Fabrizio Inglese. Le grida silenti

Fabrizio Inglese, Vanitas #1, 100x80 cm., acrilico, pennarelli, collage su tela, 2014

 

Dal 07 Febbraio 2018 al 20 Febbraio 2018

Milano

Luogo: Galleria d’Arte Contemporanea STATUTO13

Indirizzo: via Statuto 13

Orari: dal martedì al sabato 11-19

Curatori: Massimiliano Bisazza

Telefono per informazioni: +39 347 2265227

E-Mail info: info@statuto13.it

Sito ufficiale: http://www.statuto13.it


Comunicato Stampa:
La pittura espressionista di Fabrizio Inglese è l'estrinsecazione del profondo disagio interiore e del suo tormento, entrambi espressi su tela. Si tratta di ciò che l'artista ama definire i propri “selfie interiori” e lo fa con atteggiamento laconico, in quanto ciò che conta realmente per lui è lasciar parlare i suoi dipinti.
 
Volti e corpi deformati urlano ma metaforicamente lo fanno in silenzio. Condividono la propria inquietudine e ci narrano i mille aspetti del lato oscuro del pittore, nei quali l'uomo può riconoscersi, anche attraverso la scelta voluta delle tonalità di colori anti-accademici.
 
E' assai evidente che nei dipinti di Inglese sia presente un profondo viaggio interiorizzato che percorre ansie, timori ed ossessioni o paranoie ma è oltremodo palese che non vi sia alcuna attenzione verso canoni estetici di nessuna sorta. Si evince che l'”apparire”, tanto agognato nella persistente globalizzazione mondiale odierna di sentimenti e di modus vivendi, non è d'interesse nella poetica  dell'artista. Tutt'altro; lui pone l'accento sull'essere e sul  divenire.
 
Osservando i lavori esposti in galleria STATUTO13 l'occhio del fruitore è catturato, polarizzato oserei dire, dall'intenso horror vacui che ne scaturisce e che porta i ricordi a una commistione di influenze inseribili tra la Street Art di Jean-Michel Basquiat e l'espressionismo norvegese tipico di Edvard Munch; ma con ogni probabile declinazione personale e tipicamente ascrivibile allo stile proprio del pittore Fabrizio Inglese.
 
I volti sembrano teschi, le bocche e i visi sono drammaticamente attorti; quasi si trattasse di pseudo-maschere, eloquenti nel loro riferirsi a una sensazione di intenso cupio dissolvi, che prelude appunto la volontà di lasciarsi andare fino al sonno perpetuo.
 
In fondo al tunnel però si vede una luce, quella dell'auto-guarigione, dell'auto-terapia che di fatto, nelle Arti visive, ha spesso una potente valenza taumaturgica.
 
Il passaggio dal dolore all'elaborazione conscia dei propri traumi e del vissuto doloroso può condurre alla serenità. Si può credere dunque più che mai che l'allegoria che sottende a un ipotetico urlo insito nell'anima dell'artista - ma anche di ognuno di noi – sia direttamente proporzionale all'esorcizzazione e ri-elaborazione in senso costruttivo e positivistico che si auspica possa avvenire al termine di un percorso umano e pittorico tanto vigoroso.
 
La nota scrittrice Marguerite Duras affermava che “Scrivere è anche non parlare. È tacere. È urlare in silenzio” . Dunque si può pensare che  questo assunto sia certamente valido in modo omogeneo anche se applicato alla pittura.

Opening: 7 febbraio 2018 dalle h 18,30 alle h 21

SCARICA IL COMUNICATO IN PDF
COMMENTI