A Firenze fino al 14 febbraio

In mostra agli Uffizi due delle opere rubate a Castelvecchio

Giovanni Francesco Caroto, Ritratto di giovane con disegno infantile (1523)
 

Francesca Grego

24/01/2017

Firenze - Sono esposti da oggi nell’Aula Magliabechiana delle Gallerie degli Uffizi due dei dipinti trafugati al Museo di Castelvecchio di Verona nel novembre 2015 e rimpatriati dall’Ucraina nel dicembre scorso. Si tratta della Sacra Famiglia con una Santa di Andrea Mantegna e del Ritratto di giovane con disegno infantile di Giovanni Francesco Caroto. 

Due pregevoli realizzazioni del Rinascimento italiano, che vanno a inserirsi a pieno titolo nell’esposizione La Tutela Tricolore. I custodi dell’identità culturale, storia avventurosa di importanti opere d’arte che dal secondo conflitto mondiale ai nostri giorni sono state coinvolte in vicende di guerra, attacchi mafiosi o terroristici, incidenti, furti ed esportazioni illecite.

All’Adorazione dei pastori di Dono Doni, restaurata immediatamente dopo i danni del terremoto dell’ottobre scorso, e al ricco patrimonio di reperti archeologici, dipinti e oggetti preziosi restituiti in extremis alle comunità, si aggiungono dunque l’intensa tela della maturità del Mantegna, che al potente effetto scultoreo accompagna una vena di assorta malinconia, e l’olio su tavola del cinquecentesco maestro della luce Caroto, un unicum nella storia dell’arte, che per la prima volta rappresenta la quotidianità dell’infanzia al di fuori di miti e idealizzazioni.

COMMENTI
 
LA MAPPA
  NOTIZIE

VEDI ANCHE

Vedi tutte le notizie >