Matters Matters

Jonny Niesche 'Undersong (vor Dunst)', 2015, Acylic, voile and steel, 120x170cm

 

Dal 22 Marzo 2017 al 13 Maggio 2017

Milano

Luogo: The Flat - Massimo Carasi

Curatori: Claudia Contu

Telefono per informazioni: +39 02 58313809

E-Mail info: theflat-carasi@libero.it

Sito ufficiale: http://www.carasi.it


Comunicato Stampa:
"Le forme, l’unità, la proiezione, l’ordine e il colore sono specifici, aggressivi e potenti."
- Donald Judd, Specific Objects, 1965 tradotto da Beatrice Biggio per Kabul Magazine 

The Flat - Massimo Carasi è lieta di presentare Matter Matters, mostra collettiva che in occasione di miart e del Salone del Mobile riunisce quattro artisti italiani ed internazionali la cui opera è accomunata da una precisa quanto originale riflessione sulla forma e sul materiale usato. Avvalendosi in particolare di materia, e quindi di superfici, gli artisti dialogano, ognuno con una propria voce ben distinta, per formare un coro di opere particolarmente graffianti, esteticamente ineccepibili, dove spesso è la "materia che importa", che fa sfoggio di sé e delle sue qualità. I lavori in mostra parlano a chi guarda, talvolta interagendo direttamente col pubblico, e imponendosi presenti e vivi anche quando il materiale ha già una forza autonoma anche senza presupposti teorici o concettuali.

Nel 1965 Donald Judd scriveva per ArtsYearBook il testo Specific Objects, dove delineava il neonato movimento Minimalista sostenendo che pittura e scultura fossero media già di per sé significanti, che rendevano la diluizione delle opere in un contesto comunicativo una costruzione superflua. Anche se non è il caso di definirli a ogni costo "minimali", si può senz'altro vedere Fabio Lattanzi Antinori, Jonny Niesche, Leonardo Ulian e Jonathan Vivacqua come gli eredi di questa visione che poggia il suo statuto sull'interdipendenza tra materia e forma. 

Le sculture di Lattanzi Antinori (Roma, 1971) sono dispositivi che trasmettono messaggi tanto volatili quanto misteriosi e criptici. Attraverso la conversione di dati finanziari ed economici in impulsi che coinvolgono direttamente lo spettatore, l'artista esamina la società economica tramite casi storici come quello di Lehman Brothers o dati prelevati in tempo reale dal mondo finanziario, che appare sommerso e ridicolo, ma accompagna la nostra società come un basso continuo. 

Le tele in voile di Jonny Niesche (Sidney, 1972) si estendono come schermi attraversati soltanto dal telaio stesso, che oltre a rappresentare un sostegno fisico diventa conduttore estetico più che elemento concreto. Si possono interpretare le sfumature calde come tramonti, o semplicemente constatare la forma del quadro stesso, che è tela e spazio vuoto, nel quale l'osservatore può sprofondare e perdersi come in un ambiente di James Turrell.

Leonardo Ulian (Gorizia, 1974) presenta in questa occasione nuovi lavori ispirati alla precedente serie dei Mandala, nei quali l'elemento mistico è suggerito dall'utilizzo della sabbia colorata, richiamante appunto la celebre tradizione dei monaci tibetani, su una superficie di fogli di piombo cuciti tra loro. Il chiasmo derivante dalle qualità dei diversi media si congiunge su un supporto bidimensionale che riporta tutto a un'unità chiara, mistica, ordinata, così come Ulian ci ha abituati coi suoi lavori passati.

Le grandi installazioni di Jonathan Vivacqua (Erba, 1986) sono forse le più vicine al concetto di Specific Object elaborato da Judd. Le lunghe lamine di acciaio o i tubi di gomma presentati dall'artista sono trasposti dal luogo di produzione e uso direttamente all'ambiente espositivo. Non c'è altro che forma e materia, ma le opere trascinano l'osservatore nel luogo stesso in cui esse sono esposte, diventando un'estensione naturale, e per questo sincera, della più basica forma spaziale che hanno attorno.

Fabio Lattanzi Antinori (Roma, 1971) vive e lavora a Londra. Dopo gli studi presso la Goldsmiths University ha esposto il suo lavoro a Londra, Vienna, Milano, Trento, Shenzen e New York, dove nel 2012 ha partecipato ad una summer school tenuta al MoMA PS1 da Marina Abramovic. Ha tenuto talk e conferenze in università e accademie tra cui la stessa Goldsmiths, il Sichuan Fine Arts Institute di Chongqing, la New York University e il MoCA di Shangai. Le sue opere sono presenti nelle collezioni del Victoria&Albert Museum di Londra, in cui ha esposto, il Museo Civico di Villa Lagarina a Rovereto ed il Museo Civico Crespina di Pisa. 

Jonny Niesche (Sidney, 1972) ha partecipato a numerose mostre collettive e gli sono state dedicate personali in gallerie e spazi pubblici fra Vienna, Sidney e Melbourne. Quella a The Flat - Massimo Carasi è la prima occasione in cui espone le sue opere in Italia. Quest'anno gli è stata riconosciuta l'Australia Council Grant, ed è presente in collezioni pubbliche e private, in particolare australiane ed americane, fra cui quella della National Gallery of Victoria, il M.O.N.A. (Museum of New and Old Art) di Hobart e ARTBANK AU.

Leonardo Ulian (Gorizia, 1974) è uno degli artisti della galleria The Flat - Massimo Carasi. Oltre ad esporre in varie occasioni presso gli spazi della galleria, conta mostre personali a Londra, Berlino e Pula (Croazia), nonché la partecipazione a numerose collettive tra Francia, Estonia, Stati Uniti, Tibet e Spagna in gallerie private come la Zabludowicz Collection di Londra o spazi pubblici come il Museo di Toile de Jouy, il Tartu Art Museum e Villa Florio a Udine. Con le sue opere ha vinto l'Owen Rowley Award nel 2009 e partecipa a numerose fiere in Europa e negli Stati Uniti.

Jonathan Vivacqua (Erba, 1986) vive e lavora a Milano. Ha partecipato ad una residenza presso il Museo Carlo Zauli di Faenza nel 2015, ed esposto in diverse occasioni soprattutto in territorio italiano, ma anche all'estero. Fra le collettive si contano infatti partecipazioni a mostre in Corea del Sud oltre che a Milano, Cagliari e Torino. Ha recentemente partecipato a "The habit of a foreign sky", a cura di Ginevra Bria presso Futurdome, oltre che alla galleria Arrivada e al Museo d'Arte Contemporanea di Lissone, mentre lo spazio indipendente Ultrastudio (Pescara) gli ha dedicato una personale nel 2016.

Inaugurazione 22 Marzo dalle ore 18

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: