I creatori dell’Egitto eterno. Scribi, artigiani e operai al servizio del faraone

© Museo Egizio, Torino | Statua della dea Meretseger, Nuovo Regno, XIX-XX Dinastia (1292 – 1076 a.C.), Deir el-Medina, Calcare, 68x23x36 cm. Cat. 956. Museo Egizio, Torino

 

Dal 22 Dicembre 2022 al 07 Maggio 2023

Vicenza

Luogo: Basilica Palladiana

Indirizzo: Piazza dei Signori

Orari: 10-18 (la biglietteria chiude 30 minuti prima). Chiuso il lunedì

Curatori: Cédric Gobeil, Paolo Marini, Corinna Rossi

Enti promotori:

  • Comune di Vicenza
  • Museo Egizio

Costo del biglietto: Intero € 13, Ridotto € 11 over 65; studenti universitari con tesserino, Ridotto under 18 € 5,00 da 11 a 17 anni. Gratuito bambini da 0 a 10 anni; giornalisti con tesserino e-o accreditati; accompagnatori di persone con disabilità; 1 accompagnatore per gruppo. Speciale aperto € 16 consente di visitare la mostra senza prenotare data e fascia oraria precise. Gruppi € 11 minimo 10 persone, Scuole € 5 a studente con 2 accompagnatori gratuiti. Prevendita € 1,50 acquisti on line e tramite call center

Telefono per prevendita: +39 0444 326418

E-Mail info: biglietteria@mostreinbasilica.it

Sito ufficiale: http://www.mostreinbasilica.it


La Città di Vicenza annuncia l’esposizione “I creatori dell’Egitto eterno. Scribi, artigiani e operai al servizio del faraone”, che sarà allestita all’interno della Basilica Palladiana dal 22 dicembre 2022 al 7 maggio 2023.
La mostra, curata dal Museo Egizio, da Cédric Gobeil, Paolo Marini, Corinna Rossi, sotto il coordinamento del direttore del Museo Egizio, Christian Greco, costituisce la terza e ultima tappa del ciclo di eventi di rilievo internazionale “Grandi Mostre in Basilica”, ideato dalla Città di Vicenza per valorizzare le eccellenze culturali della città.
 
La mostra verrà presentata ufficialmente alla stampa lunedì 17 ottobre alle 12.00 a Vicenza, a Palazzo Trissino, alla presenza del direttore Christian Greco e dei curatori, che insieme all’Amministrazione cittadina approfondiranno i temi del percorso espositivo.
 
Capolavori della statuaria, ricche tombe e sarcofagi decorati, rotoli di papiro, bassorilievi e stele dipinte di straordinaria bellezza permetteranno di ricostruire la vita quotidiana dell’antico Egitto. Un viaggio ideale, dalla Basilica Palladiana alla Tebe monumentale di 3300 anni fa, per raggiungere il piccolo villaggio di Deir el-Medina dove disegnatori, scribi e artigiani lavoravano per costruire e decorare le tombe dei faraoni nelle vicine Valli dei Re e delle Regine. Accanto ai preziosi reperti una serie di spettacolari installazioni multimediali, esperienze immersive e riproduzioni in 3d consentiranno di ampliare i confini della cultura materiale.

La mostra è ideata e promossa dal Comune di Vicenza e dal Museo Egizio in collaborazione con il Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio e la Fondazione Teatro Comunale Città di Vi­cenza; la promozione e l’organizzazione sono curate da Marsilio Arte, che ne pubblica il catalogo.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI