Dal 22 al 28 marzo gli appuntamenti sul piccolo schermo

Da Raffaello a Escher, da Frida a Leonardo, la settimana in tv

Raffaello Sanzio, Madonna Sistina (Dettaglio), 1513-1514 circa, Olio su tela, 196 x 265 cm, Dresda, Gemäldegalerie
 

Samantha De Martin

22/03/2021

La luminosa grazia della Madonna Sistina di Raffaello incontra la paradossali prospettive di Escher, con i suoi universi riflessi in una sfera o in uno specchio d'acqua che inchiodano l'occhio umano al richiamo dell'infinito. Sfilano anche Frida Kahlo e un Leonardo inedito nel palinsesto settimanale dell’arte in tv, pronto a intrattenere gli amanti della bellezza, in attesa che i musei ripartano.
Ecco gli appuntamenti da non perdere dal 22 al 28 marzo.

Su Sky Arte appuntamento con Escher, Raffaello, Frida Kahlo
Quando la Madonna Sistina di Raffaello arrivò a Dresda, nel 1754, si dice che Federico Augusto II abbia addirittura fatto spostare il proprio trono per poter meglio ammirare il capolavoro dell’Urbinate. Il monarca non fu il primo né l'ultimo uomo ad essere stregato dal dipinto del maestro. Le incredibili vicessitudini di quest’opera, considerata ancora oggi il più bel capolavoro mai realizzato dal geniale pittore del Rinascimento italiano, sono al centro dell’agenda settimanale di Sky Arte. La Madonna Sistina di Raffaello - Il Capolavoro Ritrovato ripercorre le straordinarie peripezia del quadro, oggi esposto nelle sale della Gemäldegalerie Alte Meister di Dresda, ma che ha rischiato di sparire per sempre sotto le bombe della Seconda Guerra Mondiale.


Raffaello Sanzio, Madonna Sistina (dettaglio), 1513-1514 circa, Olio su tela, 196 x 265 cm, Gemäldegalerie, Dresda

Venerdì 26 marzo, alle 21.15 partiremo alla volta di Città del Messico per ripercorrere la vita all’interno di "The Blue House", la casa di Frida Kahlo, tra feste, manifesti, artisti, relazioni amorose e tradimenti. Appuntamento quindi alle 21.15, in prima visione, con A Frida Kahlo.
Dall’universo a colori di Frida agli incredibili mondi di Maurits Cornelis Escher. Sabato 27 marzo alle 12, con Escher - Viaggio nell'infinito, il pubblico di Sky Arte è invitato a mettersi sulle tracce della vita e delle opere del più noto incisore della storia moderna. Oltre a far letteralmente entrare nelle sue opere iconiche e meno note, il docufilm regala intere pagine dai diari di Escher, lezioni e appunti compilati nel corso di una lunga carriera che svelano i meandri di una mente austera e fantasiosa al tempo stesso, solitaria eppure capace di parlare oltre i limiti di competenze e generazioni. Saranno la voce e le parole dello stesso artista, prese da oltre 1000 lettere, ad aprire un varco nel suo universo.


Maurits Cornelis Escher, Band ohne Ende | Courtesy Sky

Su Art Night omaggio a Raffaello
Questa settimana il venerdì di Rai5 è interamente dedicato a Raffaello. La puntata di “Art Night”, in onda venerdì 26 marzo alle 21.15, avrà come ospite il più grande artista del Rinascimento, con un'introduzione di Gabriele Finaldi, direttore della National Gallery di Londra.
Il programma di Silvia De Felice, Massimo Favia e Marta Santella, per la regia di Andrea Montemaggiori, si apre con il documentario Raffaello. Il mito e la modernità. Studiosi ed esperti ricostruiscono la figura e la carriera dell’Urbinate, che non fu solo pittore e architetto, ma anche fine intellettuale capace di interpretare il progetto di un’intera società. Grazie alle riflessioni dello scrittore e restauratore Antonio Forcellino, il viaggio in tv ripercorre gli anni romani del maestro, quello che viene considerato il “periodo d’oro”, che va dal pontificato di Giulio II alla morte di Leone X nel 1521.

A seguire “Art Night” propone, in prima visione, il documentario Le stanze di Raffaello di Luca Criscenti, un approfondimento sui quattro gioielli dei Musei Vaticani. Le stanze sono parte dell'appartamento, situato al secondo piano del Palazzo Pontificio, che Giulio II della Rovere scelse come propria residenza e in seguito utilizzato anche dai suoi successori. La decorazione pittorica fu realizzata da Raffaello e dai suoi allievi tra il 1508 e il 1524. Guida appassionata e autorevole in questo percorso è il professor Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani fino al 2016.


Raffaello Sanzio, Stanza dell'Incendio di Borgo, Incendio di Borgo, 1514, Musei Vaticani, Nuova Illuminazione delle Stanze di Raffaello realizzata da Osram, 2017 | © Governatorato dello Stato della Città del Vaticano

Su Rai1 al via la serie dedicata a Leonardo
Prenderà il via domani, martedì 23 marzo, su Rai1, Leonardo, la serie evento in otto episodi dedicata alla vita e ai misteri del maestro di Vinci. Sarà l'attore irlandese Aidan Turner a vestire i panni del genio del Rinascimento, mentre Matilda De Angelis interpreterà Caterina da Cremona e Giancarlo Giannini Andrea del Verrocchio.

Leonardo ripercorrerà le conquiste del maestro, non solo nell’ambito dell’arte, raccontandoci chi fosse davvero l’artista, oltre a svelarci le sue opere d’arte e i motivi della sua genialità.

Dal Museo archeologico di Napoli a Gauguin, la grande arte va in scena su Nexo+

Da qualche settimana c’è un nuovo universo in cui trascorrere un tempo libero di qualità in compagnia della grande arte. Nexo+, la piattaforma online lanciata da Nexo Digital, offre un’ampia selezione di film e documentari a pagamento dedicati alla bellezza. Tra le ultime uscite, Agalma, girato all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, e la miniserie in tre puntate Salvador Dalì. La ricerca dell’immortalità. Chi volesse viaggiare alla volta del paese delle Piramidi e delle sue meraviglie non può perdersi Mille e una notte in Egitto, mentre gli appassionati della pittura potranno scegliere tra Bosch e Botticelli, Velasquez, Gauguin e ancora Frida, Giosetta Fioroni, Gustave Courbet.

Gli appuntamenti su ARTE tv

Fino al 26 aprile su ARTE Tv è disponibile il documentario Il catalogo Göring. Collezionista d'arte e di morte.
Sotto la barbarie del Nazismo, ben 650 mila opere d’arte sono state oggetto di saccheggio da parte dei fedelissimi di Hitler e dei suoi gerarchi. Tra questi spicca Hermann Göring, numero due del regime e protagonista dei più eclatanti casi di spoliazione ai danni di collezionisti privati. Il documentario accompagna il pubblico tra i corridoi del suo ‘quartier generale’ di Carinhall, dove Göring amava esibire i propri "trofei" nella duplice veste di mecenate e signore della Guerra.


Mille e una notte in Egitto, Mirror of Princess Sathathor Yunet | Courtesy Nexo+

 Leggi anche:
• Agalma: la vita segreta del MANN in un film
• La rivelazione della Madonna Sistina, l'opera più bella di Raffaello


COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >