I 1000 volti di Lombroso

Ritratti di paziente psichiatrico esaminato con l'estesiometro di Weber. L'estesiometro era un apparecchio che Lombroso utilizzò per misurare la sensibilità tattile dei folli e dei criminali. Questi ritratti fotografici presentano annotazioni contenenti i rilevamenti ottenuti | Fotografo non identificato, Stampe all'albumina, Fine XIX inizio XX secolo

 

Dal 25 Settembre 2019 al 06 Gennaio 2020

Torino

Luogo: Museo Nazionale del Cinema

Indirizzo: Mole Antonelliana, Via Montebello 20

Orari: Lun / Mer / Gio / Ven / Dom 9 - 20 | Sab 9 - 23 | Mar Chiuso

Costo del biglietto: Intero 11 € | Ridotto 9 € | Scuole 3.50 €

Telefono per informazioni: +39 011 8138563

E-Mail info: info@museocinema.it

Sito ufficiale: http://www.museocinema.it


Comunicato Stampa:
Il Museo Nazionale del Cinema di Torino ospita, dal 25 settembre 2019 al 6 gennaio 2020 la mostra I 1000 volti di Lombroso che presenta, per la prima volta al pubblico, una selezione di fotografie appartenenti al fondo fotografico dell’Archivio del Museo di Antropologia criminale “Cesare Lombroso” dell’Università di Torino, in parte restaurate per l’occasione.

Padre fondatore della criminologia, gli archivi di facce di Lombroso dialogano con i cataloghi antichi e moderni dei volti che raccontano la mostra #FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji curata da Donata Pesenti Campagnoni e Simone Arcagni, inaugurata al Museo Nazionale del Cinema il 17 luglio scorso, una grande esposizione che, partendo dalla prestigiosa collezione del Museo Nazionale del Cinema, racconta gli ultimi 5 secoli di storia di questa pseudoscienza. Un percorso emozionale tra maschere e sistemi di riconoscimento facciale che conferma ancora una volta come il volto sia il più importante luogo di espressione dell’anima dell’essere umano.

La mostra I 1000 volti di Lombroso è a cura di Cristina Cilli - conservatrice e responsabile dell'Archivio del Museo, Nicoletta Leonardi - storica dell'arte e docente presso l'Accademia Albertina di Torino, Silvano Montaldo - direttore scientifico del Museo e docente presso l'Università degli studi di Torino e Nadia Pugliese - borsista di ricerca presso l’Archivio del Museo e rientra nel quadro delle celebrazioni del decennale dell’apertura del Museo Lombroso.

Ospitata nelle teche conservative al piano +5 del Museo Nazionale del Cinema di Torino, la mostra prevede l’esposizione di 305 fotografie che dialogano con 13 disegni, 2 manoscritti, 1 pannello illustrativo per la didattica e la divulgazione, 1 calco in gesso di un cranio e 1 maschera mortuaria in cera, 2 strumenti scientifici, 2 manufatti realizzati da pazienti psichiatrici, 1 scultura, 11 libri e 1 rivista per un totale di 340 exhibit.

I 1000 volti di Lombroso vuole creare un parallelo tra le numerose fotografie di volti presenti nel fondo e le diverse sfaccettature del pensiero lombrosiano, evidenziando lo stretto legame tra fotografia e ruolo sociale della scienza sul finire del XIX secolo e l'inizio del XX secolo. Tra il 1860 e il 1909 Lombroso raccolse, grazie alla sua fitta rete di relazioni con criminologi, psichiatri e medici legali, un'enorme quantità di immagini di soggetti appartenenti prevalentemente al mondo della psichiatria e a quello della criminalità.

Queste fotografie furono sistematicamente utilizzate dall’antropologo veronese nella ricerca, nella didattica e nell’ambito di attività espositive finalizzate alla divulgazione scientifica. Com’era pratica comune fra gli scienziati dell’epoca, Lombroso raccoglieva immagini acquistate sul mercato, inviategli da colleghi o da lui stesso commissionate, e usava la fotografia come prova documentaria, dato positivo da associare a misurazioni antropometriche dei crani, disegni, descrizioni biologiche e psicologiche.

Il percorso della mostra, articolata in 5 sezioni, presenta una selezione ragionata di questi materiali seguendo la cronologia delle ricerche di Lombroso: iniziando con gli studi sui malati psichiatrici e sul genio, passando poi per la sua teoria sull’atavismo (secondo la quale alcuni individui presentano i caratteri regressivi tipici dell’uomo primitivo), per le ricerche sul brigantaggio e sul delitto politico, si arriverà al tema della criminologia in rapporto al razzismo con un focus specifico sulla donna delinquente. Il percorso espositivo terminerà con un’ampia panoramica di immagini legate all'identificazione del criminale ovvero alla fotografia segnaletica e alla nascita della Polizia scientifica.

Vedi anche:
• FOTO: I 1000 volti di Lombroso
• #FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI