Visione Periferica. Giuseppe Adamo e Milan Vagač

Visione Periferica. Giuseppe Adamo e Milan Vagač

 

Dal 17 Marzo 2018 al 20 Aprile 2018

Palermo

Luogo: RizzutoGallery

Indirizzo: via Maletto 5 - via Merlo 36/40

Orari: da martedì a sabato 16-20

Enti promotori:

  • RizzutoGallery

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 091 7795443

E-Mail info: tizianapantaleo@rizzutogallery.com

Sito ufficiale: http://www.rizzutogallery.com


Comunicato Stampa:
“Visione Periferica”, bi-personale di Giuseppe Adamo (1982, Alcamo, Italia) e Milan Vagač (1987, Bratislava, Slovacchia).  
La mostra sarà inaugurata sabato 17 marzo 2018 alle ore 18, e resterà visitabile fino al 20 aprile 2018, dal martedì al sabato, dalle 16 alle 20. 

Alludendo col titolo alla condizione geograficamente periferica – rispetto ai grandi centri dell’arte contemporanea – nella quale entrambi gli artisti operano (Palermo e Bratislava), la mostra mette in relazione due linguaggi pittorici diversi per assetto formale e approccio processuale ma in qualche modo accomunati da un simile modo di ragionare sugli elementi identificativi della pittura. 
In un immaginario zapping, verranno messe a confronto l’astrazione tecnologica di matrice modernista di Vagač e la non-astrazione disorientante e ambigua di Adamo, cercando di definirne i punti di contatto e le possibili dissonanze. 

Giuseppe Adamo ragiona sul linguaggio pittorico libero da necessità narrative o di rappresentazione, muovendosi in un territorio di confine tra figurazione e astrazione. Le sue opere si presentano come superfici lisce, levigatissime, totalmente prive di spessore materico, dalle quali affiorano forme dall’aspetto tridimensionale che richiamano il mondo minerale e vegetale, ottenute mediante una pittura molto fluida, fatta di velature, trasparenze e variazioni tonali, attraverso un processo pittorico che in un certo senso imita i processi generativi della natura. 
Giuseppe Adamo ha studiato Pittura all’Accademia di Belle Arti di Palermo. Dal 2006 partecipa a mostre collettive, e nel 2009 realizza la sua prima personale. Nel 2014 è finalista al Premio FAM Giovani per le Arti Visive, Fabbriche Chiaramontane, Agrigento. Nel 2016 è impegnato in una residenza a Düsseldorf. Nello stesso anno la RizzutoGallery ospita la personale “Something”, a cura di Helga Marsala. 

Milan Vagač focalizza la sua pratica sul linguaggio dell'astrazione geometrica. Esaminando le sue possibilità attraverso dipinti, disegni o oggetti, il lavoro prende avvio da forme tipiche dell'avanguardia modernista come il costruttivismo, il neoplasticismo o i movimenti funzionalisti in architettura e design. Una parte importante del suo lavoro è poi la relazione con il passato definita dalle possibilità della nostra memoria, ma anche il ruolo della pittura nell'era post-digitale e l'impatto delle nuove tecnologie sui media tradizionali.  
Milan Vagač ha studiato all'Accademia di Belle Arti e Design di Bratislava. Ha conseguito un dottorato chiamato Project of lost future, incentrato sulla ricerca della memoria nell'arte contemporanea. È co-fondatore ed editore di Magazine X, dedicato al disegno contemporaneo. Nel 2011 ha ricevuto l'ESSL Art Award. Milan ha esposto le sue opere a Budapest (Chimera-Project), Praga (Karlin Halls), Vienna (museo ESSL), Tallinn (galleria VAAL) e Genova (galleria Sala Dogana).

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI