Tra Montelupo e Doccia: maioliche e porcellane da farmacia - Conferenza

Società Ceramica Richard-Minori - Milano, Stabilimento di Doccia. Locandina

 

Dal 06 Marzo 2018 al 06 Marzo 2018

Firenze

Luogo: Teatro del Rondò di Bacco

Indirizzo: piazza Pitti 1

Enti promotori:

  • Associazione “Per Boboli”
  • Patrocinato da Regione Toscana e Comune di Firenze

E-Mail info: associazioneperboboli@gmail.com


Comunicato Stampa:
Martedì 6 marzo alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco si terrà a conferenza “Tra Montelupo e Doccia: maioliche e porcellane da farmacia”, a cura della Dott.ssa Laura Casprini. L’incontro, organizzato in collaborazione con l’Associazione Amici di Doccia, sarà introdotto dalla Presidente, Livia Frescobaldi Malenchini.

La ceramica ha accompagnato l’uomo fin dai primordi della civiltà, dapprima nella forma di semplici contenitori per la raccolta dell’acqua e la conservazione delle derrate, per poi affinarsi e specializzarsi in una serie infinita di manufatti, sia d’uso che di decoro, che è lecito considerare come vere e proprie opere d’arte. Esempio palese di come la ceramica (o, per voler essere più precisi, la terracotta, la maiolica e la porcellana), abbia potuto assolvere a numerose esigenze della vita quotidiana, è costituito dai corredi delle farmacie, in cui ogni forma risponde a precise necessità ed ogni decoro rimanda ad una tradizione ornamentale, in cui si mescolano echi d’Oriente e suggestioni d’Occidente.

La conferenza intende approfondire in modo particolare la storia di quelle manifatture d’area fiorentina, come Impruneta, Montelupo e Doccia, che hanno prodotto corredi da farmacia e utensili da laboratorio, tuttora conservati in alcune storiche raccolte, come quella della Farmacia di Santa Maria Novella o del Convento francescano de La Verna. Emergeranno nel discorso anche alcune sapide curiosità, come la farmacia allestita dalla Manifattura Cantagalli per la prima Biennale di Monza del 1923, esposta nuovamente a Parigi nel 1925 ed infine venduta e ricostruita presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Cincinnati, Ohio.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI