Dopo il diluvio. 
Filippo Palizzi, la Natura e le Arti

Dopo il diluvio. 
Filippo Palizzi, la Natura e le Arti

 

Dal 16 Giugno 2018 al 30 Settembre 2018

Vasto | Chieti

Luogo: Palazzo d’Avalos

Curatori: Lucia Arbace

Enti promotori:

  • Comune di Vasto
  • MiBACT - Polo Museale dell’Abruzzo
  • Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma

Telefono per informazioni: +39 0873 367773

E-Mail info: palazzodavalos@archeologia.it

Sito ufficiale: http://www.museipalazzodavalos.it


Comunicato Stampa:
Siamo felici di invitarLa all'inaugurazione della mostra "Dopo il diluvio. Filippo Palizzi, la Natura e le Arti" a cura di Lucia Arbace, sabato 16 giugno alle ore 18  a Palazzo d’Avalos, Vasto.

In occasione del bicentenario dalla nascita di Filippo Palizzi (16 giugno 1818 – 16 giugno 2018), il Comune di Vasto, in collaborazione con il Polo Museale dell’Abruzzo e la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, ha varato una serie di eventi dedicati all’illustre pittore. Con la mostra retrospettiva e un prestigioso volume contenente saggi specialistici, entrambi a cura di Lucia Arbace, si è inteso celebrare le grandi doti creative di un artista italiano che ha interpretato magistralmente la sua giovane nazione conquistando una clientela internazionale.

La mostra ripercorre, attraverso varie sezioni tematiche e oltre 200 opere, l’intero arco dell’attività di Filippo Palizzi, nel periodo compreso tra il 1830 e il 1899. Dagli esordi nella città natale, Vasto, agli anni della formazione a Napoli, ai viaggi in Moldavia e nel Nord Europa, allo stringente dialogo con Parigi per il tramite del fratello Giuseppe, ai soggiorni a Cava de’ Tirreni fino ad arrivare all’attività presso il Museo Artistico Industriale di Napoli, interamente dedita alla maiolica e alla cesellatura di bronzi.

Le opere selezionate proverranno principalmente dalla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma e dai musei di Napoli, attingendo soprattutto alle donazioni di Filippo Palizzi del 1892, 1896 e 1898. Si è delineata una sinergia di intenti tra le varie istituzioni delle città con le quali l’artista ha avuto un forte legame, per poter rappresentare al meglio una esperienza di assoluto rispetto non soltanto in termini di confronto con la Natura ma anche di attenzione alle tradizioni popolari, ai percorsi accademici da riformare, alla rivalutazione delle arti applicate, ai progressi dell’arte della stampa e della fotografia.

“Il titolo della mostra “Dopo il diluvio” - ha dichiarato Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell’Abruzzo e curatrice della mostra e del volume - vuole assumere un valore ben augurale per l’Abruzzo e la nostra società tutta poiché Filippo Palizzi intendeva l’uscita degli animali dall’arca come il momento della rinascita dopo la catastrofe geologica. Gli animali vengono rappresentati senza più istinti, proiettati verso l’amore. 


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: