De Chirico e la Metafisica

© Giorgio de Chirico By SIAE 2020 | Giorgio de Chirico, Le Muse Inquietanti, 1925, (1947/1919) Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea 

 

Dal 07 Novembre 2020 al 05 Settembre 2021

Pisa

Luogo: Palazzo Blu

Indirizzo: Lungarno Gambacorti 9

Orari: tutti i giorni dalle 10 alle 20; la prenotazione è obbligatoria nel weekend e nei giorni festivi, da effettuare un giorno prima della visita

Curatori: Saretto Cincinelli e Lorenzo Canova

Enti promotori:

  • Patrocinio di
  • Ministero della Cultura
  • Regione Toscana
  • Comune di Pisa

Prolungata: fino al 5 settembre 2021

Costo del biglietto: dal lunedì al venerdì è possibile acquistare i biglietti anche in sede ma si consiglia comunque la prenotazione online per evitare attese

Telefono per prevendita: +39 02 92897755

Telefono per informazioni: +39 050 2204650

E-Mail info: info@palazzoblu.it

Sito ufficiale: http://dechiricopisa.it


La mostra antologica De Chirico e la Metafisica, allestita a Pisa nelle sale di Palazzo Blu, la cui chiusura era prevista per domenica 9 maggio 2021, viene prorogata fino al 5 settembre 2021.

La decisione è stata presa dagli organizzatori, Fondazione Pisa insieme con MondoMostre, grazie alla importante e generosa collaborazione dei prestatori, tra questi le più prestigiose istituzioni nazionali d'arte moderna, quali la Pinacoteca di Brera e il Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto (MART), la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e de La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma. In questo modo sarà possibile consentire al pubblico che lo desidera, e che non ha ancora avuto modo di farlo – a causa delle misure di contingentamento – di poter visitare la mostra, nel rispetto della massima sicurezza.

Un’esposizione unica e irripetibile che mette insieme oltre 80 capolavori del padre della Metafisica, Giorgio de Chirico, per la prima volta a Pisa. 

Il catalogo della mostra è edito da Skira Editore.

L'esposizione racconta l'opera del Pictor optimus in un lungo viaggio attraverso immagini e parole; una navigazione fatta di partenze e ritorni, che hanno lasciato tracce profonde lungo l'arco del Novecento e che ancora oggi ispirano le nuove generazioni di artisti. Una mostra che permette di conoscere de Chirico grazie a una serie di disvelamenti che aprono il sipario sui suoi enigmi, consentendo l’accesso al suo labirintico proscenio. Uno degli elementi principali del progetto è la scoperta della collezione personale dell'artista, dei “de Chirico di de Chirico” che sono il fulcro di questa mostra, composta soprattutto da un grande numero di opere provenienti da La Galleria Nazionale di Roma – donate nel 1987 dalla moglie del pittore, Isabella – e dalla Fondazione Giorgio e Isa de Chirico.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI