Vik Muniz. Afterglow. Pictures of Ruins

Vik Muniz, Fantasy Landscape with Ruins and Figures after Canaletto | © Vik Muniz 2017 / Per gentile concessione di Ben Brown Fine Arts, Londra

 

Dal 21 Aprile 2017 al 24 Luglio 2017

Venezia

Luogo: Palazzo Cini

Curatori: Luca Massimo Barbero

Costo del biglietto: Intero 10 € | Ridotto 8 €

E-Mail info: palazzocini@cini.it

Sito ufficiale: http://www.palazzocini.it


Comunicato Stampa:
Dal 21 aprile al 24 luglio la Galleria di Palazzo Cini a San Vio, inaugura la stagione espositiva 2017 con un omaggio alla contemporaneità: gli spazi al secondo piano accoglieranno la mostradel noto fotografo Vik Muniz Afterglow: Pictures of Ruins. Omaggio a Venezia, nato da un dialogo con il curatore Luca Massimo Barbero, Direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini, l’esposizione include foto inedite ispirate ai grandi maestri della collezione Cini, come Francesco Guardi, Dosso Dossi e Canaletto, oltre a una speciale scultura in vetro.
Grazie ad Assicurazioni Generali, main partner della Galleria fin dalla sua riapertura nel 2014 e da molti anni sostenitore istituzionale della Fondazione Cini, la stagione espositiva sarà aperta al pubblico fino al 15 novembre 2017.
 
Dopo aver visitato più volte la mostra “Capolavori ritrovati della collezione di Vittorio Cini” ospitata nel 2016 al secondo piano, l’artista contemporaneo Vik Muniz presenta ora a Palazzo Cini Afterglow: Pictures of Ruins progetto espositivo ispirato a queste visite e nato da un dialogo con Luca Massimo Barbero. Muniz, affascinato dal capriccio italiano e dalla tradizione veneziana, presenta al pubblico sia fotografie inedite tratte dalla recente serie Repro, sia lavori realizzati ex novo in una scala cromatica straordinariamente vivida, attingendo ai dipinti della collezione di Vittorio Cini e ponendosi così in un dialogo ideale con le opere esposte in Galleria.
 
La tradizione del capriccio architettonico, che unisce edifici reali e immaginari, rovine archeologiche e una varietà di altri elementi architettonici combinati in modo creativo e fantasioso, divenne un vero e proprio fenomeno nella pittura italiana del XVII e XVIII secolo che fu molto apprezzato, condiviso e stimato. Muniz rivisita questo tema in chiave contemporanea, simulando le pennellate di questi quadri con ritagli di dipinti riprodotti in volumi di storia dell’arte attentamente selezionati non solo per i loro valori cromatici ma anche per le immagini che contengono, che incollati insieme richiamano una superficie tattile, a impasto. Proseguendo la tradizione degli artisti del XVII e XVIII secolo, Muniz ricombina in modo creativo questi elementi ricostruendo nuove immagini che, attraverso un gioco di rimandi e citazioni, incuriosiscono lo spettatore.
 
In mostra sarà esposta anche una originale scultura in vetro, in omaggio alla città lagunare, che riproduce in grandi dimensioni un bicchiere della tradizione veneziana del Settecento. L’opera è stata realizzata a Murano nel 1989 (Berengo Studio) ed è frutto di diverse tecniche di lavorazione del vetro; il colore prevalente è rosso rubino, ed è stata utilizzata anche la foglia d’oro.
 
La mostra Afterglow: Pictures of Ruins inaugura la stagione 2017 della Galleria di Palazzo Cini a San Vio, “luogo straordinario, nascosto in evidenza” – come ama definirlo il direttore dell’Istituto di Storiadell’Arte Luca Massimo Barbero. Riaperto nel 2014 e situato tra le Gallerie dell'Accademia, la Collezione Peggy Guggenheim e Punta della Dogana, conserva capolavori di Giotto, Guariento, Botticelli, Filippo Lippi, Piero di Cosimo e Dosso Dossi. Contestualmente alla riapertura al pubblico del Palazzo, avvenuta nel 2014, l’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Cini ha avviato una nuova e importante ciclo di studio delle opere conservate, sfociato nella pubblicazione del catalogo La Galleria di Palazzo Cini, che sarà ufficialmente presentato il prossimo 29 maggio.

Vik Muniz è nato a San Paolo, Brasile, nel 1961 e attualmente vive tra New York City e Rio de Janeiro. Ha tenuto esposizioni presso istituzioni estremamente prestigiose quali l’International Center of Photography di New York, il Museu de Arte Moderna di San Paolo, il Museu de Arte Moderna di Rio de Janeiro, il Whitney Museum of American Art di New York, la Fundació Joan Miró di Barcellona, la Menil Collection di Houston, il Museo d’Arte Contemporanea di Roma e l’Irish Museum of Contemporary Art di Dublino. Le sue opere sono anche esposte nelle collezioni del Museum of Modern Art di New York, dell’Art Institute di Chicago, del Solomon R. Guggenheim Museum di New York, del the Metropolitan Museum of Art di New York, del Museu de Arte Moderna di San Paolo, del Museum of Contemporary Art di Tokyo, del Museum of Fine Arts di Boston, del Museum of Fine Arts di Houston, della Tate Gallery di Londra, del Victoria and Albert Museum di Londra, del Walker Art Center di Minneapolis e del Whitney Museum of American Art di New York. Nel 2001 Muniz ha rappresentato il Padiglione brasiliano alla quarantanovesima Biennale di Venezia. Vik Muniz è stato il protagonista di un documentario candidato all’Oscar dal titolo Waste Land (2010), che ricostruisce la cronistoria delle collaborazioni dell’artista con un gruppo di catadores (che sopravvivono raccogliendo e differenziando rifiuti) del quartiere Jardim Gramacho della città brasiliana di Duque de Caxias a nord di Rio de Janeiro, il sito di una delle più grandi discariche del mondo. Muniz lavorò tre anni con i catadores, utilizzando i rifiuti riciclabili da loro raccolti per creare dei ritratti monumentali di questi individui emarginati che ne rivelavano la dignità e disperazione, rifacendosi agli antichi capolavori dei Maestri. Muniz è stato inoltre nominato Ambasciatore di Buona volontà dell’UNESCO per il suo contributo a favore di istruzione e sviluppo sociale, in particolar modo per il suo lavoro con i catadores

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: