Ho cercato l’armonia. Nuove opere al Vittoriale degli Italiani

Ugo Riva, Tregua, bronzo, 1986

 

Dal 11 Marzo 2017 al 11 Marzo 2017

Gardone Riviera | Brescia

Luogo: Vittoriale degli Italiani

Indirizzo: via Vittoriale 12


Comunicato Stampa:
Il giardino del Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera - “Parco più bello d’Italia” nel 2012 - è diventato negli anni un museo en plein air grazie alle donazioni di grandi artisti come Mimmo Paladino, Arnaldo Pomodoro, Velasco Vitali e Mario Botta. In occasione della festa del Vittoriale dell’11 marzo, intitolata “Ho cercato l’armonia”il parco dannunziano si arricchisce di  nuove opere.

Nel libro Di me a me stesso si scopre che l’armonia cercata da d’Annunzio era quella fra spirito e natura, e che il Poeta ammise di non averla trovata. Trovò sempre, invece, quella fra natura e bellezza e il Vittoriale ne è la prova. Per rendere omaggio a quell’armonia, insieme al Maestro Ugo Riva è stato ideato un percorso di sculture d’arte contemporanea nel parco dannunziano, diventato ormai esso stesso un percorso di bellezza e di scoperta. 

Ugo Riva, Girolamo Ciulla, Federico Severino, Michela Benaglia, Dario Tironi Cesare Inzerillo sono gli artisti le cui opere - sculture, fotografie e bassorilievi -  renderanno ancora  più prezioso il Vittoriale degli Italiani. Con queste nuove donazioni, il parco dannunziano diventa a tutti gli effetti un vero e proprio museo dedicato alle sculture dell’arte contemporanea italiana.

Di seguito i dettagli delle opere che saranno inaugurate:

- “Tregua” (bronzo, 1986) e “Anita la rossa” (terracotta policroma, 1989) di Ugo Riva

- Opere senza titolo (due bassorilievi 2016) e “Colonna con tempio” di Girolamo Ciulla (scultura in travertino 1996) 

- “28 febbraio 1938” di Cesare Inzerillo (tecnica mista 2017)

- Senza titolo di Dario Tironi (legno, schiuma poliuretanica, oggetti, resina, vernice acrilica, 2017) 

- “Il silenzio” di Federico Severino, (terracotta policroma satinata, 2017)

- “Divinità femminile” di Michela Benaglia, (acciaio inox specchiante, 2015)

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI