 2019 al 24 Novembre 2019

Venezia

Luogo: Arsenale Nord

Indirizzo: Tesa 94

Orari: Mar / Mer / Gio / Dom 10 - 18 | Ven / Sab 10 - 20 | Lun chiuso

Curatori: Paola Gribaudo

Costo del biglietto: Intero 10 € | Ridotto Studenti con tessera e Senior 5 € | Cuffie personali e audioguida incluse nel prezzo del biglietto | Sconto del 10% sul biglietto online

E-Mail info: info@indante.com

Sito ufficiale: http://indante.com


Comunicato Stampa:
Le opere del designer visionario e artista russo Vasily Klyukin (Mosca, 1976), conosciuto a livello internazionale per i suoi successi come businessman e filantropo, sono esposte all'Arsenale di Venezia in concomitanza alla Biennale d'Arte, dall'8 maggio al 24 novembre 2019. La mostra dal titolo In Dante Veritas, organizzata con il patrocinio dello State Russian Museum di San Pietroburgo - che ospita la più grande collezione di arte russa al mondo - e del Comune di Venezia, è visitabile nei suggestivi spazi dell'Arsenale Nord, presso la Tesa 94.

Come il nome della mostra suggerisce, In Dante Veritas - curata da Paola Gribaudo - nasce come un'interpretazione moderna della più grande opera letteraria di tutti i tempi, la Divina Commedia di Dante Alighieri. In particolare, le opere in mostra si ispirano alla prima parte dell'Inferno dantesco, con i suoi nove cerchi concentrici che ospitano le anime dannate, destinate alla punizione eterna.

Vasily Klyukin traspone ai nostri tempi questo scenario apocalittico, creando quella che egli definisce una vera e propria "esperienza dell'inferno", attraverso un unicum artistico formato da oltre 100 elementi multimediali su 900 metri quadrati di spazio espositivo: sculture, sound, opere di video mapping, riproduzioni digitali e lightboxes. Parte integrante del percorso è l'audio-guida, disponibile gratuitamente in 10 diverse lingue: la voce narrante dell'artista accompagna il visitatore con un testo in poesia e prosa in questo viaggio "infernale", aiutandolo a comprendere il vero messaggio di ogni opera.

Nucleo della mostra, 32 grandi sculture in acciaio che raccontano, come un terribile ammonimento, l'Inferno che l'uomo può decidere di fare della propria vita e del mondo
, se non si ravvede in tempo: 22 opere rappresentano i vizi e i peccati umani - come Gola, Lussuria, Ipocrisia - 4 invece sono i Cavalieri dell'Apocalisse, maestosi nei loro 3.5 metri di altezza. Tra le altre opere troviamo poi una maschera mortuaria di Dante, e le sculture rappresentanti Beatrice e una grande Tigre, come unione di delicatezza e forza.

Non si tratta di una semplice trasposizione artistica dell'opera poetica di Dante, ma di una riflessione critica sui nostri tempi, le loro grandi problematiche e paure. Significativi in tal senso sono i nomi con cui Klyukin chiama i cavalieri dell'Apocalisse di oggi: Disinformazione, Sovrappopolazione, Sfruttamento incontrollato delle risorse, e Inquinamento Ambientale. Un discorso estremamente attuale, per noi che viviamo l'epoca delle fake news, delle grandi migrazioni e dei cambiamenti climatici, con l'incertezza che tutto questo comporta.

Le opere mostrano l'Inferno, tuttavia il male è esposto come un richiamo alla responsabilità, un'esortazione al cambiamento e alla riflessione, sia sulla propria vita personale che sulle conseguenze che il comportamento di ciascuno può causare nel destino del mondo. La speranza non è mai eliminata: Kyukin mostra vizi, peccati e debolezze perché è necessario guardare il nemico negli occhi per poterlo affrontare e sconfiggere.

Le 32 sculture in acciaio sono definite da Klyukin Live Sculptures, perché realizzate attraverso una particolare tecnica ad incastro di lastre di acciaio che non richiede nessun elemento aggiuntivo per l'assemblaggio, e conferisce alla scultura un senso di tridimensionalità e grande mobilità che ricorda il movimento delle pagine di un libro, permettendo inoltre di scomporre e ricomporre le figure.

La mostra è un percorso immersivo e multisensoriale, in cui i visitatori sono chiamati a una partecipazione attiva, confrontandosi con le opere a partire dalla propria esperienza, come nel caso della scultura Betrayal (Tradimento), dove il pubblico è invitato a scrivere le iniziali di coloro che in passato hanno tradito la loro fiducia.

Nelle parole di Klyukin, "l'apocalisse moderna non è una pestilenza, la guerra o la morte - bensì la sovrapopolazione, lo sfruttamento incontrollato, la disinformazione, l'inquinamento. La mostra è una 'esperienza dell'inferno', che vuole essere un tentativo di risposta alle domande: cos'è l'aldilà? come siamo veramente? per cosa potremmo essere all'inferno, e possiamo cambiare?".

Dopo l'Arsenale di Venezia, In Dante Veritas sarà esposta negli Stati Uniti, a New York e Miami.

VASILY KLYUKIN
Nato a Mosca nel 1976, Vasily Klyukin è scultore, designer, architetto e scrittore. Businessman di successo e filantropo, fondatore di un gruppo di sviluppo e di un fondo immobiliare e di una banca, dopo 15 anni di attività si è ritirato dal mondo della finanza per dedicarsi all'arte nelle sue diverse declinazioni a Monaco, dove vive dal 2011.
Eclettico e visionario, Klyukin è noto per i suoi concept architettonici e design avveniristici, raccolti nel volume Designing Legends (2013, Skira) e per le sue sculture provocatorie che riflettono sui temi più difficili del nostro presente. Tra queste ricordiamo Why People Can't Fly (2018), scultura che denuncia l'inquinamento degli oceani dalla plastica, realizzata in parte con rifiuti provenienti da oltre 150 paesi; le opere dell'artista spesso attirano l'attenzione sulle problematiche ambientali ed ecologiche.
Di Klyukin sono anche l'installazione on-site The Beating Heart realizzata per il Burning Man Festival nel deserto del Nevada (2017) e la grande tigre 6/9 acquistata da Leonardo di Caprio.
Dal 2016 lavora sulla tecnica delle Live Sculptures in acciaio, con cui ha realizzato le opere di In Dante Veritas - frutto della sua esperienza ingegneristica. Collective Mind è il titolo del romanzo fantascientifico pubblicato da Klyukin (2016) sul cui seguito sta attualmente lavorando.
Nel 2017 la statuetta della Golden Madonina è stata il premio ufficiale Design Prize per la Milano Design Week.
Klyukin sostiene amfAR, la fondazione di Elton John per la ricerca sull'AIDS, e le sue opere si trovano spesso ad importanti aste di beneficienza
. Le sue sculture possono essere ammirate a Mosca, Londra, Monte Carlo, Lucerna, Cannes e Ibiza, e sono presenti in alcune prestigiose collezioni d'arte a livello internazionale. Tra i suoi collezionisti troviamo Alberto II, Principe di Monaco, Charles Saatchi, Sir Leonard Blavatnik, Eva Longoria e Leonardo di Caprio.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI