Biografia

E' un pittore italiano, autodidatta. E' il più noto tra i pittori naifs italiani. Ha dipinto soprattutto soggetti che ritraggono animali feroci ed esotici. Le ambientazioni dei suoi dipinti si rifanno ai paesaggi familiari della pianura padana. L'uso di colori accesi ha suggerito l'accostamento del pittore agli espressionisti e a Van Gogh in particolare.
La triste odissea di Antonio Ligabue ha inizio il 18 dicembre 1899 a Zurigo e si conclude il 27 maggio 1965 a Gualtieri, dove era approdato il 9 agosto 1919, espulso dalla Svizzera, dopo un’infanzia e un’adolescenza segnate dall’emarginazione (a soli nove mesi di età fu affidato dalla madre a un’altra famiglia) e dall’insofferenza verso il mondo che lo circondava – a scuola, tuttavia, già si erano rivelati la sua passione e il suo talento per il disegno. A Gualtieri la sua vita resta durissima, soprattutto nei primi anni, in cui, per riuscire a vivere, fa lo scariolante sulle rive del Po. Inizia a dipingere alla fine degli anni Venti, apprezzato da rari estimatori, tra i quali Marino Mazzacurati. Nel 1955 tiene la prima mostra personale a Gonzaga, in occasione della Fiera millenaria, organizzata da Cesare Parmiggiani; nel 1961 un’esposizione a Roma, alla Galleria La Barcaccia, ne segna la consacrazione nazionale (“il caso Ligabue”), dopo un’intensa attività artistica, spesso incompresa e addirittura derisa, che nel tempo susciterà tuttavia l’ammirazione e l’interesse di collezionisti, critici e storici dell’arte.

COMMENTI:

Biografie di: Antonio Ligabue

  • Biografia: Antonio Ligabue

    Pittore italiano (Zurigo 1899-Gualtieri, Reggio nell'Emilia, 1965). Stabilitosi in Italia dopo il 1918 (era figlio di emigrati italiani), condusse una vita girovaga dipingendo, da autodidatta, cartelloni e fondali per circhi equestri e manifestando presto quegli squilibri mentali che dovevano incisivamente ...

Notizie dal Web

Vedi Anche