Simone D'Auria. Wow, la girandola delle energie

Simone D'Auria, WOW

 

Dal 22 Giugno 2016 al 31 Dicembre 2016

Firenze

Luogo: Gallery Art Hotel

Enti promotori:

  • Col patrocinio del Comune di Firenze
  • Col contributo di Leica e di IRE-OMBA

Costo del biglietto: ingresso gratuito

Telefono per informazioni: +39 055 27263

E-Mail info: gallery@lungarnocollection.com

Sito ufficiale: http://www.lungarnocollection.com/gallery-hotel-art


Comunicato Stampa:
L’iniziativa, giunta alla sua quarta edizione, propone un percorso che unisce il fronte esterno dell’hotel e tutta l’area urbana circostante: all’esterno, girandole giganti richiamano a ripensare a un utilizzo più consapevole delle energie rinnovabili e sostenibili; all’interno, una retrospettiva con fotografie e oggetti d’autore dell’artista milanese.

Nel progetto di riqualificazione di Vicolo dell’Oro, a pochi passi da Ponte Vecchio di Firenze, iniziato nel 2013 dalla Lungarno Collection, società di gestione alberghiera di proprietà della famiglia Ferragamo, è stato affidato all’artista e designer Simone D’Auria il compito di realizzare sulla facciata del Gallery Art Hotel e in tutta l’area urbana circostante, delle installazioni che affrontassero, col suo linguaggio immediato e di forte impatto, temi di particolare interesse sociale.

Nasce da queste premesse, WOW. La girandola delle energie, il nuovo progetto di Simone D’Auria, col patrocinio del Comune di Firenze, col contributo di Leica e di IRE-OMBA, che presenta dal 22 giugno al 31 dicembre 2016, girandole di grandi dimensioni che rimandano all’idea del vento e a quella dell’energia pulita ottenibile sfruttando questo fenomeno atmosferico. Un’opera che unisce ironia e sensibilizzazione sociale, comunicati con un linguaggio semplice e diretto, e che vuole stimolare i passanti a utilizzare in modo consapevole le energie rinnovabili e sostenibili.
WOW giunge al Gallery Art Hotel, dopo che la sua facciata aveva ospitato, nel 2013, una lunga fila di biciclette giganti che rappresentavano l’avventura dell’umanità sempre proiettata al futuro, nel 2014, una lunga fila di manichini cromati, ciascuno con una differente testa di animale per ripercorrere, attraverso i loro simboli, la storia dei grandi personaggi fiorentini e, nel 2015, anno di Expo, enormi cucchiai - Bruno spoon - che ricordavano i temi approfonditi dall’Esposizione universale e, al tempo stesso, omaggiassero il grande designer Bruno Munari.
“Sono ormai 4 anni che Lungarno Collection attraverso il Gallery Hotel Art si impegna nella valorizzazione e riqualificazione di questa piccola piazzetta proprio accanto a Ponte Vecchio” – afferma Valeriano Antonioli, AD del Gruppo - “un appuntamento diventato ormai importante non solo per noi e i turisti che arrivano nel capoluogo toscano, ma anche per i fiorentini che, di anno in anno, aspettano di capire come si animerà la Piazza, pronti a farla diventare lo sfondo per le proprie foto e i propri selfie da condividere poi sui social. Firenze è anche questo e per noi è fonte di grande soddisfazione e orgoglio. Un ringraziamento particolare va naturalmente al Comune della città che ci ha onorato del suo Patrocino”.
È il rosso, il codice colore che accompagna l’intera iniziativa e che rappresenta una delle cifre stilistiche di tutti gli interventi di Simone D’Auria per Lungarno Collection. A ripercorrere le precedenti edizioni, si terrà, all’interno del Gallery Art Hotel, una retrospettiva, in collaborazione con Leica, che presenterà 12 fotografie e oggetti d’autore.
Il progetto si completa, nella piazza di Vicolo dell’Oro, con due enormi vasi dai quali spuntano come piante altrettante girandole e una grande scritta WOW tridimensionale di colore rosso per simulare l’esclamazione di felicità e di stupore che coglierà lo spettatore davanti all’opera e, contemporaneamente, rafforzarne la presa di coscienza verso un tema così importante e decisivo per il futuro del pianeta.
La scritta è pensata per creare un’interazione col pubblico, diventando motivo e sfondo per scattare selfie e condividerli attraverso i canali social (#wowFirenze #galleryhotelart; Instagram: @lungarnocollection).
L’esperienza WOW potrà essere vissuta da tutti i visitatori non solo in vicolo dell’Oro, ma anche nel piatto con esperienze eno-gastronomiche WOW proposte dal The Fusion Bar & Restaurant, nate dalla collaborazione di Simone d’Auria, con l’Executive Chef stellato della compagnia, Peter Brunel.

Simone D’Auria (Bergamo, 1976)
Architetto e designer. Figlio degli anni settanta, cresce in un ambiente culturale pervaso dalla rivoluzione estetica e politica. L’atmosfera alternativa di quegli anni caratterizzerà indelebilmente il senso estetico del suo percorso progettuale. È a Bruno Munari, maestro del design italiano, che Simone D’Auria guarda con reverenza quando decide di seguire la sua vocazione. Il talento naturale, il know how assimilato durante gli anni e la preparazione “istituzional-culturale”, gli permettono di affacciarsi consapevolmente al mondo dell’arte e del design. A livello istituzionale le collaborazioni più prestigiose riguardano Triennale Milano, dove espone regolarmente alcune delle sue opere d’arte e design e St. Moritz Art Masters 2012 con l’esposizione di due delle opere più recenti (Charging Bull e MV California). Simone D’Auria opera in realtà in tutte le discipline del design, realizzando progetti di disegno industriale, grafica, editoria, art direction, architettura e interni di alberghi, case private, showrooms, negozi e motociclette: di tanto intanto sconfina nel mondo dell’arte e della fotografia. Questa visione così ampia e ‘unconventional’, lo spinge alla costante ricerca di nuovi materiali e sempre diverse possibilità di impiego degli stessi, da qui i suoi inconfondibili progetti, prodotti e opere caratterizzati da un fascino trasversale e dalla forte interdisciplinarità.

Lungarno Collection
Fondata nel 1995, Lungarno Collection è la compagnia di gestione alberghiera di proprietà della famiglia Ferragamo, con presidente Leonardo Ferragamo, che ha trasferito nel settore dell’ospitalità gli stessi principi di stile e coerenza che hanno distinto nel mondo la casa di moda Salvatore Ferragamo. Lungarno Collection si compone di luxury & design hotels, retreats, ville, ristoranti e retail:
- Toscana: 4 hotel a Firenze, luoghi unici in posizione privilegiata intorno a Ponte Vecchio, con vista panoramica sulla città (Hotel Lungarno, Gallery Hotel Art, Hotel Continentale e Portrait Firenze), una villa cinquecentesca immersa nel verde a pochi chilometri da Firenze (Villa Le Rose) e 32 luxury apartments su uno dei tratti di costa più belli e incontaminati della maremma (Resort Baia Scarlino). Sempre a Firenze: tre ristoranti (Ristorante Borgo San Jacopo, Fusion Bar & Restaurant e il Caffè dell’Oro).
- Roma: un boutique hotel di sole 14 suite nel cuore di Via Condotti, a pochi metri da Piazza di Spagna (Portrait Roma).
- Mar Mediterraneo e Caraibi: 4 imbarcazioni Swan, vere e proprie residenze di lusso galleggianti

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI
 
LA MAPPA
  MOSTRE
Indicazioni stradali da: