Kandinsky a Milano

White Zig Zag di Wassily Kandinsky
 

27/03/2007

Kandinsky torna in italia: 42 opere - olii su tela, pastelli ed acquerelli- sono esposte a Palazzo Reale a 60 anni esatti di distanza da Arte Astratta e Concreta, prima grande mostra sul tema nell’ Europa del dopoguerra (a cura di Max Huber, ed al suo fianco Ettore Sottsass). Allora, nel 1947,  Palazzo Reale consacrò l’affermarsi di un nuovo linguaggio nell’arte.

Oggi che l’esigenza è di illuminare il percorso ed il valore storico dell’astrattismo in Italia, assume a referente il grande maestro russo, il primo a teorizzare la “necessità interiore” come fondamento della vera arte, ed a lasciarsi alle spalle la rappresentazione della realtà per liberare composizioni di forme e colori.

“La  parola  ‘composizione’  mi  sembrava  sempre  commovente. ..  Questa  parola  agiva  su  di  me  come  una  preghiera.  Mi  riempiva  di  rispetto”  scriveva Kandinsky in “Sguardo al passato”.

E “Composizione VII” del 1913, opera considerata  punto  d’arrivo  ed insieme  matrice  della ricerca su forma e colore, apre simbolicamente il percorso espositivo, che si articola poi in due blocchi principali, scanditi ancora da due mostre.
Il primo blocco va dagli anni ’30 alla prima metà dei ’40, e si inaugura con la personale dedicata a Kandinsky dalla Galleria milanese Il Milione nel 1934.

In realtà Kandinsky neppure scese in Italia in occasione della mostra, che tuttavia è giudicata di forte impatto sugli sviluppi dell’arte del nostro paese, allora incentrata piuttosto sul neoplasticismo di Mondrian e Van Doesburg.

La lezione sull’uso del colore e delle forme geometriche de Lo Spirituale nell’Arte si riflette nelle 170 opere in mostra, di circa 50 artisti tra cui Bruno Munari, Lucio Fontana, Osvaldo Licini, Mario Radice, e Manlio Rho, che nel suo primo dipinto astratto si richiama a “Lilla-Viollet” (1932) di Kandinsky.

La seconda area della mostra ruota intorno alla fine dei ’40 fino ed ai primi ’50, con la retrospettiva che la Biennale di Venezia dedica al maestro russo, negli anni della costituzione di Forma 1 a Roma (1947), del Movimento Arte Concreta a Milano (1948).

Tra gli artisti in mostra, Carla Accardi, Pietro Dorazio, Gastone Novelli, Enrico Prampolini, Pietro Consagra e Mario Nigro.
L’omaggio a Wassilli Kandinsky apre le sale di Palazzo Reale  ad ospitare una delle principali ricostruzioni del fenomeno dell’astrattismo in Italia.
Fino al 10 giugno.

Michela Saputi


COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >