Attenzione: alcuni musei, gallerie e luoghi espositivi potrebbero essere temporaneamente chiusi al pubblico.

Mostra Navin Rawanchaikul. Ciao da Roma a Roma. Le informazioni sulla mostra Navin Rawanchaikul. Ciao da Roma, i curatori, gli orari di ingresso, il costo dei biglietti, i numeri per prenotare, il comunicato stampa sulla mostra Navin Rawanchaikul. Ciao da Roma del museo MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo di Roma.

Navin Rawanchaikul, Ciao da Roma, 2018. Dipinto, olio su tela, 160 x 330 cm.

Navin Production

Navin Rawanchaikul, Ciao da Roma, 2018. Dipinto, olio su tela, 160 x 330 cm.

Mappa

  • Città: Roma
  • Provincia: Roma
  • Indirizzo: via Guido Reni 4/a
  • Sito ufficiale

Scheda Mostra

Navin Rawanchaikul. Ciao da Roma

Navin Rawanchaikul


  • Luogo: MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
  • Curatori: Hou Hanru con Donatella Saroli
  • Città: Roma
  • Provincia: Roma
  • Data inizio: 10 Marzo 2021
  • Data fine: 30 Maggio 2021
  • Costo del biglietto: intero € 5. Gratuito minori di 14 anni; disabili che necessitano di accompagnatore; dipendenti MiBACT; accompagnatori e guide turistiche dell’Unione Europea, munite di licenza; 1 insegnante ogni 10 studenti; membri ICOM; soci AMACI; giornalisti accreditati; possessori della membership card myMAXXI; studenti e ricercatori universitari di Arte e Architettura da martedì a venerdì (esclusi festivi); il giorno del tuo compleanno. È obbligatorio acquistare il biglietto online su maxxi.vivaticket.it
  • Sito ufficiale

Comunicato Stampa:

Un imponente olio su tela tra Bollywood e la periferia romana, la diaspora e l'integrazione culturale.

Un olio su tela imponente che reinterpreta lo stile del manifesto dell’industria cinematografica indiana, catturando la comunità di migranti dell’Asia meridionale nella sua vita quotidiana a Roma e nei suoi dintorni.

Il Ciao da Roma di Navin Rawanchaikul parla della diaspora ma anche dell’integrazione e delle sfide culturali che l’artista ha raccolto durante il suo soggiorno a Roma e nel Lazio nel 2018. L’opera entrerà a far parte della Collezione del MAXXI.

Un ringraziamento speciale a 
Concilio Europeo dell’Arte.