Giuliano Giuliani. Sottrazioni

Giuliano Giuliani, Sottrazioni, Convento dell'Annunziata, Ascoli Piceno 2016 | © Giuliano Giuliani, Photo by Ignazio Maria Coccia

 

Dal 09 Maggio 2016 al 20 Maggio 2016

Ascoli Piceno

Luogo: Convento dell'Annunziata

Indirizzo: Colle dell'Annunziata - Viale della Rimembranza 1

Orari: 9 - 19

Curatori: Luigi Coccia, Alessandro Gabbianelli, Maria Teresa Granato

Enti promotori:

  • UNICAM Università degli Studi di Camerino
  • Scuola di Ateneo Architettura e Design "Eduardo Vittoria" Università di Camerino
  • ARTE.it

Telefono per informazioni: +39 0737 404201

E-Mail info: alessandro.gabbianelli@unicam.it

Sito ufficiale: http://www.giulianogiuliani.it


Comunicato Stampa: Con un racconto fotografico di Ignacio Maria Coccia

Il suo duro scavare a un tratto si ferma e, nel suo ultimo gesto, il travertino perde la sua gravità e grevità fisica e diventa aria, velo, lampo.
(Tullio Pericoli)

Una mostra a cura di Luigi Coccia, Alessandro Gabbianelli, Maria Teresa Granato
 Giuliano Giuliani. Sottrazioni

Dal 9 al 20 maggio 2016
Convento dell'Annunziata
Sede della Scuola di Ateneo Architettura e Design "Eduardo Vittoria" Università di Camerino
Colle dell'Annunziata, Viale dell'Indipendenza 1
Ascoli Piceno
9 - 19

L’iniziativa si inserisce nel workshop di progettazione coast2coast

Giuliano Giuliani nasce ad Ascoli Piceno nel 1954 dove frequenta l'Istituto Statale d’Arte per poi formarsi all’Accademia di Belle Arti di Macerata. La sua passione innata per il travertino, materiale elettivo della città natale, lo porta a trasformare la cava paterna ormai dismessa nel suo personale laboratorio di ricerca.

Dai tempi della prima mostra da studente, tenutasi nel 1975 alla Galleria Nuove Proposte di Ascoli Piceno, partecipa a numerose rassegne tra collettive, come la Biennale di Venezia, il Premio Marche, il Premio Michetti e la Biennale d’Arte Sacra di San Gabriele, e personali, come nel 1992 alla Galleria de’ Serpenti di Roma, nel 2000 alla Galleria L’Isola di Trento, nel 2002 al Palazzo Massari di Ferrara, nel 2004 nella Chiesa Rupestre Madonna delle Virtù di Matera, nel 2007 al Bastione Sangallo di Loreto e alla Galleria Ceribelli di Bergamo, nel 2012 al Museo di Roma in Trastevere. Tra i curatori delle sue mostre e gli estimatori del suo lavoro, tra gli altri, Mariano Apa, Giuseppe Appella, Carlo Chenis, Fabrizio D’Amico, Massimo Duranti, Carlo Melloni, Osvaldo Rossi.

Le opere di Giuliani, oltre che in numerose raccolte private, sono presenti nelle collezioni dei Musei Vaticani, del Museo della Scultura Contemporanea di Matera, del Museo d’Arte Paolo Pini di Milano, del Centro per la Scultura Contemporanea di Cagli, del Museo Diocesano di Lecce, della Banca Nazionale del Lavoro, e all’interno del Parco Scultura Trasanni a Urbino, del Parco delle Sculture Casilino-Labicano a Roma e della città di Brufa.

Recentemente l’artista ha realizzato un monumento alla memoria di Eric Waters, genitore del leader dei Pink Floyd Roger Waters, caduto durante lo sbarco di Anzio. L’opera è stata inaugurata nella campagna di Aprilia alla presenza del musicista inglese. Al giugno 2015  risalgono la partecipazione alla mostra "Trincee. Il mondo in fiamme e la morte" presso il Centro per l'arte contemporanea La Nuova Pesa di Roma e allo stesso anno quelle al Premio Vasto, al Salone del Mobile di Milano con Graziano Ricami Art Design, alla mostra “La Creation II” tenutasi all’Ambasciata d’Italia a Parigi ed espone alla Galleria Gino Monti di Ancona. E’ inoltre presente nella mostra “Il tesoro d’Italia", in cui sono state esposte opere dal 300 al 900, da Masaccio a Manzoni, curata da Vittorio Sgarbi al Padiglione Eataly di Expo Milano 2015.

Vedi anche:
- Ai confini della Materia
- ESCAPE FROM THE SEA: idee e progetti per i nuovi orizzonti del turismo culturale in Italia


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI