Giuseppe Raffaele. Humanity

© Giuseppe Raffaele

 

Dal 08 Aprile 2017 al 30 Aprile 2017

Messina

Luogo: PalaCultura

Indirizzo: viale Boccetta 343

Curatori: Mariateresa Zagone, Mosè Previti

Enti promotori:

  • U.E.
  • Po Fesr Sicilia 2007-2013
  • Regione Siciliana - Assessorato BB. CC.
  • Comune di Messina
  • teamproject

E-Mail info: lescalinatedellarte.messina@gmail.com


Comunicato Stampa:
Per “Le Scalinate dell’Arte”, progetto pluriennale dedicato all’arte e agli artisti contemporanei messinesi, con il Comune di Messina come capofila e la società Team Project come partner, finanziato nell’ambito del Po Fesr Sicilia 2007-2013, sarà inaugurata sabato 8 aprile alle ore 18 al PalaCultura di Messina “Humanity”, la personale di Giuseppe Raffaele, curata da Mariateresa Zagone e Mosè Previti.
 
In mostra trentasei sculture, un’istallazione e tredici disegni a penna e a china su carta del giovane artista messinese, le cui opere “disegnano” – come scrive Mariateresa Zagone in catalogo – “il dramma e il sogno esistenziali di una postmodernità rarefatta e in dissolvimento combinando il linguaggio asciutto e icastico di derivazione espressionista col mistero fantastico e simbolico di taluni esiti della plastica surrealista”, tra “echi di Modigliani e di Schiele, di Marini e di Colla, persino di El Greco e di Klimt ma, sopra tutto, trasposizioni in cui, giocoforza, è facile leggervi Giacometti e Germaine Richier in qualche modo traslitterati con materiali poveri o di risulta”, secondo un’operazione estetica che lega Raffaele “a quella cultura del Junk, del materiale di scarto che ha sedotto generazioni di scultori (a partire soprattutto dagli anni ‘60) in forza della sua marginalità”.
 
Giuseppe Raffaele giovane artefice possiede – spiega Mosè Previti – “una fucina di idee, un segno già suo, una scelta di materiali. Ho visto i suoi disegni: egli è coerente all’idea leggera e autosufficiente della linea, e ha trovato nel metallo il suo corrispondente fisico, lo strumento d’espressione. Usa questo materiale per quelle specificità che comunemente gli neghiamo, e invece: può essere leggero, può essere allungato, tirato in tutte le direzioni, spellato dall’acido, fatto danzare, muovere con una leggerezza commovente, con una presenza fragile ma coraggiosa, molto volitiva. D’altra parte il personaggio corrisponde. È mite questo artista, misurato nelle parole, quanto convinto dei presupposti teorici del suo lavoro. In questa sua prima personale ‘istituzionale’ c’è già un mondo di interrogativi, un canovaccio di idee già provate dall’incontro con l’esistenza”.
 
Le sculture di Giuseppe Raffaele, scrive nel suo intervento Giuseppa Prestipino, dirigente scolastico dell’IIS La Farina – Basile  di  Messina, “hanno la capacità di trasportare l’osservatore nel mondo dei sogni: intrecci di fili di metallo, di cui non si riesce ad individuare l’inizio e la fine, dopo un intenso lavoro di tensione e di modellamento, affidati alle mani e agli strumenti di lavorazione danno vita a figure filiformi chiaramente ispirate al mondo della realtà quotidiana”.
 
“Le opere dello scultore - racconta Giovanni Lucentini, responsabile di Team Project - hanno il pregio della apparente semplicità estetica e della facile modellazione propria di un materiale duttile e al contempo povero. Ma non bisogna farsi ingannare. Nella sua corale semplicità materica l’elemento prende forma e si anima. Figure filiformi, amorfe, trasfondono, immagini ed echi lontani dove la dimensione e il tempo si estendono fino a raggiungere un primordiale vagito dell’anima”.
 
“Humanity” è la mostra conclusiva delle esposizioni in programma per “Le Scalinate dell’Arte”. Le “conclude” nel senso che apre un nuovo, inedito dialogo tra Messina e la sua contemporaneità, anzitutto artistica. Partite dai maestri – Lillo Messina, Bruno Samperi, Felice Canonico, Pina Inferrera – per restituirli alla città da cui hanno avuto i natali, “Le Scalinate” sono state capaci di intercettare visioni più estemporanee (la mostra fotografica sullo Stretto e il suo mito, il murale di MaCa e la mostra dei bozzetti, l’opera temporanea alla Dogana di Santo Arizzi, il “Genus” di otto donne artiste a confronto a partire dall’8 marzo) e, soprattutto, di scoprire, e far scoprire, talenti nuovissimi, eppure già maturi. E’ stato il caso di Giuditta R e la sua “Vanessa’s Room”, ed è il caso appunto di Giuseppe Raffaele e la sua “Humanity”.
 
Raffaele ha appena vent’anni. Nato a Messina nel 1996, ha frequentato il Liceo Artistico Ernesto Basile, indirizzo Arti Figurative, dove ha cominciato a sperimentare il suo linguaggio sia in pittura sia in scultura. Attualmente frequenta la scuola di scultura dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Nel corso degli ultimi anni ha partecipato a varie manifestazioni artistiche a livello locale e nazionale.
 
L’artista fonda le sue basi stilistiche su artisti come Giacometti, Klimt e Schiele. La ricerca di Giuseppe Raffaele si muove intorno alla condizione psicologica del bambino e dell’adulto, che rappresentano simbolicamente la felicità infantile e la tristezza consapevole dell’adulto. L’artista lavora principalmente il ferro e materiali naturali che lascia “impressionare” da sostanze corrosive e agenti atmosferici.
 
“Humanity” sarà aperta fino al 30 aprile (giorno di chiusura il lunedì, apertura dal martedì alla domenica ore 10-13 e 16:30-19:30).



SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI