PIDA _ Premio Internazionale Ischia di Architettura 2014

PIDA_Premio Internazionale Ischia di Architettura 2014

 

Dal 21 Luglio 2014 al 26 Luglio 2014

Ischia | Napoli

Luogo: Colombaia di Luchino Visconti e Tenuta Piromallo a Forio, Castello Aragonese a Ischia

Indirizzo: via G. Castellaccio 16 (Ass. PIDA)

Enti promotori:

  • PIDA
  • Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia
  • Comune di Forio
  • Città di Ischia

E-Mail info: info@pida.it

Sito ufficiale: http://www.pida.it


Comunicato Stampa: Al via la settima edizione del concorso internazionale del PIDA, il Premio Internazionale Ischia di Architettura, nato con l’ambizione di diventare il premio di riferimento per gli alberghi e le SPA più belle del mondo. Anche quest’anno gli architetti, i designer, i progettisti all over the world sono chiamati a confrontarsi sul tema impegnativo dell’ “Architettura dell’Ospitalità”. Il PIDA si muove, così, in continuità con il passato, ma, allo stesso tempo, ha uno sguardo attento verso il futuro: restano confermate, infatti, le partnership con istituzioni di prestigio come il magazine “Ottagono” e l’Agenzia “CasaClima e CasaClima Network Campania”, mentre entrano in seno alla giuria figure del calibro di Monica Maggioni e Paola Pierotti. Grazie, ancora, alle nuove sinergie stabilite dal PIDA, i premi della settima edizione si sono moltiplicati e diversificati in:
Premio PIDA Alberghi e SPA (opere realizzate); Premio PIDA Concept Alberghi e SPA (opere non realizzate); Premio PIDA Ottagono (l’albergo del 2030 che rispecchi i principi enunciati nel tema dell’EXPO 2015);   Premio PIDA CasaClima (l’albergo che rispetti l’ambiente); Premio PIDA Analist (il premio sugli alberghi dato da una giuria popolare che vota il suo progetto preferito su Facebook). Merita ricordare che, proprio quest’anno, il PIDA intende muoversi in coerenza con il tema del prossimo EXPO milanese 2015, che si pone una domanda, semplice e complessa al tempo stesso: “È possibile assicurare a tutta l’umanità un’alimentazione buona, sana, sufficiente e sostenibile?”. Da tale riflessione, incentrata sulla sostenibilità applicata all’alimentazione, nasce il tema della sezione del premio “PIDA Ottagono”: è necessario, infatti, immaginare attraverso un concept il modello ideale di albergo che, nell’orizzonte 2030, riesca a soddisfare il quesito sopra enunciato, riunendo al proprio interno almeno 100 posti letto, SPA, ristorante, palestra, piscina e centro congressi per 200 persone. Nonostante le numerose iniziative proposte, la tempistica dettata dal PIDA sarà rapida e già il 4 luglio la graduatoria dei vincitori sarà comunicata su sito istituzionale (www.pida.it): i primi tre classificati però, saranno svelati soltanto nella cerimonia di premiazione finale il 25 luglio. 

Al fine di lasciare sul territorio un segno concreto e tangibile del festival, durante la settimana del premio (21-25 luglio) si svolgeranno due workshop di progettazione internazionale  (con approccio di tipo interdisciplinare) aperti a giovani studenti e laureati di tutto il mondo che saranno seguiti da tutor esperti attraverso lezioni di progettazione, botanica, riqualificazione energetica, ecologia e più in generale sui vari aspetti del progetto.
Scadenza iscrizioni 14 luglio.
Quest’anno i temi affrontati saranno:
La redazione di una nuova proposta di piano per l’isola d’Ischia in tutela del paesaggio, diretto da Christine Dalnoky (docente presso l’École nationale supérieure paesaggio di Versailles, Visiting Professor di Architettura presso l’Ecole Polytechnique Fédérale di Lausanne, e docente presso l’Istituto di Architettura dell’Università di Geneva) con la collaborazione dell’arch. Piergiorgio Semerano (architetto e artista, vincitore del PIDA alla carriera 2012 e già direttore del workshop PIDA 2013), l’arch. Flavia Castagneto (esperta di tutela e pianificazione paesaggistica del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo MiBACT e referente gruppo Unesco Italia) e la paesaggista Fausta Occhipinti (docente presso l’università degli studi di Palermo presso l’Ecole Nationale Supérieure du paysage de Versailles). A supporto delle giornate di studio e come componenti della giuria interverranno: l’arch. Bijoy Jain (Studio Mumbai - Premio PIDA Sostenibilità 2014), gli archetti Hani Rashid e Lise Anne Couture (Studio Asymptote - Premio PIDA International 2014), il dott. Gian Luigi Colin (art director del Corriere della Sera), il dott. Aldo Colonetti (art director del magazine Ottagono), Mario Losasso (direttore del Dipartimento di Architettura dell’università Federico II di Napoli); l’ing. Francesco Rispoli (Professore di composizione architettonica e urbana DiARC); l’arch. Alessandro Castagnaro (Docente di storia dell’architettura DiARC); l’arch. Ciro Buono (dipartimento centro storico e linea di costa Ordine Architetti Napoli); ed altri esperti che completeranno l’offerta didattica.
Un workshop tecnico/legale diretto da paesaggisti, architetti, urbanisti che avrà lo scopo di definire nelle varie scale di progetto un nuovo approccio alle problematiche sorte in questi ultimi anni di cementificazione incontrollata del territorio al fine di proporre un ventaglio di soluzioni da sottoporre al legislatore ed alla classe politica locale e nazionale.  Il workshop sarà realizzato in collaborazione con l’università Federico II e l’Ordine degli Architetti di Napoli e prevedrà il riconoscimento di crediti formativi sia per gli studenti che per gli iscritti all’Ordine che vi parteciperanno. L’ambizione è iniziare un percorso formativo e di ricerca che continui ed approfondisca nell’ateneo e nelle istituzioni che amministrano il territorio i suoi risultati. Un laboratorio che metta insieme azioni pratiche ed immediate da realizzare durante le giornate di studio, miste alla pianificazione a medio e lungo termine.

Tre serate all’insegna dell’architettura e per approfondire il tema scelto dal PREMIO PIDA 2014: “Alberghi nutrono il pianeta_il ruolo del turismo nella sfida dell’Expo 2015”. Mostre, dibattiti, convegni si alterneranno dal 23 al 25 Luglio 2014, dando il via ad un grande festival dell’architettura e dell’ospitalità in una location d’eccezione come l’isola di Ischia.
Anche Matthew Watkins, uno dei più famosi esponenti della digital art, ha voluto interpretare il tema del premio, disegnando il manifesto della VII edizione del PIDA: uno sguardo agli alberghi del futuro che devono rigenerarsi e, per sopravvivere, cambiare le logiche di sviluppo; una visione dell’isola di Ischia, galleggiante in mezzo alle rovine, che diventa l’isola della speranza grazie ad un rapporto rinnovato con la natura.
E sul tema di immaginare nuove architetture, verranno ritrasmesse, una alla settimana, sul canale satellitare e digitale terrestre Sky 518 (RomaUno) le sei puntate del Docureality PIDA, format ideato daSolariaLab e dall’associazione PIDA, per documentare il Workshop PIDA 2013: la prima puntata oggi 8 Luglio 2014 ore 23.30 e in replica sabato 12 luglio 2014 ore 17.00.
Le serate si articoleranno secondo il seguente programma:
 Mercoledì 23 Luglio | ore 21

P.tta S. Angelo – Serrara Mario Contini (Coordinator Centre and South Italy Paint Sistem Consultant Sikkens): “Sostenibilità e green economy, una sfida da condividere”.
Jeremy King e Riccardo Roselli (Premio PIDA Carriera): “Architettura camaleontica”.
Susanna Tradati (Studio Nemesi - Premio PIDA Young Architects): “Verso il Padiglione Italia per Expo Milano 2015".
Seguiranno premiazioni e dibattiti. Interverranno: Rosario Caruso (Sindaco Comune Serra Fontana), Aldo Colonneti (Direttore Ottagono), Luca Lionetti (Agenzia per l’Energia Alto Adige CasaClima), Renata Tecchia (Presidente CasaClima Network Mediterraneo), Ermando Mennella (Presidente Federalberghi Ischia), Salvatore Visone (Presidente Ordine Architetti Napoli).
Al termine PIDA Design Party@Divina.
Giovedì 24 Luglio 2014 | ore 21

Villa La Colombaia - Forio Mario Contini (Coordinator Centre and South Italy Paint Sistem Consultant Sikkens): “Il colore come strumento di progetto”.
Hani Rashid e Lise Anne Couture (Premio PIDA International): “Form Follows Future”.

Francesca Molteni e Davide Pizzigoni (Premio PIDA Design): inaugurazione video - mostra“Dove vivono gli architetti - Salone del Mobile, Milano”.
Seguiranno premiazioni e dibattiti. Interverranno: Francesco Del Deo (Sindaco Comune Forio), Alfonso Morone (DiARCH Università Federico II Napoli), Nicola Flora (DiARCH Università Federico II Napoli), Francesco Scardaccione (Vice Presidente Fondazione Ordine Architetti Napoli), Paolo e Michela Baldessari (Direttori Workshop Design - Premio PIDA Friends), Laura Squillaci (Premio PIDA Giornalismo), Filippo Cannata (Light Designer).
Venerdì 25 Luglio 2014 | ore 21

Tenuta Piromallo - Forio Matteo Piazza (Premio PIDA Fotografia): inaugurazione mostra Fotografica “Statue of Liberty”.
Bijoy Jain (Premio PIDA Sostenibilità): “Lecture”.
Christine Dalnoky (Direttrice Workshop PIDA Paesaggio - Premio PIDA Paesaggio): “La Torre Pendente”.
Seguiranno premiazioni, dibattiti, presentazione lavori workshop PIDA Design, Paesaggio e Fotografia e inaugurazione mostra progetti finalisti PIDA.
Interverranno: Piergiorgio Semerano (Premio PIDA Carriera 2012), Flavia Castagneto (Referente MiBACT e gruppo Unesco Italia), Fausta Occhipinti (Docente Scuola Paesaggio Versailles), Alessandro Castagnaro (Presidente ANIAI e Professore DiARCH Università Federico II Napoli), Ciro Buono (Consigliere Ordine Architetti Napoli), Francesco Rispoli (Docente DiARCH Università Federico II Napoli), Mario Losasso (Direttore DiARCH Università Federico II Napoli), Gennaro Polichetti (Presidente Fondazione Ordine Architetti Napoli), Luigi Prestinenza Puglisi (Presidente Giuria PIDA).
Al termine PIDA Final Party.
Durante le tre giornate si potrà assistere ad alcune performance artistiche di Matthew Watkins che allieteranno le serate del PIDA allargando gli orizzonti ad altri settori dell’arte.
L’ingresso alle serate è libero e gratuito.
Sono previsti n° 4 crediti formativi per ogni serata.
Per prenotare un albergo ed essere presenti durante le serate del premio dal 23 al 25 Luglio, contattare l’hospitality partner del PREMIO PIDA, Imperator Travel, al seguente indirizzo: anna@imperatore.it
 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI