Arte, cultura e svago

10 cose da fare ad Aquileia e dintorni

 

Anna Pugliese

12/07/2017

Udine - E’ il gioiello del Friuli Venezia Giulia: Aquileia, patrimonio Unesco per le sue vestigia romane e la strepitosa basilica paleocristiana, è la destinazione ideale per chi desideri combinare i piaceri della cultura con quelli della “dolce vita”.  La vicinanza al mare, le numerose cantine vinicole, i piatti della tradizione locale completano la ricca offerta del territorio.
Abbiamo selezionato 10 cose da fare ad Aquileia in un weekend.

1. Visita alla Basilica
La visita non può che iniziare dal cuore di Aquileia la Basilica. Sfoggia 750 metri quadrati di mosaico , il più antico e più grande mosaico cristiano dell’Occidente. Particolarmente interessante è, nella quarta campata, la storia del profeta  Giona, inghiottito dal mostro marino. Per capirla conviene approfittare di una guida o delle audioguide.

2. Collezione d'ambra al Museo Archeologico
Vale una sosta, sempre ad Aquileia, il Museo Archeologico. Vanta raccolte strepitose, come quella di tappeti musivi o quella dedicata ai manufatti in ambra, spesso dal design davvero contemporaneo.

3. Sosta all'azienda vinicola
Dopo tanta cultura ci si può concedere una sosta, magari in un vigneto con vista sul campanile della basilica. All’azienda agricola Ca’ Tullio si può scoprire la tradizione vinicola di un tempo, immergendosi nella Taberna Romana per poi magari visitare la cantina (anche con una degustazione, prenotando per tempo) e fare un po’ di shopping : qui i gioielli sono i bianchi Ribolla Gialla e Traminer e i rossi Refosco dal Peduncolo Rosso e Schiopettino.

4. Indirizzo per i golosi...
Un’altra sosta, in questo caso golosa, è d’obbligo ad Aquileia. In piazza Capitolo c’è la pasticceria e cioccolateria Mosaico: propone una pausa rilassante e golosa o l’occasione di acquistare biscotti, confetture e dolci tipici, come il presnitz, ripiena di frutta secca, e la pinza.

5. Tutti al mare!
Se la giornata è calda, poi, una puntata alla spiaggia è d’obbligo. A Grado la più apprezzata è quella che la gente del posto chiama la “spiaggia vecja”, lo stabilimento Costa Azzurra. Qui la particolarità è che l’arenile scende velocemente e si può nuotare senza allontanarsi troppo dalla riva per trovare l’acqua alta. La sabbia è dorata, fine, e non c’è mai troppa ressa.

6. La Basilica di Grado
C’è una basilica anche a Grado, quella dedicata a Sant’Eufemia: vale la pena scoprirla anche per notare le tante differenze con quella di Aquileia. Costruita con materiale di recupero, è semplice, schematica e ha una chiara impronta bizantina.

7. Visita al parco naturale e alla laguna
E’ un paradiso per i birdwatcher la riserva naturale Foci dello Stella, un'area di 1377 ettari di natura che comprende il delta del fiume Stella e la zona lagunare circostante. Si tratta  di un esteso e rigoglioso canneto intersecato da una tortuosa rete idrica che si protrae dolcemente in laguna.

8. Relax alle terme
Per rilassarsi, poi, è consigliabile una sosta alle Terme Marine dove ci si può concedere cure per l’apparato respiratorio ma anche, e soprattutto, tanti momenti relax, dall’idromassaggio nell’acqua termale ai massaggi ayrvedici e shiatsu, californiano e thailandese.

9. L'ora dell'aperitivo
Per concludere il pomeriggio, magari godendosi il tramonto sulla spiaggia, ci si può dirigere verso il lounge bar Antiche Terme, una terrazza affacciata sul mare, sulla spiaggia principale di Grado, in viale Dante Alighieri. C’è anche la possibilità di fermarsi per una cena veloce.

10. La buona tavola a km 0
Poi per la cena c’è un indirizzo imperdibile. Zero Miglia è il locale della cooperativa pescatori locale serve pesce appena pescato, proponendo piatti semplici, legati al territorio. L’atmosfera poi fa il resto: il locale, in riva Dandolo, in estate ha una selva di tavolini lungo il canale, quindi si mangia a fianco delle barche a vela di passaggio. E ci si gode la brezza del mare. 

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >