Attenzione: alcuni musei, gallerie e luoghi espositivi potrebbero essere temporaneamente chiusi al pubblico.

Mostra Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento a Roma. Le informazioni sulla mostra Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento, i curatori, gli orari di ingresso, il costo dei biglietti, i numeri per prenotare, il comunicato stampa sulla mostra Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento del museo Palazzo Barberini di Roma.

Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, Giuditta decapita Oloferne, 1600 ca, olio su tela, 195x145 cm. Roma, Palazzo Barberini

Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, <em>Giuditta decapita Oloferne</em>, 1600 ca, olio su tela, 195x145 cm. Roma, Palazzo Barberini

Mappa

  • Città: Roma
  • Provincia: Roma
  • Indirizzo: Via delle Quattro Fontane 13
  • Sito ufficiale

Scheda Mostra

Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento

Caravaggio, Artemisia Gentileschi


  • Luogo: Palazzo Barberini
  • Curatori: Maria Cristina Terzaghi
  • Città: Roma
  • Provincia: Roma
  • Data inizio: 26 Novembre 2021
  • Data fine: 27 Marzo 2022
  • Costo del biglietto: Solo mostra: intero 7 €, ridotto 2 € (cittadini EU dai 18 ai 25 anni). Mostra + museo: intero 15 €, ridotto 4 € (cittadini EU dai 18 ai 25 anni). Gratuito inori di 18 anni, scolaresche e insegnanti accompagnatori dell’Unione Europea (previa prenotazione), studenti e docenti di Architettura, Lettere (indirizzo archeologico o storico-artistico), Conservazione dei Beni Culturali e Scienze della Formazione, Accademie di Belle Arti, dipendenti del Ministero della Cultura, membri ICOM, guide
  • Sito ufficiale

Comunicato Stampa:

Dal 26 novembre 2021 al 27 marzo 2022 a Palazzo Barberini si terrà la mostra Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento a cura di Maria Cristina Terzaghi.

Ospitata nelle nuove sale al pian terreno di Palazzo Barberini, la mostra celebra i cinquant’anni dall’acquisizione da parte dello Stato italiano e i settant’anni dalla scoperta del celebre dipinto di Caravaggio conservato a Palazzo Barberini: Giuditta e Oloferne.

Una serie di capolavori provenienti dai musei di tutto il mondo, inclusa la straordinaria Giuditta e Oloferne di Artemisia Gentileschi del Museo di Capodimonte a Napoli, documentano la dirompente novità della rivoluzione caravaggesca nella pittura a lui contemporanea.