Piero della Francesca

Sansepolcro 1416 ca - Sansepolcro 12/10/1492

© Arte.it | Dettaglio dalla Resurrezione (1465) con presunto autoritratto di Piero della Francesca

Si forma a Firenze insieme a Domenico Veneziano con il quale collabora per gli affreschi del coro di S. Egidio. Nel 1442 a Borgo Sansepolcro la confraternita della Misericordia gli commissiona il Polittico della Misericordia. Contemporaneamente esegue il Battesimo di Cristo (National Gallery, Londra). Intorno al 1451 si reca a Rimini dove lavora nel Tempio Malatestiano all'affresco col ritratto di Sigismondo Malatesta. Nel 1452 è chiamato dalla famiglia Bacci per proseguire la decorazione del coro di S. Francesco ad Arezzo. Tra le opere più importanti la Flagellazione eseguita tra il 1455 e il 1460 a Urbino. Dello stesso periodo è la tavola con L'Annunciazione nel polittico di Sant'Antonio delle Monache di Perugia. In questi anni s’intensificano i rapporti con la corte dei Montefeltro per i quali esegue il Ritratto di Battista Sforza e Federico da Montefeltro. Tra le ultime opere la Madonna di Senigallia (1470) e la Sacra conversazione di Brera (1472-74).

Biografia di Daniela Cipriani



Le opere