Gli Etruschi e il MANN

Affibbiaglio, tomba 104 del fondo Artiaco di Cuma

 

Dal 16 Marzo 2020 al 31 Ottobre 2020

Napoli

Luogo: MANN - Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Indirizzo: piazza Museo 19

Orari: 09.00 – 19.30. Chiuso il martedì. Le operazioni di chiusura iniziano alle 19.00

Curatori: Paolo Giulierini, Valentino Nizzo

Enti promotori:

  • Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Costo del biglietto: Intero: € 18. Ridotto: € 2 per cittadini dell’UE tra i 18 e i 25 anni non compiuti. Ridotto speciale € 9​: tutti i giorni, dal mercoledì al lunedì, dalle 17 a chiusura biglietteria; sempre per i titolari di Artecard e per accompagnatore di abbonato OpenMann. Gratuito per i minori di 18 anni e 18app

Sito ufficiale: http://www.museoarcheologiconapoli.it



Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli la mostra “Gli Etruschi e il MANN”, a cura di Valentino Nizzo e Paolo Giulierini e promossa dallo stesso Museo Archeologico Nazionale di Napoli, espone più di 600 reperti di cui almeno 200 presentati al pubblico per la prima volta.

L’eposizione abbraccia un arco temporale di circa sei secoli e tarccia un percorso di indagine che, sulle orme degli Etruschi, cerca di unire la pianura padana e quella italica. Fino alla fine dell’Ottocento, pur essendo attestata da molteplici fonti letterarie, l’idea di una presenza degli Etruschi in Campania veniva rifiutata dai più importanti studiosi del tempo. La storia della scoperta della Campania etrusca si configura, quindi, come uno dei capitoli più avvincenti della ricerca archeologica in Italia e nel Mediterraneo: in tal senso, il ricchissimo patrimonio, custodito nei depositi del MANN e studiato in occasione della mostra, fornisce uno spaccato inedito nel panorama espositivo internazionale.
Arricchisce ulteriormente la mostra uno straordinario gruppo di materiali dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: stiamo parlando del corredo della celeberrima Tomba Bernardini da Palestrina (675-650 a.C.) tra le più ricche e famose che il mondo antico ci abbia restituito.

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI