Di acqua e di carta. Storia della valle delle cartiere nei documenti storici tra XV e XVIII secolo

Museo della Carta, Toscolano Maderno

 

Dal 02 Giugno 2018 al 02 Settembre 2018

Brescia

Luogo: Museo della Carta

Indirizzo: via Valle delle Cartiere, Toscolano Maderno

Curatori: Lisa Cervigni, Silvia Merigo

Costo del biglietto: intero: € 7, ridotto: € 5 (gruppi composti da minimo 20 persone, 6-18 anni, over 65), Residenti nel Comune di Toscolano Maderno: € 3, Gratuità: disabili e loro accompagnatori, bambini di età inferiore ai 6 anni

Telefono per informazioni: +39 0365 641050

E-Mail info: info@valledellecartiere.it

Sito ufficiale: http://www.valledellecartiere.it


Comunicato Stampa:
Sabato 2 giugno alle 16 verrà aperta la mostra di punta del Museo della Carta per la stagione estiva, un’esposizione che racconta il rapporto del popolo della Valle con il torrente Toscolano che ha determinato per secoli la vita e la ricchezza della produzione cartaria ma anche la distruzione e la morte in un luogo tanto magnifico quanto dominato dalle forze della natura

La mostra curata da Lisa CervigniSilvia Merigo, è il primo passo verso la costruzione di un’identità museale che non solo ha lo scopo di conservare le testimonianze storiche, ma che vede il museo come luogo di ricerca e scoperta per poter far conoscere nuovi aspetti della storia del territorio. I documenti esposti, una trentina, fanno parte dell’archivio storico comunale di Toscolano Maderno e sono del tutto inediti.
Quest’anno l’interesse è stato rivolto al torrente Toscolano che per secoli, prima della costruzione della diga avvenuta nel 1962, ha rappresentato la fortuna ma anche una sfida continua per gli abitanti e i lavoratori delle cartiere.
 
Il materiale esposto narra la continua e faticosa lotta dell’uomo per dominare il torrente attraverso un’attività incessante di costruzione e ricostruzione di tutte quelle opere che permettevano la produzione cartaria. Una lotta non solo tra uomo e natura ma anche tra uomo e uomo in un susseguirsi di dispute causate dall’acqua e dai diritti ad essa connessi.
La mostra è strutturata in tre sezioni. La prima, racconta la storia della valle e delle sue cartiere e come il torrente fosse allo stesso tempo risorsa e affanno. Viene documentato l’impegno continuo non solo nella costruzione ma anche nella manutenzione delle opere lignee lungo il fiume che alimentavano l’energia delle cartiere come le seriole(che prendevano acqua dal fiume) e le travate(che deviavano le acque del torrente e le facevano confluire). Inoltre viene dato particolare risalto al periodo d’oro di questo territorio, che tra la meta del ‘400 e il ‘500, vede Venezia scegliere i maestri cartai di Toscolano per la produzione della carta da stampa della Magnifica Patria. 
La seconda sezione è dedicata alle piene che colpirono la Valle, in particolar modo all’alluvione del 1738, che in poco tempo spazzò via opere e macchinari che venivano impiegati nelle cartiere anche da secoli. 
Qui sono visibili delle mappedi quel periodo, redatte da dei periti, che furono chiamati in seguito ad un contenzioso legale tra due maestri cartai, che a causa dei danni provocati dalla piena, tentavano di far valere ognuno i propri diritti. 
La terza sezione è dedicata al sentiero delle Assi, fino al 1871, l’unica via di accesso per raggiungere la Valle delle Cartiere. Un percorso pericoloso e pieno di ostacoli dovuti alla stessa conformazione geologica del territorio e che vide nel corso degli anni anche delle vittime. In conclusione vengono esposti documenti che raccontano la costruzione della nuova strada di accesso.
 
La mostra vuole avvicinare nuove persone in modo fruibile e semplice alla conoscenza del ricco patrimonio custodito nell’archivio comunale. Infatti nonostante la natura documentaria dell’esposizione, risulta facilmente fruibile anche ad un pubblico non specializzato.  I documenti delle varie epoche sono infatti lo specchio materiale della vita e del rapporto dell’uomo con questo lembo di terra così bello e così impervio.

Orari: 
dal 24 marzo al 30 giugno e dal 1 settembre al 7 ottobre tutti i giorni dalle 10 alle 18
Dal 1 luglio al 31 agosto tutti i giorni dalle 10 alle 19
Dal 13 ottobre al 28 ottobre solo sabato e domenica dalle 10 alle 18


SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI