Lectio Magistralis - Gea Casolaro, Raffaela Mariniello, Sara Rossi

La Triennale di Milano

 

Dal 27 Ottobre 2016 al 27 Ottobre 2016

Milano

Luogo: Triennale di Milano

Indirizzo: viale Alemagna 6

Orari: h 19

Enti promotori:

  • AFIP International - Associazione Fotografi Italiani Professionisti

Costo del biglietto: ingresso gratuito (fino a esaurimento posti)

E-Mail info: info@afipinternational.com

Sito ufficiale: http://www.afipinternational.com/


Comunicato Stampa:
Tornano alla Triennale di Milano le Lectio Magistralis realizzate da AFIP International, Associazione Fotografi Italiani Professionisti. Il primo incontro, in programma giovedì 27 ottobre alle ore 19, propone uno sguardo tutto al femminile durante il quale Gea CasolaroRaffaela MarinielloSara Rossi e la moderatrice Lea Mattarella, rifletteranno sulla fotografia, tra femminismo, denuncia sociale e testimonianza storica.
Le tre artiste sono tra le protagoniste della mostra “L’altro sguardo. Fotografie italiane 1965-2015”, alla Triennale fino al 7 gennaio 2017.
 
La ricerca di Gea Casolaro mira ad attivare un dialogo permanente tra le esperienze e le persone, per ampliare la capacità di analisi e di conoscenza della realtà attraverso i punti di vista altrui; quella di Raffaela Mariniello è rivolta a tematiche sociali e culturali, con un’attenzione particolare alla trasformazione del paesaggio urbano e al rapporto tra l’uomo, il quotidiano e la natura; quella; Sara Rossi realizza opere in cui coniuga l’uso della tecnologia con il recupero di materiale d’archivio in racconti sospesi in un’atmosfera atemporale.
 
L’iniziativa Lectio magistralis di fotografia e dintorni è promossa da AFIP International e CNA Professioni, realizzata in collaborazione con La Triennale di Milano, il Maxxi – Museo Nazionale delle Arti del XII secolo di Roma, Rete Fotografia e con il contributo di Asphot, Canon, Epson.
 
Oltre a ciò, l’attività dell’AFIP International si concretizza in una serie di eventi quali conferenze, mostre e attraverso la pubblicazione di un blog dove vengono segnalati gli eventi più interessanti e sono discussi i temi e gli argomenti legati alla professione della fotografia.
L’AFIP nasce nel 1960 da un gruppo di fotografi e vede tra i primi associati Aldo Ballo, Davide Clari, Giancolombo, Mario Dainesi, Gianni Della Valle, Luciano Ferri, Gian Greguoli, Edoardo Mari, Paolo Monti, Alfredo Pratelli, Italo Pozzi, Gian Sinigaglia, Fedele Toscani e Roberto Zabban, con il proposito di rinnovare tecnicamente e culturalmente il mestiere della fotografia, difendendo la libera professione, rivolgendosi soprattutto alla produzione industriale e pubblicitaria, alla moda, all’editoria.
Il direttivo dell’AFIP International è oggi composto da Giovanni Gastel (presidente), Alfredo Pratelli (presidente onorario), Giuseppe Biancofiore (vicepresidente), Andreas Ikonomu (segretario), Sauro Sorana (tesoriere), Antonio Mecca (portavoce), Debora Barnaba, Silvia Bottino, Gianluca Cisternino, Roberto Ghislandi, Annalisa Mazzoli, Marirosa Toscani Ballo.

Gea Casolaro (Roma 1965), artista, vive tra Roma e Parigi. La sua ricerca mira ad attivare un dialogo permanente tra le esperienze e le persone, per ampliare la capacità di analisi e di conoscenza della realtà attraverso i punti di vista altrui. È stata in residenza alla Cité Internationale des Arts di Parigi, l’Istituto Italiano di Cultura di Addis Abeba, l’Istituto Italiano di Cultura di Lima. Ha realizzato progetti fotografici per il Principato di Monaco (il lavoro Forever Monte-Carlo è stato esposto presso The Forbes Galleries a New York) e in Lussemburgo al CNA Centre nationale de l’audiovisuel. Nel 2016 è stata l’artista vincitrice del bando di concorso del Comune di Casale Monferrato per la realizzazione di un monumento di arte pubblica per il “Parco Eternot” nato sul sito dove sorgeva la ex-fabbrica Eternit.
Raffaela Mariniello (Napoli 1961) è tra le più note fotografe italiane della sua generazione. La sua ricerca è rivolta a tematiche sociali e culturali, con un’attenzione particolare alla trasformazione del paesaggio urbano e al rapporto tra l’uomo, il quotidiano e la natura. Tra i suoi progetti Bagnoli, una fabbrica, Napoli veduta immaginaria e Raffaela Mariniello una monografia edita in Galles, supplemento della mostra realizzata a Cardiff alla Tourner House Gallery nel 2006. Nel 2006 inizia la serie Souvenirs d’Italie sui centri storici delle città italiane in cui si evidenzia la trasformazione dei luoghi preda del turismo di massa. Tra le mostre più recenti Capri B&B Behind and Beyond alla Certosa di San Giacomo a Capri nel 2016 in cui prosegue la speculazione sugli effetti del turismo sull’identità dei luoghi, restituendone una lettura intima e a tratti spirituale.
 
Sara Rossi (Milano, 1970) realizza opere in cui coniuga l’uso della tecnologia con il recupero di materiale d’archivio ‒ cartoline, fotografie, riprese amatoriali ‒ in racconti sospesi in un’atmosfera atemporale. Al centro della sua poetica si trovano il paesaggio naturale, con le sue trasformazioni e stratificazioni storiche, la rielaborazione tra immaginazione e realtà dello spazio e uno stile ricco di riferimenti iconografici alla storia dell’arte. Tra i riconoscimenti, si aggiudica il Premio del Pubblico durante la 50° Biennale di Venezia (2003).
Lea Mattarella insegna Storia dell’Arte contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Roma. È critico d’arte del quotidiano La Repubblica. Caporedattore della rivista Zeusi. Linguaggi contemporanei di sempre, collabora a diverse riviste specializzate. Cura mostre in spazi pubblici e privati. Il suo ambito di ricerca va dall’arte dell’800 e del ‘900 fino alle esperienze contemporanee, prediligendo il rapporto tra le arti visive e le altre discipline e l’idea di una conoscenza come scambio. Da molto tempo si occupa di arte delle donne. Vive e lavora a Roma.
 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI