Villa Adriana

Tivoli, Largo Marguerite Yourcenar 1

 
  • Dove: Tivoli, Largo Marguerite Yourcenar 1
  • Indirizzo: Largo Marguerite yourcenar 1
  • E-Mail: villaadriana@beniculturali.it
  • Telefono: +39 077 4530203
  • E-Mail prenotazioni: villa.adriana@coopculture.it
  • Telefono prenotazioni: +39 0774382733
  • Apertura: dal 2 gennaio al 31 gennaio: ore 9-17
    dal 1 febbraio al 28/29 febbraio: ore 9-18
    dal 1 marzo all’ultimo sabato di marzo: ore 9–18:30
    dall’ultima domenica di marzo al 30 aprile: ore 9–19
    dal 1 maggio al 31 agosto: ore 9–19:30
    dal 1 settembre al 30 settembre: ore 9–19
    dal 1 ottobre all’ultimo sabato di ottobre: ore 9–18:30
    dall’ultima domenica di ottobre al 31 dicembre: ore 9-17
    La biglietteria chiude un'ora e mezza prima

    chiuso il 1° gennaio, il 1° maggio e il 25 dicembre, salvo aperture straordinarie
  • Costo: intero € 8, ridotto € 4 (agevolazioni previste dal regolamento di ingresso ai luoghi della cultura italiani, consultabili nel sito web del MiBacT)

    ingresso libero ogni prima domenica del mese
 
DESCRIZIONE:
Costruita tra il 118 e 138 d.C. dall’Imperatore Adriano, la villa trovò collocazione ideale su un banco tufaceo delimitato da due fossi, in un territorio verde e ricco di acque ai piedi dei Monti Tiburtini.
Il magnifico complesso si distribuì su un’area di circa 120 ettari ma la parte visitabile oggi è di circa 80.
Le competenze architettoniche di Adriano incisero sull’impianto della Villa che venne costruita con tecniche innovative e fuori dai canoni dell’epoca in un’inseguirsi di residenze, terme, padiglioni, ninfei e giardini distribuiti secondo un modulo estraneo alla consueta sequenza di ville e domus. Oltre ai collegamenti di superficie, fu predisposta una rete viaria sotterranea carrabile e pedonale riservata ai servizi. Il suo biografo Elio Sparziano afferma che nella Villa Adriano volle riprodurre i luoghi e monumenti che più lo avevano colpito durante i viaggi nelle province dell’Impero, e la motivazione con cui l’UNESCO l’ha dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1999 recita: “Villa Adriana è un capolavoro che riunisce in maniera unica le forme più alte di espressione delle culture materiali dell'antico mondo mediterraneo. Lo studio dei monumenti che compongono la Villa Adriana ha svolto un ruolo decisivo nella scoperta degli elementi dell'architettura classica da parte degli architetti del Rinascimento e del Barocco. Essa ha, inoltre, profondamente influenzato un gran numero di architetti e disegnatori del XIX e del XX secolo”.
La straordinaria ricchezza del progetto e delle decorazioni scultoree, fin dal Rinascimento è stata sì oggetto di ammirazione ma l’interesse ha assunto rapidamente carattere predatorio, tanto che le spoliazioni di marmi hanno disperso molte parti della Villa, oggi presenti nelle principali collezioni dei musei di Roma, d’Italia e d’Europa.
COMMENTI
Mappa