Gianluigi Mattia. “Ateliers...in Punta d’Argento”

Opera grafica di Gianluigi Mattia

 

Dal 02 Marzo 2018 al 15 Aprile 2018

Roma

Luogo: Museo di Roma in Trastevere

Indirizzo: piazza Sant'Egidio 1/b

Orari: Da martedì a domenica ore 10.00 - 20.00. Chiuso lunedì. La biglietteria chiude alle ore 19.00

Enti promotori:

  • Roma Capitale
  • Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Costo del biglietto: Tariffe non residenti: Intero: € 6,00 Ridotto: € 5,00 Tariffe residenti: Intero: € 5,00 Ridotto: € 4,00 gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente

Telefono per informazioni: +39 060608

Sito ufficiale: http://www.museodiromaintrastevere.it


Comunicato Stampa:
Con una serie di opere grafiche eseguite tutte in Punta d’Argento, Gianluigi Mattia ripropone le immagini fotografiche storiche di alcuni degli atelier di famosi artisti internazionali degli ultimi 150 anni, come Bonnard, Bacon, Segal, Morandi, Rodin, Giacometti, Toulouse Lautrec e tanti altri.
L’Atelier, inteso come luogo che precede la creazione dell’opera d’arte, di memoria e di affrancamento dell’artista con i suoi oggetti, foto, souvenir, dialoga in queste immagini con lo spettatore quasi sussurrando quella speciale relazione intima e affettiva che lo intreccia con il mondo quotidiano scevro dal grande rumore.

Mattia è, in questa sua visione, un’interprete d’eccezione; mettendo a colloquio le due immagini – fotografica e grafica – ne esalta la tecnica artistica seguendo il metodo rinascimentale e dà voce sottile al segno che imprime con leggerezza evocativa sul foglio. È un disegnare “colto” che attraversa trasversalmente una complessa e lunghissima ricerca che indica, altresì, l’esuberanza linguistica dell’artista. 

A chiudere l’esposizione, Mattia si mette in mostra con il suo Atelier. Considerato uno dei maestri storici di Trastevere, si racconta con le immagini del suo mondo di persone e vicoli romani giungendo a risultati straordinari fra liricità poetica e sensuale fisicità. 

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI