Il viaggio a Reims. Memorie di uno spettacolo

Il viaggio a Reims. Memorie di uno spettacolo. Veduta di allestimento della mostra presso il Museo internazionale e biblioteca della musica, Bologna, 2019

 

Dal 28 Marzo 2019 al 05 Maggio 2019

Bologna

Luogo: Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna

Indirizzo: Str. Maggiore 34

Curatori: Giuseppina Benassati, Roberta Cristofori

Enti promotori:

  • Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Costo del biglietto: ingresso gratuito


Comunicato Stampa:
Dopo una prima tappa allestita al Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara dal 18 gennaio al 26 marzo 2019, il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna è lieto di accogliere nella Sala mostre temporanee il progetto espositivo Il viaggio a Reims. Memorie di uno spettacolo a cura di Giuseppina Benassati e Roberta Cristofori, promosso da Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Associazione Ferrara Musica e Istituzione Bologna Musei | Museo internazionale e biblioteca della musica. 

In proseguimento delle celebrazioni per il 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini che hanno costellato l'intero 2018 di eventi organizzati in ogni parte del mondo, la mostra celebra quello che il giudizio storico della critica riconosce come uno dei maggiori spettacoli del Novecento: il dramma giocoso in un atto Il viaggio a Reims realizzato in prima rappresentazione all’Auditorium Pedrotti di Pesaro nel 1984 con la direzione di Claudio Abbado, la regia di Luca Ronconi e le scene di Gae Aulenti, poi riproposto al Teatro Comunale di Ferrara nel 1992 con lo stesso Abbado alla guida della Chamber Orchestra of Europe e di un cast di altissimo livello. 

Il nucleo principale della mostra si compone di una selezione di 32 immagini fotografiche, tra gigantografie e formati più piccoli, realizzate da Marco Caselli Nirmal durante la recita del 1992, che ritraggono i tre protagonisti dello spettacolo, insieme alle maestranze, agli orchestrali e a un cast che annoverava eccellenze quali Cecilia GasdiaRuggero RaimondiCarlos ChaussonLucia Valentini TerraniEnzo DaraCheryl StuderFrank LopardoWilliam Matteuzzi e Lucio Gallo sino ad arrivare a Placido Domingo

Le istantanee colte durante le prove raccontano il lavoro dietro le quinte, gli allestimenti scenici, i confronti ed i dialoghi tra direttore e i cantanti, tra regista e autore degli allestimenti, geniali creatori e amici di lungo corso, mirando così alla documentazione del processo di creazione dello spettacolo e del lavoro quotidiano all’interno di un teatro durante la progettazione e realizzazione di esso. Notevoli i ritratti di Claudio Abbado - Marco Caselli Nirmal ne è stato fotografo per oltre vent'anni - e di Luca Ronconi, regista geniale, innovativo e profondo conoscitore del teatro e del suo funzionamento. 

Gli scatti sono stati selezionati da un fondo di circa 2.800 fotografie che oggi appartiene allo straordinario Archivio del Teatro Comunale di Ferrara. Composto da oltre 250.000 immagini, questo patrimonio è stato oggetto di un recente progetto di catalogazione e digitalizzazione, finanziato e coordinato dall'Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna che lo ha reso consultabile su web attraverso l'OPAC del Polo bibliotecario ferrarese

Oltre all'esposizione di 5 bozzetti disegnati da Gae Aulenti per le scenografie, un video con ulteriore materiale fotografico e l'installazione del cavallo e della carrozza originali realizzati per la scenografia, già presentati a Ferrara, la tappa bolognese si arricchisce di una nuova sezione di immagini, opera dello stesso Caselli Nirmal, dedicate allo spettacolo andato in scena al Teatro Comunale di Bologna nel 2001 sotto la direzione di Daniele Gatti. 

Una naturale integrazione alla mostra viene inoltre offerta dalle collezioni del museo al primo piano di Palazzo Sanguinetti. In particolare, la figura di Gioachino Rossini si incontra nella sala 7 del percorso espositivo dove, accanto a documenti e oggetti personali che documentano lo stretto legame del compositore con Bologna, si trova esposto il libretto di Luigi Balocchi de Il viaggio a Reims ispirato da Corinna o l'Italia di Madame de Staël. Composta per l'incoronazione di Carlo X Re di Francia, l'opera venne eseguita per la prima volta a Parigi nel Théâtre Italien il 19 giugno 1825.   

Le preziose memorie di quest'opera rossiniana scomparsa e ritrovata rivivono in un catalogo (Longo Editore), curato da Giuseppina Benassati e Roberta Cristofori, 

La mostra inaugura mercoledì 27 marzo 2019 all'illustre presenza di Cecilia Gasdia, Sovrintendente Fondazione Arena di Verona. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI