Lakota, Cheyenne, Crow, Blackfoot. Usi e costumi dei nativi americani delle grandi pianure dalla collezione di Sergio Susani

Casco da guerra Warbonnets

 

Dal 04 Febbraio 2017 al 25 Marzo 2017

Arezzo

Luogo: MUNACS - Museo Nazionale del Collezionismo Storico

Costo del biglietto: 3 €, gratuito fino a 12 anni

Telefono per informazioni: +39 339 754 2697

E-Mail info: segreteriamunacs@gmail.com

Sito ufficiale: http://www.munacs.it/


Comunicato Stampa:
Dal 4 febbraio al 25 marzo 2017 al Munacs (Museo Nazionale del Collezionismo Storico) di Arezzo vengono esposti oggetti di vita quotidiana, armi e costumi della Collezione Sergio Susani, universalmente riconosciuto come il massimo esperto europeo di storia degli indiani d’America e anche uno dei massimi collezionisti a livello mondiale. In collaborazione e con il patrocinio scientifico dell’Associazione Wambly Gleska di Firenze, che rappresenta ufficialmente i popoli nativi americani in Italia e in Europa, la mostra ha lo scopo di far conoscere una parte di questo popolo “fiero" e tutt’altro che "selvaggio", che per centinaia di anni, ha popolato le grandi pianure degli Stati Uniti d’America, vivendo, prima della venuta dell’uomo bianco, in perfetta armonia con la natura, con profonda spiritualità e nel rispetto della Madre Terra e di tutti gli esseri viventi. Non esisteva il senso di proprietà ed era incomprensibile poter recintare uno spazio, proprio perché acqua, terra, animali  ed alberi, erano considerati un dono del Grande Spirito alla collettività. Il bisonte, fonte di vita delle tribù delle Pianure, veniva cacciato nella quantità minima per il sostentamento, e da questo se ne ricavava tutto il necessario  per la costruzione dei Tepee (le loro case mobili), vestiario, suppellettili e materiali per la costruzione di armi per la caccia e la guerra. I combattimenti fra tribù si svolgevano stimando ed allo stesso tempo sfidando il nemico  semplicemente percuotendolo con il  “Bastone dei colpi “. "Contare colpo“ era più importante che uccidere o ferire, permettendo al guerriero di ricevere una penna di aquila ad ogni incontro di guerra. Le varie penne, così conquistate, erano poi utilizzate nella costruzione del diadema di guerra (war bonnet) di cui alcuni esempi sono presenti nella mostra. Gli abiti in pelle, compresi gli stessi mocassiniborse e suppellettili, venivano ricamati prima dell’arrivo dei bianchi, con aculei di porcospino. Erano quindi colorati e cuciti con tendine ed intrecciati con svariate tecniche. Dopo Colombo il commercio delle conterie Veneziane (perle e perline di vetro colorato) scambiate con pelli e pellicce per il mercato Europeo, prese il sopravvento sull’utilizzo degli aculei (mai però abbandonati) e i costumi verranno ad essere più elaborati e colorati. Ogni tribù utilizzò la propria tecnica di lavorazione di cui si possono vedere molti esempi nel percorso della mostra. Le prime armi erano costituite da lance, archi e freccecoltelli di selce o di osso e mazze in pietra. In seguito, nella consueta forma di scambio con i bianchi “Trading”, i nativi poterono utilizzare coltelli, asce in metallo e fucili. Alcune di queste asce dette Pipe- Tomahawk (dotate di un manico forato ed un fornello per fumare) venivano forgiate espressamente per questo mercato. Esempi sono presenti lungo il percorso della mostra mostrando i diversi tipi di personalizzazione preferiti dalle varie tribù. Conclude la visita la sezione dedicata alla spiritualità: sono infatti esposti manufatti che fungevano da tramite con il Grande Spirito: pipe sacre e tabacco il cui fumo saliva verso il cielo e stabiliva il contatto, ventagli di penne d’Aquila (l’uccello che vola più in alto), il cranio di bisonte che rappresenta il Grande Spirito sulla terra nonché le erbe sacre . Un viaggio quindi difficilmente ripetibile, ricco di storia e di fascino che permetterà ai visitatori di godere della vista di oggetti unici. È possibile realizzare percorsi didattici alla mostra per scuole, famiglie e associazioni, previa prenotazione.  

Aperto dal mercoledì alla domenica, orario di apertura: 10:30-12:30 / 15-17. Chiuso il lunedì e il martedì 

Sabato 25 febbraio alle ore 17.00
presso la Sala delle Conferenze del Seminario Vescovile di Arezzo in Piazza di Murello 2, avrà luogo la conferenza aperta a tutta la cittadinanza dal titolo “Chi veramente scoprì l’America. Storia, cultura e spiritualità dei Nativi Americani” con relatore il Dott. Alessandro Martire Brings Plenty, Rappresentante presso l’Alto Commissariato dei Diritti dell’Uomo di Ginevra, che illustrerà l'intera storia di un popolo che, seppur vessato e falcidiato da secoli, non ha mai abbandonato la propria fierezza e voglia di mantenere la propria identità culturale.
La conferenza si inserisce all’interno della mostra “Lakota, Cheyenne, Crow, Blackfoot. Usi e costumi dei Nativi Americani delle Grandi Pianure” che dal 4 febbraio al 25 marzo 2017 è visibile presso il Munacs (Museo Nazionale del Collezionismo Storico) di Arezzo, con esposti oggetti di vita quotidiana, armi e costumi della Collezione di Sergio Susani,universalmente riconosciuto come il massimo esperto europeo di storia degli indiani d’America e uno dei massimi collezionisti a livello mondiale.
L’esposizione realizzata in collaborazione e con il patrocinio scientifico dell’Associazione Wambly Gleska di Firenze, che rappresenta ufficialmente i popoli nativi americani
in Italia e in Europa, ha lo scopo di far conoscere una parte di questo Popolo “fiero" e tutt’altro che
"selvaggio", che per centinaia di anni, ha popolato le grandi pianure degli Stati Uniti d’America, vivendo, prima della venuta dell’uomo bianco, in
perfetta armonia con la natura, con profonda spiritualità e nel rispetto della Madre Terra e di tutti gli
esseri viventi. 

Un viaggio coinvolgente e irripetibile, ricco di storia e di fascino che permette ai visitatori di godere della vista di oggetti unici.
È possibile realizzare percorsi didattici alla mostra per scuole, famiglie e associazioni, previa prenotazione.


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: